I sintomi quotidiani del gozzo in Cina sono tre volte più alti

I residenti fiancheggiano il sito di test dell’acido nucleico dell’ospedale in seguito allo scoppio del virus corona (COVID-19) l’11 marzo 2022 a Shanghai, in Cina. Tramite China Daily REUTERS

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

PECHINO, 13 marzo (Reuters) – La Cina continentale ha riportato domenica 1.807 nuovi sintomi locali di COVID-19, il numero giornaliero più alto in due anni e tre volte superiore a quello del giorno precedente, poiché l’aumento delle infezioni nella provincia nord-orientale sta spremendo le risorse sanitarie. .

I dati della Commissione sanitaria nazionale di domenica hanno mostrato che il numero di casi diffusi a livello nazionale con sintomi confermati sabato era salito a 476 rispetto al giorno precedente. Le 114 persone inizialmente classificate come asintomatiche nel conteggio giornaliero hanno successivamente sviluppato sintomi.

Il numero di contenziosi in Cina è molto inferiore a quello di molti altri paesi, ma il numero crescente complicherà l’ambizione di “clearance dinamica” di Pechino di contenere rapidamente l’epidemia.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Secondo alcuni esperti, la precedente strategia cinese basata sui test dell’acido nucleico – i professionisti medici dovrebbero prelevare campioni – ha spinto i funzionari sanitari ad acquistare per la prima volta, per la prima volta, strumenti di autotest rapidi per aiutare a diagnosticare le infezioni. Variante Omicron a rapida diffusione. Per saperne di più

Sabato la provincia nord-orientale di Jilin ha riportato 1.412 nuovi casi di sintomi locali, il 78% in più della media nazionale e 134 il giorno prima.

L’aumento “mostra che alcune aree locali, che stanno affrontando rapidi focolai dell’epidemia, non hanno la capacità di espandere le risorse mediche e di conseguenza le infezioni sono limitate a strutture centralizzate in un breve periodo di tempo”, ha detto un funzionario provinciale di Jill una conferenza stampa. .

READ  Vladimir Kara-Mursa arrestato a Mosca dopo un'intervista della Cnn a Putin

Le autorità della capitale provinciale di Chungsun, già chiusa, stanno conducendo test di massa e stanno lavorando per trasformare un centro espositivo in un ospedale improvvisato da 1.500 posti letto, secondo i media locali e statali.

Shenzhen, un centro tecnologico del sud, ha registrato 60 nuovi casi locali con segni confermati sabato, il più alto della città dalla prima eruzione in Cina all’inizio del 2020.

Shenzhen sospenderà i trasporti pubblici, compresi autobus e metropolitane, da lunedì, e ai residenti è stato detto di non lasciare la città a meno che non sia necessario poiché la città sta conducendo tre cicli di ispezioni di massa, hanno affermato i funzionari in una nota.

Tutte e nove le contee di Shenzhen hanno smesso di cenare nei ristoranti, chiuso i luoghi di intrattenimento al coperto e hanno chiesto alle aziende di lavorare da casa dal lunedì al venerdì se è possibile il lavoro a distanza, con eccezioni per quelle nei settori essenziali.

I media statali hanno riferito domenica che sei ufficiali sono stati licenziati dalle loro posizioni, insieme a funzionari del governo locale o del Partito Comunista nella città meridionale di Dongguan, per aver fatto un cattivo lavoro nel prevenire e controllare il governo.

Il China Development Forum, un incontro d’affari di alto livello originariamente previsto per il 19-22 marzo a Pechino, sarà rinviato a tempo indeterminato a causa della situazione del governo, ha affermato l’organizzatore in una nota.

I dati dell’NHC mostrano che il numero di nuovi casi asintomatici domestici non classificati dalla Cina come casi confermati è salito a 1.315 sabato da 1.048 del giorno prima, il quarto giorno consecutivo.

Nessun nuovo decesso, il bilancio delle vittime è di 4.636. Al 12 marzo, sono stati segnalati 115.466 casi con sintomi confermati nella Cina continentale, compresi quelli di gente del posto e di estranei.

Relazione di Kevin Yaw e Roxanne Liu; Montaggio: William Mallard, Jerry Doyle e Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.