PROCESSO AL ’68: Il video integrale dell’incontro pubblico sul cinquantenario del movimento sessantottino

Il video integrale dell’incontro pubblico di mercoledì 30 maggio 2018, svoltosi a Teramo e organizzato dall’Associazione culturale “Teramo 3.0”.

Il filosofo Paolo Ercolani ha svolto il ruolo di avvocato difensore del ’68.

Il filosofo Diego Fusaro ha svolto il ruolo di avvocato accusatore del ’68.

Il professor Stelio Mangiameli ha svolto il ruolo di giudice.

Il pubblico ha svolto il ruolo di giuria popolare.

La sentenza popolare, alla fine del processo, ha assolto il ’68 dalle accuse formulategli, sancendone la forza innovatrice.

2 Responses to "PROCESSO AL ’68: Il video integrale dell’incontro pubblico sul cinquantenario del movimento sessantottino"

  1. Anna   31 maggio 2018 at 10:12

    Ringrazio e mi complimento.
    L’evento è stato un soffio di aria fresca per i nostri cervelli arrugginiti.

  2. Massimo Ridolfi   31 maggio 2018 at 14:41

    Da una critica tutta interiore: L’Evento è apprezzabile (anche se soffre della “affascinante” telegenia del Fusaro); ma i protagonisti relatori hanno mancato totalmente l’origine del ’68 (e nulla c’entra la “Nuova York” del Fusaro ma molto la California del Sesso, della Droga e del Rock ‘n’ Roll); Peace and Love (ho abbandonato la seduta plenaria – dopo un breve ma fruttifero conciliabolo con il Maestro Sandro Melarangelo (che Dio ce lo conservi) – quando il Giudice ha comiciato a mescolarci le motivazioni del Concilio Vaticano Secondo (che con il ’68 ci sta come i cavoli a merenda); LSD; magnifico il manifesto: Futurista (strutturalismo sovietico mi ha corretto sapientemente il Maestro); che però è sicuramente una evoluzionismo del futurismo; Lucia è nel cielo con i diamanti .

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.