3 generali russi deposti dalle proteste militari

giocare a

La scarsa prestazione delle forze armate russe durante l’invasione dell’Ucraina sembra aver portato a una scossa al comando, ha affermato domenica il ministero della Difesa britannico.

Il generale Alexander Vladimirovich Dvornikov, che era al comando generale dell’operazione in Ucraina, è stato rimosso dal suo incarico la scorsa settimana, ha detto il ministero. Il colonnello generale Alexander Zhuravlev, che comanda il distretto militare occidentale della Russia dal 2018, non ha partecipato alla Giornata della Marina russa a San Pietroburgo una settimana fa e potrebbe essere stato sostituito, ha affermato il ministero. Nella sua valutazione della guerra.

Un altro generale è stato sollevato dal comando delle forze del Gruppo del Sud, ha detto il ministero.

“Questi licenziamenti sono collegati ad almeno 10 generali russi uccisi in azione in Ucraina”, afferma la valutazione. “L’effetto cumulativo sulla stabilità del comando contribuirà ai problemi tattici e operativi russi”.

Negli USA TODAY Telegram: Unisciti al nostro canale Guerra Russia-Ucraina per ricevere aggiornamenti

Recenti sviluppi:

►Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken ha dato il via domenica al suo tour africano in tre nazioni in Sud Africa, uno dei numerosi paesi del continente a rimanere neutrale sulla guerra della Russia in Ucraina. Nelle ultime settimane, anche il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il presidente francese Emmanuel Macron hanno visitato l’Africa per cercare di raccogliere sostegno per le loro posizioni sulla guerra.

READ  Gli aerei da guerra cinesi dovrebbero schierare lo Stretto di Taiwan prima della visita di Pelosi - fonte

►Cinque civili sono stati uccisi in recenti attacchi russi e separatisti contro città nella regione di Donetsk, nella regione ucraina del Donbas, ha affermato il governatore regionale Serhiy Haidai.

►La città di Mykolaiv, un importante centro di costruzione navale vicino al porto più grande dell’Ucraina, Odessa, ora subisce quotidianamente bombardamenti russi, affermano i funzionari locali.

►Febbraio L’invasione russa, iniziata il 24, “entra in una nuova fase” in cui i combattimenti si spostano verso ovest e verso sud lungo una linea di 217 miglia che si estende dalla vicina città di Zaporizhia a Kherson, il Ministero della Difesa britannico, occupato dai russi. disse.

Un importante senatore di ogni partito sta esortando l’amministrazione Biden a dichiarare la Russia uno stato sponsor del terrorismo a causa della sua aggressione in Ucraina.

Il democratico del Connecticut Richard Blumenthal e il repubblicano della Carolina del Sud Lindsey Graham hanno detto domenica alla CNN che lavoreranno per convincere il Congresso ad approvare un disegno di legge se il presidente Joe Biden non si dimette dopo più di un decennio al Senato. Ne pubblica uno. Di solito tali designazioni sono fatte dal Dipartimento di Stato.

“Credo che il presidente accetterà volontariamente questa posizione e non la toglierà dal tavolo”, ha detto Blumenthal.

Graham, che ha servito con Biden al Senato, ha cercato di incoraggiare il presidente a fare più pressione sulla Russia includendola. Elenco degli attuali stati sponsor del terrorismo negli Stati Uniti, che comprende Iran, Corea del Nord, Siria e Cuba. L’aggiunta all’elenco attiverà quattro tipi di ban.

“Che dobbiamo creare una legislazione per farlo o meno, siamo pronti”, ha detto Graham. “Esorto l’amministrazione ad agire ora”.

READ  Sei persone sono morte dopo che un elicottero del Vietnam si è schiantato in West Virginia.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha definito “stupida” e “ingenua” l’idea di designare il suo paese sponsor del terrorismo. minacciato di troncare i rapporti diplomatici tra paesi se gli Stati Uniti prendono una tale decisione.

“Washington rischia di attraversare finalmente il punto di non ritorno, con tutte le conseguenze che ne conseguono”, ha affermato la scorsa settimana. “Deve essere compreso meglio a Washington”.

Altre sei navi che trasportano merci agricole bloccate dalla guerra in Ucraina sono state autorizzate a lasciare i porti del Mar Nero trasportando oltre 236.000 tonnellate di grano.

L’organismo che supervisiona un accordo internazionale per ottenere 20 milioni di tonnellate di grano dall’Ucraina per sfamare le persone in Africa, Medio Oriente e parti dell’Asia ha affermato di aver consentito alle navi cariche di partire domenica. Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite hanno concordato il mese scorso di creare una rotta marittima che consentirebbe alle navi mercantili di viaggiare in sicurezza al largo della costa meridionale dell’Ucraina.

Il processo si è svolto lentamente e la nave, che ha lasciato l’Ucraina lunedì scorso con grande clamore, doveva arrivare in Libano domenica tardi, hanno detto i funzionari libanesi. La causa non è stata immediatamente evidente.

Le esportazioni sono viste come un primo passo promettente, ma lontano dall’essere una soluzione alla crisi alimentare globale esacerbata dalla guerra.

L’operatore della centrale nucleare ucraina, Energoatom, ha annunciato che la più grande centrale nucleare d’Europa, situata nel sud-est dell’Ucraina, è stata colpita da un incendio russo alla fine di sabato. I bombardamenti alla centrale nucleare di Zaporizhzhia hanno danneggiato tre dispositivi di monitoraggio delle radiazioni e ferito un lavoratore. La Russia ha accusato l’Ucraina dell’attentato.

READ  Classifica del British Open 2022: copertura in diretta, punteggio Tiger Woods, punteggi del golf del Round 1 di oggi a St Andrews

Le forze russe hanno occupato la stazione per mesi. Raffaele Croci, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ha recentemente affermato di essere preoccupato per il modo in cui l’impianto è stato gestito e i combattimenti intorno ad esso ponevano gravi minacce per la salute e l’ambiente.

Croci, che sabato ha rilasciato una dichiarazione affermando che “ogni principio di sicurezza nucleare è stato violato” nell’impianto, ha affermato che l’attacco non ha causato danni significativi.

Il capo di Amnesty International ucraina si è dimesso dopo che un gruppo per i diritti umani ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che le forze ucraine sono state in aree residenziali e hanno danneggiato i civili. In un post su Facebook, Oksana Pokalchuk ha accusato Amnesty International di non aver riconosciuto la realtà della guerra in Ucraina e di aver ignorato i consigli del personale che ha esortato il gruppo a riconsiderare il suo rapporto.

Il rapporto, che ha suscitato le ire di alti funzionari ucraini e studiosi occidentali di diritto internazionale e militare, ha accusato le forze ucraine di aver violato il diritto umanitario internazionale istituendo basi e facendo funzionare sistemi d’arma in scuole, ospedali e altre aree popolate.

Pokalchuk ha affermato che il ministero della Difesa ucraino non ha avuto abbastanza tempo per rispondere ai risultati, definendo il rapporto uno “strumento di propaganda russa”. Le forze russe hanno difeso gli attacchi alle aree civili suggerendo che i combattenti ucraini abbiano allestito postazioni di fuoco in luoghi presi di mira.

Contribuiscono: Ella Lee, USA TODAY; Associated Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.