Montone: dove “Bucciarello” lasciò il segno

di Sergio Scacchiapaesaggioteramano.blogspot.it

Un mantello per proteggersi dalle intemperie, un cappello a larghe falde per ripararsi dai raggi del sole e dalla pioggia. Poi, il lungo bastone nodoso nella parte superiore per facilitare l’appoggio e ferrato nella parte inferiore per difendersi da lupi e briganti. Infine, la bisaccia senza alcun lacciolo all’imboccatura, per essere pronta a ricevere ma soprattutto a dare.

Così giunse fin qui nel secolo decimo, uno sparuto gruppo di frati Celestini che poi decise di fondare un convento, bonificando e rinvigorendo la collina.

I chierici erranti pensarono di essere nel posto giusto per erigere un monastero fortificato che dominasse l’immensa valle solcata dai fiumi Tordino e Salinello.

Montone, a pochi chilometri da Mosciano S. Angelo, in provincia di Teramo, oggi si offre agli ignari visitatori – che magari s’imbattono per sbaglio in questo gioiello – come un piccolo presepe fuori dal tempo, donando l’immediata percezione di essere ormeggiati nel cuore della parte più vera della Provincia teramana.

Il borgo medioevale occupa ancora una collina al di sopra di una terrazza dall’invidiabile posizione a balcone sul mare e le aspre vette del Gran Sasso.

La nostra è una terra nata quasi da un ordine cartesiano, che ti culla spingendo un’altalena di emozioni, sentimenti, che ti afferra per mano accompagnandoti lì dove puoi perderti nella bellezza. Perché nel teramano è la bellezza il filo che lega strettamente storia e tradizione.

E a Montone, la campagna offre al visitatore un colpo d’occhio incredibilmente bello.

Si dovrebbe salire fin quassù in ogni stagione per fotografare gli incredibili mutamenti che i campi subiscono durante le varie fasi dell’anno.

Il piccolo insediamento spirituale dei Celestini mutò, in seguito, in un “castrum” fortilizio con mura perimetrali e unica strada di accesso, fin su dove oggi è ancora visibile il vecchio maschio con la torre campanaria della chiesina dedicata a S.Antonio. Si scorgono tratti di cinta muraria e un bastione di mattoni e ciottoli con merli a sud ovest che guarda verso la Vibrata e scorge l’abitato di Nereto.

Il borgo, poi, nel 1300 fu Ducato degli Acquaviva di Atri e le mura fortificate furono intervallate da ben sette torri e mura.

È, in breve, la storia di un borgo oggi animato da circa ottomila abitanti. Storia che si tinge di romanticismo con la vicenda di Bucciarello.

L’uomo, ufficiale al servizio del conte di Conversano, Antonio Acquaviva, commissionò un sarcofago in pietra e stile gotico, opera bellissima di un artista locale per contenere le spoglie dell’amata moglie, morta prematuramente. Anni dopo l’uomo fece erigere una chiesa dedicata a San Giacomo che oggi, restaurata, impreziosisce il piccolo abitato.

Il sarcofago è sorretto da cinque colonnine, con leoni stilizzati ed è impreziosito da un bassorilievo con l’Agnus Dei e figure di angioletti.

Sarcofago di Bucciarello da Montone

Il Sarcofago di Bucciarello da Montone, ubicato nella chiesa di S.Antonio Abate

Oggi la preziosa opera si trova nella Chiesa di S.Antonio Abate dove è ospitato anche un bel gruppo scultoreo con l’Immacolata, S.Antonio e San Camillo ai lati sull’altare maggiore e due dipinti con la Natività e la Sacra Famiglia.

All’inizio della primavera la luce gelida e pura inebria, vivida, i colori. Lo sguardo spazia verso le dorsali che separano le valli dal mare e si perde nel cielo. Si riscopre nella natura, in quel contrasto tra l’azzurro cobalto e la pennellata candida di neve che orla le cime del gigante Gran Sasso, la radice della bicromia essenziale che stregò quei frati giunti fin qui.

Sembra di essere protagonisti in una pennellata larga che marca indelebilmente l’immaginaria linea dell’orizzonte, quasi spaccando in due il mondo creato dall’Altissimo.

Montone è come una piccola ruga incastonata tra colline verdi, custode di un prezioso patrimonio di storia e di cultura. In mezzo a zolle ruvide, tra poggi e declivi, gli occhi sono colpiti dal colore dell’Adriatico, in basso a fine valle. Un turchino intenso che in inverno diventa cupo e minaccioso. Penso che la natura sia stata particolarmente generosa per quest’angolo di territorio che offre sensazioni dimenticate e porta a scoprire in mezzo a distese di girasoli e vigneti, ginestre e fasci di alloro, stradine secondarie ricche di piccole storie agresti dove regnano pace e silenzio.

Oggi Montone, come afferma la Pro Loco, è l’espressione più viva di un curioso e attento turismo culturale che va a braccetto con l’economia locale fatta di agricoltura in un’aura di malinconia costruttiva per un’epoca rurale che qui ancora vive.

Da queste attenzioni verso le origini nascono iniziative come la sagra del vino e dell’olio d’autore, la castagnata, la favata, allo scopo di valorizzare la cultura della terra, rinsaldando i legami della collettività.

Montone dista circa tre Km. e mezzo da Mosciano Sant’Angelo, sul versante nord della vallata del Tordino, a Km. 25 da Teramo, a Km 53 da Pescara ed a Km 10 da Giulianova. È situata a Km. 5 dal bivio sulla strada statale 80 (Uscita autostradale dell A14  di Mosciano Stazione).

Arrivare in auto

Dall’Adriatico: Autostrada A14, uscita Mosciano Sant’Angelo/Teramo/Giulianova; dalla Statale 80 (Giulianova-Teramo) proseguire sull’innesto, in Loc. Mosciano Stazione, con la S.P. 262 dir., attraverso la quale, dopo 5 Km, si raggiunge Mosciano; dalla Statale Adriatica immettersi sulla Strada Provinciale Giulianova-Campli n. 262 e proseguire verso l’interno per circa 10 Km fino a Mosciano.

Dal Tirreno: dall’Autostrada A24 (Roma-Teramo), immettersi sulla superstrada Teramo-Mare sino al raccordo di quest’ultima con il Casello della A14 nei pressi di Mosciano Stazione.

Arrivare in treno: scendere alla stazione ferroviaria di Giulianova poi, alla stazione degli Autobus, prendere un Bus delle Autolinee ARPA o delle Autolinee Gaspari; scendere alla stazione ferroviaria di Mosciano Stazione (strada ferrata Giulianova-Teramo) e poi prendere il Bus delle Autolinee Arpa (Mosciano Stazione-Mosciano).

Arrivare in autobus: prendere un Autobus delle Autolinee Arpa sia da Teramo (lungo la Statale 80), sia da Giulianova ( lungo la Statale 80 o lungo la S.P. 262- via Montone). Da Giulianova ci si può servire anche delle Autolinee Gaspari (n. 4 via Convento; n. 3 lungo la Statale 80 e la S.P. 262). 

Lascia un Commento

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>