L’Eremo di San Venanzio a Raiano

L’Eremo di San Venanzio a Raiano

di Sergio Scacchia  –

Le alte sponde rocciose del fiume Aterno, alle falde del monte Mentino, sorreggono nel punto più selvaggio il complesso cenobitico in cui visse il santo martire Venanzio.

Siamo ai margini della Riserva Regionale del Velino Sirente. È l’oasi naturale delle gole che prendono proprio il nome dell’asceta che visse non lontano da Raiano, borgo famoso per la sua nota sagra delle ciliegie. La produzione di questo frutto qui è di alta qualità, ma l’evento è ricco soprattutto di tradizioni, folclore e spettacolo con la sfilata di carri allegorici.

Il santo, originario di Camerino, nelle Marche, giunto fin qui, nel profondo delle gole trovò rifugio e contemplazione. Tornato al suo paese per quietare i tumulti dei cristiani perseguitati dal prefetto Antioco sotto Decio Traiano, fu condannato a morte.

Precipitato da una rupe rimase illeso per miracolo, genuflesso in preghiera. Gli sgherri agli ordini del prefetto presero allora a colpirgli la testa con un grosso masso che al contatto del santo si sciolse come cera lasciando l’impronta del viso. Pare che dopo diversi tentativi Venanzio fu martirizzato con il taglio della testa.

Siamo a circa quindici chilometri da Sulmona e a soli tre chilometri dall’antica Corfinium, nell’estrema parte occidentale della Valle Peligna.

L’edificio si erge sopra le fredde e spumeggianti acque del fiume in una magnifica posizione nel cuore di un’oasi verde incastonata tra brulle pareti.

Il terremoto disastroso del 2009 ha fatto dei danni per fortuna non irreparabili e i recenti sismi non hanno potuto niente contro le pietre secolari. La parte posteriore di questo spettacolare eremo è probabilmente la più antica che risalirebbe al XV secolo.

Notizie di San Venanzio in Raiano le troviamo comunque già nel XII secolo grazie ad alcune Bolle papali ma, da alcuni elementi architettonici e per gli affreschi di sacrestia, si può affermare con relativa certezza che il primo impianto è del quattrocento. La chiesa fu poi ampliata alla fine del XVII secolo.

L’interno è a pianta rettangolare ed è coperto con volte a botte, affrescate dopo la seconda guerra mondiale da due pittori, Savino Del Boccio e Antonio Vaccaio, che così vollero ringraziare Dio per aver decretato la fine del cruento conflitto.

C’è un corridoio a destra dell’ingresso centrale, fiancheggiato da piccole celle eremitiche, che porta alla minuscola cappella delle Sette Marie.

L’insolita stanzina custodisce un “Compianto” cinquecentesco, che artisticamente in alcune parti ricorda la grande opera che si ammira a Bologna. Anche questa è in terracotta policroma e il Gagliardelli la realizzò nel ’500. Si tratta di una scultura costituita da più statue e un coro di cinque angeli pendenti.

Un furto sacrilego nel 1971, purtroppo, spogliò la chiesa di molti ex voto che ornavano le pareti, di grande valore dato che alcuni risalivano al 1600.

Oltre alla bellezza del luogo dove giace l’antico romitorio, il fascino è notevole anche per gli ambienti interni che sono deliziosi.

C’è ad esempio il “Sancta Sanctorum”, in prossimità della Scala Santa che veniva utilizzata dall’anacoreta Venanzio per salire nella sua celletta, che conserva nella pietra l’impronta del suo corpo.

La leggenda dice che al passaggio del santo la corrente del fiume si arrestava ed egli non si bagnava i piedi.

Nel muro opposto si può scorgere ciò che resta di un affresco antichissimo raffigurante la testa di Santa Caterina.

Torme di fedeli, ancora oggi, si coricano sulla roccia dove ci sarebbe l’orma del corpo disteso di Venanzio, nell’eterna convinzione di potersi curare i dolori reumatici e addominali, le cefalee e il mal di reni.

Dopo essersi strofinati, devono anche risalire in ginocchio i gradini della Scala Santa, scavata nella nuda roccia con un cunicolo stretto, e recitare ogni gradino un Ave Maria.

È noto che la credenza popolare nelle virtù risanatrici delle pietre è generale quasi dappertutto in Abruzzo. Sono usanze che ricordano quelle di alcuni paesi musulmani del Cairo dove i devoti si stropicciano ancora contro le colonne della moschea.

Questa usanza delle compagnie di pellegrini che si recano all’eremo, va ricollegata all’antica credenza della terra come fonte latente di energie vitali e nel concetto di sacralità dell’uomo che ha insito in sé il potere di trasmettere, per contatto, la forza necessaria da cui sgorgano le grazie e i miracoli implorati.

Il fedele si affida completamente al santo taumaturgo per tutti i suoi bisogni.

È come un piccolo oceano di sensazioni quello che attraversa la mente del visitatore tra leggende, spiritualità e tradizioni.

Si ha la sensazione di navigare nelle acque impetuose del fiume come pellegrini stupiti in un mondo fiabesco di storie.

Come arrivare:

A24/A25 Roma-Pescara, uscita Pratola Peligna-Sulmona.

Proseguire in direzione Raiano da Napoli: A1 Napoli-Roma uscita Caianello / seguire indicazioni per Castel di Sangro / Roccaraso / Sulmona / direzione A25 / Raiano.

Info: Riserva Naturale Regionale Gole di San Venanzio – via tratturo di Raiano (AQ).

tel. 086472314 – fax municipio: 0864726955.

www.golesanvenazio.it  

One Response to "L’Eremo di San Venanzio a Raiano"

  1. Gianni Di Donato   11 febbraio 2018 at 12:06

    SUBLIME

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.