Il gigante petrolifero Shell rivela l’intenzione di aumentare i dividendi in quanto riporta l’utile del terzo trimestre

Il logo della Shell su un pozzo di stoccaggio del petrolio oltre i vagoni cisterna ferroviari presso la raffineria Bernice dell’azienda a Rotterdam, Paesi Bassi, domenica 23 ottobre 2022.

Bloomberg | Bloomberg | Belle foto

Maggiore britannica del petrolio Guscio Jupiter ha registrato un profitto nel terzo trimestre, ma i minori ricavi da raffinazione e trading hanno posto fine ai suoi guadagni trimestrali record.

Shell ha aggiustato 9,45 miliardi di dollari per i tre mesi fino alla fine di settembre. La società ha registrato utili rettificati $ 4,1 miliardi Un anno fa nello stesso periodo e significativamente più grande 11,5 miliardi di dollari Per il secondo trimestre 2022.

La major petrolifera ha dichiarato che prevede di aumentare il suo dividendo per azione di circa il 15% nel quarto trimestre del 2022, che sarà pagato a marzo 2023. Ha anche annunciato un nuovo programma di riacquisto di azioni che si tradurrà in ulteriori 4 miliardi di dollari in contanti. Le distribuzioni dovrebbero essere completate al prossimo rilascio degli utili.

Le azioni di Shell sono aumentate del 41% da inizio anno.

La compagnia petrolifera con sede a Londra ha registrato trimestri consecutivi di profitti record nei primi sei mesi dell’anno poiché i prezzi delle materie prime sono aumentati in seguito all’invasione russa dell’Ucraina.

Guscio messo in guardia Tuttavia, in un aggiornamento all’inizio di questo mese, margini di raffinazione e prodotti chimici più bassi e scambi di gas più deboli avranno un impatto negativo sugli utili del terzo trimestre.

Giovedì, la società ha affermato che una ripresa dell’offerta globale di prodotti ha contribuito a ridurre i margini di raffinazione nel terzo trimestre e anche i ricavi del commercio di gas sono diminuiti.

READ  Sabrina Ionescu stabilisce il nuovo standard WNBA per punti, rimbalzi e assist in una stagione

“I contributi commerciali e di aggiornamento sono principalmente influenzati da una combinazione di stagionalità e vincoli di offerta e ci sono differenze significative tra la carta e le realizzazioni fisiche in un mercato volatile e spostato”, ha affermato Shell nel suo comunicato sugli utili.

Cambio di leadership

I risultati del gruppo arrivano poco dopo l’annuncio del CEO Ben van Beurden Si dimetterà alla fine dell’anno Dopo quasi un decennio al timone.

Wale Chavan, attualmente direttore della Shell per le soluzioni integrate di gas, energie rinnovabili ed energia, assumerà il ruolo di prossimo amministratore delegato il 1° gennaio.

Chavan, cittadino con doppia cittadinanza libanese-canadese, ha ricoperto ruoli in progetti di vendita al dettaglio a valle e vari progetti commerciali durante i suoi 25 anni di carriera in Shell.

“Non vedo l’ora che lo spirito pionieristico e la passione delle nostre incredibili persone affrontino le sfide più grandi e coglino le opportunità presentate dalla transizione energetica”, ha affermato Chavan in una dichiarazione il 15 settembre. Onore di seguire l’esempio di Van Beurten.

“Mentre lavoriamo con i nostri clienti e partner per fornire l’energia affidabile, conveniente e pulita di cui il mondo ha bisogno, saremo disciplinati e rispettosi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.