Il capo dei servizi segreti James Murray ha lasciato l’agenzia

Il direttore dei servizi segreti James Murray si dimette dalla carica di capo dei servizi segreti. Rapporto La società ha dato l’annuncio giovedì.

Murray, che lavora dal 2019, ha voluto andare in pensione per “un po’ di tempo” e ha intenzione di lavorare nel settore privato, secondo un alto funzionario del Dipartimento per la sicurezza interna che conosce la sua decisione.

Ha accettato un lavoro di massima sicurezza presso Snapchat, una società di social media con sede in California, ha detto il funzionario, parlando in condizione di anonimato per condividere i dettagli interni. Murray, un veterano dei servizi segreti da 27 anni, ha ricoperto una serie di ruoli chiave presso l’agenzia prima di essere nominato direttore nel maggio 2019. Il suo ultimo giorno sarà il 30 luglio, afferma il rapporto.

Il segretario del DHS Alejandro Mayorgas ha affermato che i servizi segreti sotto la guida di Murray hanno “rafforzato il proprio status di agenzia di sicurezza preminente al mondo e sono cresciuti in termini di raffinatezza e capacità investigative”.

“Ho enormemente beneficiato dell’opportunità di fare affidamento sul direttore Murray come consigliere fidato e leader molto rispettato nel Dipartimento per la sicurezza interna”, ha affermato Mayorgas in una nota.

Il 6 gennaio gli agenti dei servizi segreti hanno mostrato segni di combattimento: Cutsy Heroes vs. Trump è il yes-men

In una dichiarazione dei servizi segreti, Murray ha affermato di aver “aiutato l’agenzia a superare le sfide uniche presentate dalla storica pandemia di COVID-19” mentre “continuando la sua missione integrata di fornire sicurezza ai leader selezionati e indagare sui crimini contro la nostra infrastruttura finanziaria”.

READ  Annie H è in coma e non ha ripreso conoscenza dall'incidente d'auto Anne H

I servizi segreti, meglio conosciuti per aver protetto gli attuali ed ex presidenti e le loro famiglie, hanno dovuto affrontare molte controversie negli ultimi dieci anni, tra cui uno scandalo sulla prostituzione, passi falsi nella sicurezza della Casa Bianca durante l’amministrazione Obama e accuse di politicizzazione sotto il presidente Donald Trump.

Nelle ultime settimane, i suoi agenti sono diventati figure centrali nell’attacco della Camera del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

L’ex aiutante della Casa Bianca Cassidy Hutchinson ha testimoniato il mese scorso che Trump è stato costretto al volante a un certo punto quando gli è stato detto che i suoi dettagli di sicurezza non sarebbero stati autorizzati a unirsi ai suoi sostenitori in marcia verso il Campidoglio il 6 gennaio 2021. Veicolo presidenziale.

Questa è una storia in crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.