Boris Johnson dovrà affrontare un voto di sfiducia lunedì

Graham Brady, presidente del gruppo di legislatori di backbench del 1922, ha dichiarato lunedì in una dichiarazione che il numero di legislatori conservatori che aveva chiamato aveva raggiunto il livello richiesto. Votazione Il lunedì si terrà dalle 18:00 alle 20:00 ora locale.

Se 180 legislatori conservatori – una maggioranza semplice – votano contro Johnson, si dimetterà dalla carica di leader del partito conservatore al potere e sarà estromesso entro tre anni dopo una schiacciante vittoria alle elezioni generali.

Se Johnson vincerà le elezioni, sarà il leader e il primo ministro del partito.

Il primo ministro di Johnson è stato scosso dai cosiddetti “Partito” Corruzione, accuse di partiti e incontri che nei mesi sono stati contagiosi in varie fasi nel cuore del suo governo hanno eroso la fiducia nella sua leadership.
Una dichiarazione disgustosa Sue Gray, un alto funzionario pubblico che è stato rilasciato alla fine del mese scorso, ha scoperto la cultura dell’ospitalità e della socializzazione tra i dipendenti di Johnson, mentre a milioni di britannici è stato vietato di visitare i propri amici e parenti. È stato anche criticato per la sua risposta alla crisi del costo della vita.

Sebbene il referendum fosse segreto, molti parlamentari conservatori si sono espressi pubblicamente contro il primo ministro.

Jeremy Hunt, che ha perso contro Johnson alle elezioni presidenziali conservatrici del 2019, alias Potenziale candidato a sostituirlo, Ha detto che avrebbe votato contro Johnson. Hunt è una figura ben nota nella politica britannica, avendo precedentemente servito come Segretario alla Salute e Segretario di Stato.

“Poiché crediamo nel potere, i parlamentari conservatori sanno nei nostri cuori che non abbiamo dato al popolo britannico la leadership che meritava”, ha scritto Hunt su Twitter. “Non abbiamo fornito l’integrità, il talento e la visione necessari per liberare l’immenso potenziale del nostro Paese”.

Un altro deputato conservatore, Jesse Norman, ha detto a Johnson che il suo mandato “non era solo offensivo per l’elettorato … ma probabilmente avrebbe portato a un cambiamento decisivo al governo nelle prossime elezioni”.

READ  Il tentativo di Sarah Pauline di una nuova causa per diffamazione contro il Times è stato respinto

Norman, che rappresenta i collegi elettorali di Hearford e South Hearfordshire, ha rilasciato la sua lettera di sfiducia pochi minuti prima dell’annuncio del referendum.

Sebbene abbia descritto la risposta del primo ministro alla dichiarazione di Suu Kyi come “ostile”, la maggior parte della sua lettera si è concentrata sulle altre politiche di Johnson, inclusa la nuova politica del governo di inviare alcuni richiedenti asilo in Ruanda. E discutibile legittimità».

Gli indici di approvazione di Johnson stanno diminuendo e c’è una crescente sensazione in alcune sezioni del suo partito conservatore al governo che stia diventando una responsabilità. Il partito dovrà affrontare due difficili elezioni parlamentari suppletive alla fine di questo mese.

Un portavoce di Downing Street ha detto lunedì che Johnson “accoglie con favore l’opportunità di presentare il suo caso ai parlamentari”.

“Stasera è un’opportunità per porre fine a molti mesi di speculazione, dare alle persone le loro priorità e spostare il governo in una roccaforte”, ha affermato Johnson da un portavoce. [the MPs] Quando lavorano insieme e si concentrano su questioni importanti per l’elettorato, non può esserci una forza politica forte”.

Johnson si rivolgerà personalmente al Comitato del 1922 prima del referendum, ha aggiunto Downing Street.

Khair Stormer, leader del partito laburista di opposizione, ha chiesto ai parlamentari conservatori di rimuovere Johnson. Parlando con LBC Radio, ha detto: “Penso che dovrebbero mostrare un po’ di leadership e votare contro il Primo Ministro. Ha perso la fiducia del paese. Penso che questo sia molto chiaro da tutte le prove che ho visto”.

In segno di malcontento pubblico, The Il Primo Ministro era agitato Venerdì da alcuni membri del pubblico quando è arrivato alla Cattedrale di St Paul a Londra per un servizio di ringraziamento tenutosi nell’ambito delle celebrazioni del Giubileo di platino della regina.
Sebbene Boris Johnson sia sopravvissuto al referendum, la sua presidenza non è sicura

I sostenitori di Johnson si sono precipitati in sua difesa nelle ultime settimane, sostenendo che questo non è il momento giusto per provocare una rivalità di leadership, date le numerose crisi che il Paese deve affrontare, inclusa la guerra in Ucraina.

READ  Biden ha annunciato ulteriori 800 milioni di dollari di aiuti, con la Finlandia che dovrebbe entrare a far parte della NATO nelle prossime settimane

Molti dei massimi ministri di Johnson hanno già annunciato il loro sostegno a lui. Il ministro degli Esteri del Regno Unito ha detto che Liz era fermamente dietro Johnson. “Ho il 100% di sostegno per il Primo Ministro nella votazione di oggi e esorto vivamente i miei colleghi a sostenerlo”, ha twittato Truss.

Il presidente Rishi Sunak ha inoltre twittato di sostenere Johnson nel voto, aggiungendo: “Continueremo a sostenere Johnson mentre ci concentriamo sulla crescita dell’economia, sulla gestione del costo della vita e sulla riparazione della recessione del governo”.

Il vice primo ministro Dominic Robb ha affermato che il partito conservatore dovrebbe sostenere il primo ministro, aggiungendo che “insieme dobbiamo concentrarci sul dare priorità al popolo”.

Secondo le regole del Partito conservatore, se i parlamentari vogliono rimuovere il loro leader, inviano una lettera di sfiducia al presidente del comitato del 1922, un gruppo di backbencher che non ricoprono incarichi di governo. Il processo è oscuro: le lettere sono tenute segrete, la sedia attualmente su Brady, non rivelando nemmeno quante siano state consegnate.

Dopo che il 15% dei legislatori conservatori ha inviato lettere, viene indotto un voto di fiducia tra tutti i legislatori conservatori. L’attuale organizzazione della Camera dei Comuni ha almeno 54 parlamentari che hanno presentato lettere di sfiducia.

Il personale di Boris Johnson, addetto alle pulizie ubriaco e abusivo durante i blocchi del governo, è stato trovato un brutto rapporto

Il fallimento del referendum di lunedì potrebbe effettivamente porre fine alla vita di uno dei massimi politici britannici nel dopoguerra. In tal caso, rimarrà primo ministro fino a quando un nuovo candidato conservatore non sarà eletto alla guida del partito; A quel tempo, Johnson stava esortando la regina a dimettersi da primo ministro e suggerendo che il vincitore del concorso fosse invitato a formare un governo.

READ  Nettuno ha subito un cambiamento di temperatura indescrivibile

Se Johnson vincesse comodamente nei sondaggi, potrebbe emergere forte all’interno del suo partito, che ha lottato negli ultimi mesi per identificare un politico rivale per sfidare Johnson. In base alle attuali regole del partito – che possono essere modificate in qualsiasi momento – sarà sollevato da un’altra sfida alla leadership per 12 mesi.

Una vittoria di misura, al contrario, offuscherebbe la reputazione di Johnson anche se non rovesciasse il governo. I conservatori dovranno affrontare due elezioni parlamentari suppletive alla fine di giugno, dopo le quali due dei loro backbenchers sono stati costretti a dimettersi a causa della loro stessa corruzione, con risultati deludenti che probabilmente metteranno più pressione su Johnson prima delle previste elezioni generali nazionali del 2024.

Il predecessore di Johnson, Theresa May, è stata l’ultima leader britannica ad affrontare un voto di sfiducia da parte del suo stesso partito. May è sfuggito per un soffio al referendum indetto tra mesi di turbolenze per il suo accordo sulla Brexit rovinato, ma alla fine si è dimesso pochi mesi dopo.

La corruzione delle parti non è stata la prima a offuscare la reputazione di Johnson. È stato coinvolto nelle accuse di aver accettato donazioni improprie per finanziare la ristrutturazione del suo appartamento di Downing Street, mentre il suo governo è stato accusato di aver concesso lucrativi accordi Govt-19 a coloro che sono affiliati al Partito conservatore. Il portavoce di Johnson ha insistito sul fatto di aver “agito secondo le regole in ogni momento”.

Sharon Brightwhite e Benjamin Brown della CNN hanno contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.