L’India sta bloccando il gioco di Grafton secondo la stessa legge che la Cina usava per vietare le app, ha affermato la fonte

NUOVA DELHI, 29 luglio (Reuters) – L’India ha bloccato il popolare gioco in formato battle royal di Grafton Inc. (259960.KS)Una società sudcoreana sostenuta dalla cinese Tencent (0700.HK)Una legge implementata dal 2020 per vietare le app cinesi per motivi di sicurezza nazionale, ha affermato una fonte.

Battlegrounds Mobile India (BGMI) è stata scorporata da Alphabet Inc (GOOGL.O) Google Play Store e Apple Inc (AAPL.O) App Store in India fino a giovedì sera.

La rimozione di BGMI, che aveva oltre 100 milioni di utenti in India, arriva dopo che l’India ha bandito un altro titolo Grafton, PlayerUnknown’s Battlegrounds (PUBG), nel 2020.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La repressione di PUBG fa parte del divieto di New Delhi su più di 100 app mobili di origine cinese a seguito di una guerra di confine durata un mese tra i rivali dotati di armi nucleari.

Il divieto è stato ampliato per includere più di 300 app, inclusa la popolare app di gioco “Free Fire”, di proprietà del gruppo tecnologico di Singapore Sea Ltd. (SE.N).

Secondo il deposito normativo di Grafton, alla fine di marzo Tencent deteneva una partecipazione del 13,5% in Grafton attraverso un veicolo di investimento.

Le azioni Grafton sono scese di oltre il 9% nelle notizie di venerdì, per poi essere scambiate in ribasso del 4,5% nel tardo pomeriggio di negoziazione a Seoul. L’India ha registrato un elevato aumento percentuale a una cifra delle sue entrate nel primo trimestre di quest’anno a maggio, ha affermato la società.

Un portavoce di Google ha affermato di aver bloccato il gioco a seguito di un ordine del governo, mentre il ministero dell’informatica indiano e Apple non hanno risposto alle richieste di commento.

READ  Rapporto sui prezzi al consumo di maggio: annunci diretti

A Seoul, un portavoce di Grafton ha affermato che lo sviluppatore stava parlando con le autorità e le aziende competenti per determinare le circostanze esatte che circondano la sospensione dei due principali app store in India.

“Il governo non interferisce con ciò che le app possono e non possono funzionare. Interferiscono con la sicurezza digitale e i problemi di privacy e BGMI rispetta tutte le linee guida. MeitY (Ministero dell’elettronica e dell’informatica) ha affermato che PUBG e BGMI sono giochi diversi, ” Ha detto il CEO di Grafton’s India. Sean Hyunil Son ha detto al sito web di notizie TechCrunch all’inizio di questa settimana.

“Influenza cinese”

L’India ha utilizzato una sezione del suo IT Act per imporre il divieto, ha detto a Reuters la fonte, che ne era a conoscenza diretta ma ha rifiutato di essere identificata a causa della delicatezza della questione.

La sezione 69A dell’IT Act indiano consente al governo di bloccare l’accesso del pubblico ai contenuti nell’interesse della sicurezza nazionale, tra le altre ragioni. Gli ordini emessi ai sensi della sezione sono generalmente riservati.

Il presidente di Prahar, Abhay Mishra, ha affermato che lo Swadeshi Jagran Manch (SJM) e l’organizzazione no-profit Prahar hanno ripetutamente chiesto al governo di indagare sull'”influenza cinese” della BGMI. Il SJM è l’ala economica del Rashtriya Swayamsevak Sangh, un influente gruppo nazionalista indù vicino al partito al governo del primo ministro Narendra Modi.

“Nel cosiddetto nuovo avatar, BGMI non è diverso dal precedente PUBG, Tencent lo controlla ancora in background”, ha detto Mishra.

Il divieto ha suscitato forti reazioni online da parte di giocatori famosi in India su Twitter e YouTube.

READ  Classifica del British Open 2022: copertura in diretta, punteggi del golf oggi, punteggi di Rory McIlroy nel round 3 a St Andrews.

“Spero che il nostro governo capisca che migliaia di atleti sportivi e creatori di contenuti e le loro vite dipendono da PGMI”, ha twittato Abhijeet Andare, un utente di Twitter con oltre 92.000 follower.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reporting di Aditya Kalra e Munsif Venkat a Nuova Delhi, Joyce Lee a Seoul; Segnalazione aggiuntiva di Nubur Anand; Montaggio di Kirsten Donovan, Clarence Fernandez e Muralikumar Anantharaman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.