La Russia spinge le guardie ucraine nei sobborghi della principale città orientale

  • Le forze russe hanno intensificato gli attacchi alla principale città orientale
  • Gli ucraini possono ritirarsi ma non rinunceranno alla città – il governatore
  • L’Ucraina sta per pubblicare un “libro dei detenuti” che descrive i crimini di guerra
  • Turchia e Russia sollecitano le Nazioni Unite a consentire le esportazioni di grano ucraine

Kiev / Slovenesk, Ucraina, 8 giugno (Reuters) – Le forze ucraine sono tornate mercoledì nella città industriale di Siverodonetsk di fronte alla pesante offensiva russa, ha affermato il governatore regionale. Le sanguinose guerre di guerra.

Nelle ultime settimane la Russia ha concentrato le sue truppe e gli spari nella piccola città orientale per difendere la provincia circostante a nome dei delegati separatisti. L’Ucraina ha promesso di combattere lì il più possibile, dicendo che la guerra aiuterà a plasmare il corso futuro della guerra.

Dopo aver annunciato un contrattacco a sorpresa la scorsa settimana, il governatore della regione circostante di Luhansk ha dichiarato mercoledì pomeriggio che gran parte della città è tornata in mano russa.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“… le nostre (forze) ora controllano di nuovo solo i sobborghi della città, ma i combattimenti sono ancora in corso”, ha detto Sergei Kaitoi ai media RBC-ucraini.

Ha detto in un post online che le forze ucraine controllavano ancora tutta Lyczynsk, una piccola città gemella sulla riva occidentale del fiume Shivarsky Donets, ma che le forze russe stavano devastando gli edifici residenziali lì.

Il portavoce del ministero della Difesa ucraino Oleksandr Modusyanik ha affermato che le forze russe avevano 10 volte più equipaggiamento delle truppe ucraine in alcune aree di Siverodonetsk. L’Ucraina ha esortato i suoi alleati occidentali ad accelerare le forniture di armi, dicendo che la situazione potrebbe peggiorare se la Russia rompesse i suoi confini a est.

READ  Stagione 6, Episodio 13, "Saal Khan"

“La via per la pace sta nelle armi pesanti”, ha affermato su Twitter Mikhail Podoliak, negoziatore ucraino e consigliere presidenziale, ribadendo che la guerra potrebbe estendersi all’UE se la Russia non viene sconfitta in Ucraina.

La Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente la situazione sul campo a Siverodonetsk.

Mosca afferma di essere impegnata in una “operazione militare speciale” per disarmare e “ridurre” i suoi vicini. L’Ucraina ei suoi alleati affermano che Mosca ha lanciato una guerra di aggressione non provocata, uccidendo migliaia di civili e radere al suolo città. I dati delle Nazioni Unite mostrano che oltre 7 milioni di persone hanno attraversato il confine con l’Ucraina dall’invasione russa del 24 febbraio.

“Dio mi ha salvato”

Luhansk e la vicina provincia di Donetsk formano il Donbass, rivendicato da Mosca dal 2014 a nome dei rappresentanti di Mosca che detengono la parte orientale della regione. Mosca sta cercando di accerchiare le forze ucraine nelle aree che ancora detengono.

A ovest di Sverdlovskaya in Slovenesk, una delle principali città del Donbass in mano ucraina, donne con bambini piccoli si sono messe in fila per raccogliere aiuti, mentre altri residenti hanno trasportato secchi d’acqua per tutta la città.

La maggior parte dei residenti è fuggita, ma i funzionari affermano che circa 24.000 persone rimangono in città sulla scia di un’offensiva prevista che le forze russe si riuniranno nel nord.

Albina Petrovna, 85 anni, ha descritto il momento in cui il suo edificio è rimasto intrappolato in un attacco, che ha rotto le sue finestre e distrutto il suo balcone.

“Il vetro rotto mi è caduto addosso, ma Dio mi ha salvato, ho graffi dappertutto…” disse.

La Russia ha rivolto la sua attenzione al Donbass da quando le sue forze sono state sconfitte alla periferia di Kiev a marzo.

Secondo l’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zhelensky, nelle ultime 24 ore, due persone sono state uccise nella regione di Luhansk, quattro nella regione di Kharkiv e altre ferite.

A Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, i residenti stavano rimuovendo i detriti da un bombardamento del giorno precedente. L’Ucraina ha respinto le forze russe dalla periferia della città il mese scorso, ma la Russia attacca ancora di tanto in tanto.

Le riprese delle telecamere a circuito chiuso hanno mostrato che il missile ha colpito un centro commerciale che includeva un supermercato martedì, spargendo detriti e rifornimenti. Le scene girate dal drone hanno mostrato una fessura nel tetto del grande edificio.

“I pilastri di supporto sono stati completamente distrutti”, ha detto Svitlana Tulina, manager del supermercato, che ha detto che nessuno è rimasto ferito nell’attacco.

Paura del grano

L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori di grano al mondo e le nazioni occidentali accusano la Russia di creare il rischio di creare una carestia globale assediando i porti ucraini del Mar Nero. Mosca incolpa le sanzioni occidentali per la carenza di cibo

Il broker turco sta cercando di negoziare l’apertura dei porti ucraini del Mar Nero. Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha ospitato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e ha affermato che l’accordo sarebbe stato possibile con il sostegno delle Nazioni Unite ai porti attraverso ulteriori colloqui. leggi di più

READ  Le migliori offerte di laptop da gioco del Black Friday sono ancora disponibili durante il fine settimana

I porti ucraini potrebbero essere aperti, ma Lavrov ha detto che l’Ucraina dovrebbe prima sminarli. L’Ucraina ha respinto le promesse della Russia definendole “parole vuote” e ha affermato che gli attacchi russi a terreni agricoli e agricoli nel sud aggraverebbero la crisi.

Vitaliy Kim, governatore della regione di Mykolaiv, le cui navi da guerra russe hanno distrutto i magazzini in uno dei più grandi terminal agricoli dell’Ucraina, ha detto a Reuters che Mosca stava cercando di spaventare il mondo per farle rispettare i suoi termini. leggi di più

Il Cremlino aveva precedentemente citato il presidente russo Vladimir Putin dicendo che le barriere occidentali ai mercati dei cereali russi dovrebbero essere rimosse. leggi di più

Alzando ulteriormente la posta in gioco, l’amministrazione fondata dalla Russia nel territorio occupato di Zaporizhia, nell’Ucraina meridionale, ha dichiarato di voler tenere un referendum sull’adesione alla Russia entro la fine dell’anno. E le autorità stabilite dalla Russia nella provincia occidentale di Kherson hanno annunciato piani simili.

Alcuni legislatori del partito Russia Unita al potere in Russia hanno suggerito che il Donbass si unisca alla Russia. La regione non ha ancora annunciato un referendum, ma mercoledì il capo della provincia di Donetsk, Denis Bush, ha cambiato governo, adducendo la necessità di aumentare i “processi di integrazione”.

L’Ucraina ei suoi alleati occidentali considerano illegale il previsto referendum nei territori occupati e dimostrano che il vero motivo della Russia è l’aggressione regionale. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto aggiuntivo di Tom Balmforth, Natalia Zinets, David Ljunggren e uffici Reuters; Scritto da Himani Sarkar, Gareth Jones e Filippa Fletcher; Montaggio di Michael Perry, Peter Groff e Alex Richardson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.