Aggiornamenti in tempo reale dello Sri Lanka: il presidente Gotabaya Rajapaksa ha lasciato il paese

debito…Dinuka Liyanawatha/Reuters

COLOMBO, Sri Lanka – Il presidente dello Sri Lanka Gotabaya Rajapaksa è fuggito dal Paese mercoledì dopo mesi di proteste che ne chiedevano la cacciata, con manifestanti che assediavano la sua residenza ufficiale.

Il portavoce del Ministero della Difesa dello Sri Lanka, il colonnello Nalin Herath, ha affermato che il signor Rajapaksa è partito per le Maldive con un volo dell’aeronautica alle 2 del mattino ora locale. Anche tre funzionari dell’immigrazione, che hanno rifiutato di essere nominati a causa della situazione politica, hanno confermato la sua partenza.

La nazione insulare si diverte Brutta crisi economica Nel corso della sua storia, è stato segnato da cattiva gestione e negligenza da parte del governo. La protesta è dovuta alla grave carenza di cibo, medicine e carburante I mesi passarono.

Rajapaksa si è nascosto dopo che i manifestanti hanno preso il controllo del suo ufficio e della sua residenza. Mercoledì aveva detto ai soci che si sarebbe dimesso.

Il primo ministro Ranil Wickremesinghe Aveva anche suggerito le sue dimissioni sabato, ma sembrava restare. I manifestanti chiedevano che si dimettesse.

Il presidente del parlamento Mahinda Yappa Abeywardena ha dichiarato in un’intervista telefonica che, sebbene sia stato confermato che Rajapaksa lascerà il Paese, non ha ancora ricevuto la lettera di dimissioni del presidente, che porrà ufficialmente fine alla sua presidenza.

Sig. Rajapaksa, 73 anni, ufficiale militare in carriera, è l’ultimo membro della dinastia della sua famiglia a lasciare il governo. A maggio Mahinda Rajapaksa, primo ministro e fratello maggiore del presidente, è stato estromesso dalle proteste. Il ministro delle finanze Basil Rajapaksa, un altro fratello e diversi membri della famiglia sono stati rimossi dai loro incarichi.

READ  Elon Musk ritira un accordo da 44 miliardi di dollari su Twitter

La carenza di carburante ha sconvolto la vita quotidiana in Sri Lanka per mesi, lasciando il paese sostanzialmente in bancarotta e senza riserve di valuta estera per le importazioni essenziali. I prezzi di cibo e farmaci sono aumentati vertiginosamente, le interruzioni di corrente sono diventate comuni e il trasporto pubblico è spesso interrotto per aumentare le forniture di carburante.

Il passaggio a un nuovo governo ha ora acceso i riflettori su un parlamento che ha a lungo frustrato la nazione insulare di 22 milioni, con legislatori e partiti politici impegnati in lunghe e caotiche battaglie per il potere. A complicare le cose, il partito al governo fedele ai Rajapakse mantiene ancora la maggioranza dei seggi.

La Costituzione dello Sri Lanka è chiara sulla successione. Se un Presidente si dimette, il Presidente del Consiglio assume nel frattempo le sue funzioni. Il procedimento torna quindi in parlamento, dove i legislatori votano tra loro un nuovo presidente. Sig. Rajapaksa aveva due anni rimasti nel suo mandato.

Tuttavia, i leader politici del paese rimangono impopolari e molti sono legati alla famiglia Rajapaksa. I manifestanti sono irremovibili sulla nomina di un nuovo leader che sia libero da quei legami. Mercoledì mattina, mentre i manifestanti eseguivano l’uscita del presidente, non era chiaro se sarebbe bastato a porre fine a mesi di proteste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.