I caldi dati sull’inflazione negli Stati Uniti rinvigoriscono le vendite globali

  • I dati sull’IPC statunitense guidano le scommesse su aumenti dei tassi più elevati
  • L’indice azionario mondiale ACWI di MSCI è il più basso da luglio 2020
  • Wall Street e le azioni globali si dirigono verso il settimo giorno di ribassi
  • Il dollaro sale di nuovo, lo yen scende nel nuovo 1998
  • Il rapporto sta pesando sul governo mentre i mercati del Regno Unito considerano l’abolizione di alcuni dei tagli alle tasse

LONDRA, 13 ott (Reuters) – Giovedì l’indice azionario globale MSCI ha toccato il minimo di luglio 2020 e i costi finanziari sui mercati del dollaro e delle obbligazioni sono aumentati giovedì, poiché l’inflazione statunitense ha confermato un altro grande aumento dei tassi della banca centrale il mese prossimo.

I trader si sono immediatamente rivolti alla modalità di vendita poiché il rapporto sull’indice dei prezzi al consumo (CPI) del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha mostrato un CPI a un ritmo annualizzato dell’8,2% e un CPI core a un 6,6% migliore del previsto. leggi di più

I futures di Wall Street sono scesi di oltre il 2% quando il mercato si è aperto e ha lasciato l’S&P 500. (.SPX)Azioni europee (.STOXX) e il principale indice mondiale di MSCI (.MIWD00000PUS) Tutti affrontano il settimo giorno in rosso.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I mercati globali hanno sofferto per alcune settimane difficili, ma i dati sull’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti sono scesi al cuore delle preoccupazioni che le principali economie debbano essere spinte con decisione in recessione per riportare l’inflazione in linea.

Un dollaro apparentemente inarrestabile ha spronato l’euro, lo yen e il franco svizzero /FRX a una vita ribassista, anche se la sterlina era ancora più alta dopo che un rapporto stava discutendo di eliminare altri tagli alle tasse messi in atto il mese scorso.

READ  Dove trovare i preordini e le scorte di NVIDIA GeForce RTX 4090 - rapporto in tempo reale

Gli economisti hanno affermato che la banca centrale dovrebbe ora aumentare i tassi, attualmente al 3,125%, di almeno 75 punti base il prossimo mese e nel prossimo anno. I mercati ora suggeriscono che gli investitori si aspettano che i tassi statunitensi si aggirino intorno al 4,85% a marzo, in aumento dal 4,65% di maggio, un prezzo prezzato proprio prima dei dati.

“Dopo il rapporto sull’inflazione di oggi, non c’è nessuno sul mercato che creda che la banca centrale possa aumentare i tassi di meno di 75 pb alla riunione di novembre”, ha affermato Seema Shah, chief global strategist di Principal Asset Management.

“Se una simile sorpresa inversa si verificasse di nuovo il mese prossimo, i tassi ufficiali potrebbero subire un quinto aumento consecutivo dello 0,75% a dicembre, annullando le previsioni del tasso di picco della Fed prima della fine dell’anno”.

Nei mercati obbligazionari, gli oneri finanziari sono nuovamente aumentati.

Il rendimento di riferimento degli Stati Uniti a 10 anni ha superato di nuovo il 4% al 3,89%. I tassi a due anni hanno raggiunto il 4,5%, mentre le obbligazioni tedesche a 10 anni sono salite al 2,304%, dal 2,229% prima dei dati statunitensi.

I primi dati europei hanno confermato l’inflazione sincronizzata tedesca al 10,9% a/a a settembre ea quasi il 10% in Svezia.

Il verbale dell’ultimo incontro politico della banca centrale, pubblicato mercoledì, ha affermato che diversi funzionari hanno sottolineato che “il costo di fare troppo poco per ridurre l’inflazione supererà il costo di fare troppo”.

Tuttavia, molti politici hanno sottolineato l’importanza di “misurare” il ritmo di ulteriori aumenti dei tassi per ridurre il rischio di “effetti negativi significativi” sull’economia.

READ  Dodge e Chrysler avvertono i proprietari di smettere di guidare questi modelli popolari dopo tre morti

I rendimenti dei Treasury sono stati inferiori in Europa. Anche la maggior parte dei rendimenti europei equivalenti è leggermente in calo.

I mercati hanno una probabilità del 90% di un altro aumento del tasso della Fed di 75 punti base a novembre e una probabilità del 10% di un aumento di mezzo punto.

ALIMENTATO

relativo a

In Asia, la diffusa debolezza del mercato azionario ha visto il Nikkei giapponese (.N225) In calo dello 0,6% e Kospi della Corea del Sud (.KS11) La notizia ha portato il produttore di chip taiwanese TSMC in ribasso dell’1,8% durante la notte (2330.TW) Il settore tecnologico della regione più ampia ha visto diminuire la domanda e tagliare il budget per gli investimenti di almeno il 10%. leggi di più

Hong Cheng di Hong Kong (.HSI) Le blue chips della Cina continentale sono scese dell’1,9% (.CSI300) L’indice MSCI delle azioni Asia-Pacifico ha perso lo 0,3% per uscire (.MIAP00000PUS) Minimo 2 1/2 anni.

“I mercati finanziari hanno avuto un episodio molto più serrato e il rischio di qualche crollo è più alto di quanto riesca a ricordare”, ha affermato Tom Nash, gestore di portafoglio a reddito fisso presso UBS Asset Management a Sydney.

Eroico

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde contro sei principali rivali, è salito di oltre lo 0,5% a 113,65 dopo i dati CPI.

La valuta statunitense ha raggiunto un nuovo massimo di 24 anni di 147,2 yen e ha spinto l’euro al minimo di 2 settimane. La sterlina è cresciuta di quasi l’1,5% a $ 1,1263 in seguito a segnalazioni di possibili modifiche al taglio delle tasse.

Il rendimento dei gilt a 10 anni di riferimento, che è aumentato il mese scorso dopo che il governo del Regno Unito ha presentato piani di taglio delle tasse, è passato al 4,25% da un nuovo massimo di 14 anni del 4,632% nel trading post-CPI.

READ  Il team di produzione di "Late Show with Stephen Colbert" è stato arrestato nell'edificio della House

La Banca d’Inghilterra ha insistito sul fatto che il suo supporto di emergenza al mercato obbligazionario sarebbe scaduto come annunciato per la prima volta venerdì, contrastando i media secondo cui avrebbe continuato ad aiutare se necessario.

Martedì il governatore della BoE Andrew Bailey ha sorpreso i mercati affermando che i fondi pensione britannici e altri investitori sono stati duramente colpiti dal crollo dei prezzi delle obbligazioni fino a quella scadenza per risolvere i loro problemi.

“Direi che è eroico dire che il rischio di una sorta di problema sistemico si è estinto perché si tratta di grandi mosse”, ha affermato Paul O’Connor di Janus Henderson. “I mercati si sentono ancora molto disfunzionali”.

Nel frattempo, i mercati del petrolio greggio hanno ripreso piede dopo il calo del 2% di mercoledì tra le preoccupazioni per la domanda.

Il greggio Brent è salito di 23 centesimi, o 0,25%, a $ 92,69 al barile, mentre il greggio US West Texas Intermediate ha aggiunto 21 centesimi, o 0,2%, a $ 87,44 al barile.

La scorsa settimana, il gruppo di produttori, che comprende l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e alleati, inclusa la Russia, ha aumentato i prezzi quando ha deciso di tagliare l’offerta di 2 milioni di barili al giorno (bpd).

Turbolenze del mercato britannico

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportage aggiuntivo di Kevin Buckland a Tokyo Montaggio di Kirsten Donovan e Alexander Smith

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.