Punteggio Eagles vs. Vikings: Jalen Hurts, Darius Slay recita mentre Philly calpesta tutto il Minnesota

Philly ha accolto il Minnesota in città lunedì sera con la stessa determinazione, cinque anni dopo che gli Eagles hanno superato i Vikings al Lincoln Financial Field per avanzare al Super Bowl. Nonostante fosse entrato con grandi speranze dopo la sconfitta dei Packers nella settimana 1, la squadra emergente di Kevin O’Connell sembrava senza vita dall’inizio alla fine, mentre gli Eagles di Nick Sirianni avevano probabilmente la migliore prestazione della carriera del giovane quarterback Jalen Hurts. Insieme a una difesa opportunistica, gli Hurts hanno aiutato i Birds a superare il punteggio di 24-7, che non è mai stato vicino al punteggio finale.

Ecco alcuni suggerimenti immediati dalla resa dei conti in prima serata di lunedì sera:

Perché gli Eagles hanno vinto?

Jalen Hurts è ufficialmente arrivato come quarterback di calibro franchigia e la difesa di Jonathan Cannon gli ha finalmente dato uno straordinario sforzo di riempimento. Dopo aver battuto i Lions principalmente con i piedi nella settimana 1, Hurts è stato il pacchetto totale in prima serata, tagliando a cubetti la secondaria del Minnesota dall’inizio alla fine e urlando attraverso i contrasti come il miglior QB rusher di questa settimana. Era preciso, efficiente e lo assorbiva profondamente, usando i suoi chakra solo quando necessario. È stata una vera performance di successo che ha coinvolto artisti del calibro di AJ Brown, Devonta Smith, Dallas Goedert, Miles Sanders e Boston Scott.

In difesa, l’unità di Cannon è stata impressionante, limitando Justin Jefferson a bersagli corti in anticipo, eliminando completamente un attacco rapido guidato da Dalvin Cook e licenziando Kirk Cousins ​​due volte nella zona rossa. Star corner Darius Slay ha battuto Jefferson in copertura per bloccare l’attacco di Kevin O’Connell in ogni aspetto. Entro la fine della notte, Slay aveva due scelte e avrebbe potuto facilmente averne cinque, e Cannon ha beneficiato dell’uso di più blitz.

READ  Annunci diretti: la Russia occupa l'Ucraina

Perché i Vichinghi hanno perso?

Il divario ampio di cui godevano nella traiettoria di apertura della stagione contro i Packers non si vedeva da nessuna parte. Kirk Cousins ​​ha ricevuto zero supporto per la corsa, regolarmente non è riuscito a connettersi con il suo corpo di ricezione d’élite e poi ha lanciato in ritardo, alla disperata ricerca di una scintilla. Niente è scattato con la palla preferita di Kevin O’Connell, dove Dalvin Cook è stato un fattore a pieno titolo e i ricevitori di passaggi si sono alternati facendo cadere i tiri chiave, niente di più del punteggio di Irv Smith Jr..

In difesa, l’esuberante unità di Ed Donadell ha perso tutto il suo sfrigolio rispetto alla settimana precedente, giocando una copertura morbida per consentire a Jalen Hurts di navigare senza intoppi, soprattutto quando Camryn Bynum ha lottato nel back-end durante un paio di drive Eagles TD. Il livello di energia non sembrava mai essere lì per il Minnesota, che aveva una media di meno di quattro yard per tentativo di passaggio. Patrick Peterson ha cercato di riaccendere la loro lotta con un blocco a canestro, ma per il resto il club era scontento.

punto di svolta

Puoi indicare uno dei secondi o terzi TD di Jalen Hurts che ha dichiarato la vittoria degli Eagles davanti al loro pubblico urlante di casa. Hurts ha stappato un perfetto piatto profondo per portare Philly sul 14-0 su una corsa di 53 yarde di Kyuse Watkins, che ha poi visto il QB bulldoze attraverso i difensori dei Vikings per una corsa di 26 yard TD. Davanti a due marchi. Il Minnesota è stato seguito da diversi punteggi per il resto del torneo.

READ  Musk sta vendendo azioni Tesla per un valore di 6,9 miliardi di dollari, citando la possibilità di un accordo convincente su Twitter

Gioco del gioco

Apparteneva a Hurts, la cui lotta per il punteggio del primo tempo ricordava che è una delle migliori doppie minacce della NFL:

Qual è il prossimo

Gli Eagles (2-0) si recheranno a Washington per il loro primo incontro della NFC East dell’anno contro i Commanders (1-1), caduti domenica contro i Lions. I Vikings (1-1), nel frattempo, torneranno a casa per una resa dei conti con Detroit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.