Petrolio scende di 5$ sui colloqui Russia-Ucraina, la Cina chiude

Il 4 marzo 2013, un cliente fa rifornimento di diesel alla sua auto in una stazione di servizio a Nizza. REUTERS/Eric Gaillard

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Ucraina e Russia hanno compiuto rari progressi nei colloqui di pace
  • La Cina ha registrato più casi di COVID quest’anno rispetto al 2021
  • Il Regno Unito sta esortando l’Arabia Saudita ad aumentare la produzione di petrolio
  • L’India è pronta a rilasciare più riserve di petrolio

LONDRA, 14 marzo (Reuters) – Il prezzo del petrolio è sceso lunedì di circa 5 dollari al barile, poiché gli investitori hanno fatto affidamento sugli sforzi diplomatici di Ucraina e Russia per porre fine al conflitto, mentre l’aumento dei casi di COVID-19 in Cina ha minacciato i mercati.

Il Brent è sceso di $ 4,62 o del 4,1% a $ 108,05 al barile alle 1152 GMT, mentre il greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) è sceso di $ 5,45 o del 5% a $ 103,88.

Entrambi gli accordi sono aumentati dall’occupazione russa dell’Ucraina il 24 febbraio e sono aumentati di circa il 40% quest’anno.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Lunedì i negoziatori ucraini e russi dovrebbero parlare di nuovo tramite collegamento video. Dopo i colloqui del fine settimana i negoziatori hanno espresso i loro giudizi più incoraggianti, suggerendo che potrebbero esserci risultati positivi entro pochi giorni. Per saperne di più

“A parte i nuovi colloqui tra Ucraina e Russia, penso che i nuovi blocchi in Cina siano la ragione dell’inizio negativo della settimana per il greggio”, ha affermato Giovanni Stanovo, analista di UPS.

La Cina, il più grande importatore di greggio al mondo e il secondo consumatore dopo gli Stati Uniti, sta assistendo a un aumento dei casi di COVID-19 poiché la variante più pervasiva di Omicron si diffonde a più città, innescando esplosioni da Shanghai a Shenzhen.

READ  Risultati del college football, calendario, classifiche NCAA dei primi 25, partite di oggi: Michigan, Texas A&M in azione all'inizio

I suoi dati giornalieri sul carico di nuovi casi hanno raggiunto il massimo di due anni, con 1.437 nuovi casi confermati di virus corona segnalati il ​​13 marzo. Per saperne di più

“Questa settimana, i partecipanti al mercato stanno monitorando da vicino lo sviluppo delle esportazioni petrolifere russe. Finora questo mese i flussi di petrolio non sono stati influenzati”, ha aggiunto Stanovo.

La produzione russa di stoccaggio di petrolio e gas è salita a 11,12 milioni di barili al giorno (bpd) a marzo, secondo quanto riferito a Reuters da due fonti che hanno familiarità con i dati sulla produzione di petrolio nonostante le sanzioni sul petrolio russo.

Due funzionari indiani hanno affermato che l’India sta valutando la possibilità di accettare un’offerta russa per acquistare petrolio greggio e altri beni a un prezzo scontato attraverso il cambio rupia-rublo. Per saperne di più

Gli Stati Uniti hanno vietato le importazioni di petrolio dalla Russia e la Gran Bretagna ha affermato che le eliminerà gradualmente entro la fine di quest’anno. La Russia è il più grande esportatore mondiale di greggio e prodotti petroliferi, rappresentando circa 7 milioni di ppm o il 7% della distribuzione globale.

Il primo ministro britannico Boris Johnson sta cercando di aumentare la produzione di petrolio dell’Arabia Saudita, ha affermato un anziano ministro a seguito di notizie secondo cui Johnson visiterà i pesi massimi dell’OPEC questa settimana. Per saperne di più

Fatih Birol, capo dell’Agenzia internazionale per l’energia (AIE), lunedì ha esortato i paesi produttori di petrolio a dare maggiore impulso alla stabilizzazione dei mercati.

“(A) È probabile che i prezzi del petrolio rimarranno moderati questa settimana poiché gli investitori continuano a digerire l’impatto delle sanzioni sulla Russia, con le parti che mostrano segni di negoziare un cessate il fuoco”, ha affermato Tina Deng, analista dei mercati CMC.

READ  Intervista ad Amber Heart: l'attore Savannah Kudry dice al Today Show di "amare ancora" Johnny Depp, ma teme che la farà nuovamente causa

Anche i prezzi del petrolio sono stati messi sotto pressione dopo che l’India ha dichiarato che avrebbe adottato misure “appropriate” per arginare l’aumento dei prezzi del petrolio, indicando che il paese potrebbe rilasciare più petrolio dalle sue azioni nazionali, se necessario. Per saperne di più

Gli investitori stanno osservando da vicino la riunione della Federal Reserve statunitense di questa settimana. La banca centrale dovrebbe iniziare ad aumentare i tassi di interesse, il che farà salire il dollaro e eserciterà pressioni al ribasso sui prezzi del petrolio.

I prezzi del petrolio generalmente si muovono contro il dollaro USA, con i forti biglietti verdi che spingono le materie prime al rialzo per i detentori di valute estere.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

il reportage di Bozorgmehr Sharafedin a Londra, il reportage aggiuntivo di Emily Chow a Pechino, Stephanie Kelly a New York; Montaggio di Susan Fenton e Jason Neely

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.