Ultime notizie e annunci dal vivo

L’assistenza militare straniera è così importante per la difesa dell’Ucraina contro la Russia che un’azienda ucraina sta rendendo omaggio con nuovi prodotti: versioni giocattolo di seta delle armi devastanti delle truppe russe.

Kopytsia, un negozio online fondato nel 1998 nella regione di Chernihiv in Ucraina, ha pubblicato una frase definendolo “giocattoli morbidi patriottici” in onore dell’opposizione del paese alla Russia e del sostegno che ha ricevuto.

Tra i giocattoli offerti c’erano versioni disordinate di Bayraktar TB3, droni di fabbricazione turca che hanno svolto un ruolo chiave nella difesa dell’Ucraina e giavellotti usati dall’Ucraina per distruggere i carri armati russi sul campo di battaglia.

Esiste anche una versione in miniatura da 20 pollici dell’aereo cargo Miriam più pesante mai costruito fino a quando non fu distrutto nella battaglia per l’aeroporto Antonov fuori Kiev nei primi giorni dell’invasione russa a febbraio.

Maria Kobitzia, che gestisce l’azienda di famiglia con suo padre Anatoly, ha detto che “mantiene lo spirito patriottico del nostro Paese e sostiene le forze armate ucraine”.

La signora che è rimasta in Ucraina per tutta la guerra. Gopitsia, la famiglia ha introdotto una linea di prodotti che ha sollevato il morale durante le prime due settimane di guerra, ma non è stata in grado di fornire a causa dei feroci combattimenti in tutto il nord dell’Ucraina, inclusa la regione di Chernihiv. Capitale e altre grandi città.

Ogni giocattolo costa tra $ 8 e $ 12. Sig.ra. Gopitsia ha detto che la vendita di giocattoli avrebbe fatto molto per pagare i loro lavoratori.

Domenica, una foto pubblicata dalla giornalista ucraina Olga Tokaryuk che mostrava i giocattoli della signora Kopitsia in vendita in un negozio nell’Ucraina occidentale è diventata virale e la signora Kopitsia afferma che, nonostante alcune critiche online sul rischio di militarizzazione dei bambini ucraini, la crescita è in aumento. interesse per loro.

READ  Muore a 70 anni Hilary Mandel, pluripremiata scrittrice di narrativa storica

La signora Gopitsia ha detto di essere grata per l’assistenza occidentale all’Ucraina.

“Se possiamo proteggere il nostro Paese con il loro aiuto, se posso vivere in un’Ucraina indipendente, ho tutto per questo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.