Breaking news: Cocciolito sconfitto anche in appello da Melozzi & Baiocco. E’ la fine per lui e la Riccitelli?

Breaking news: Cocciolito sconfitto anche in appello da Melozzi & Baiocco. E’ la fine per lui e la Riccitelli?

Il Giudice Manfredi della Corte d’Appello dell’Aquila, ha dichiarato inammissibile l’appello promosso da Cocciolito contro la sentenza di primo grado che assolveva Melozzi e Baiocco per aver svolto alcune trasmissioni radiofoniche, in cui si parlava di cultura. E’ atteso nelle prossime ore un comunicato di Melozzi e Baiocco in merito.

L’unica cosa certa è che è finita l’era di Maurizio Cocciolito: Melozzi e Baiocco avevano ragione tanto che il giudice li ha assolti, per la seconda volta. Cocciolito dovrà lasciare la Riccitelli, come chiestogli dal CDA della società dei concerti teramana all’indomani delle rivelazioni di Melozzi e Baiocco che ipotizzavano una gestione poco chiara?cocciolito-triste trombato

3 Responses to "Breaking news: Cocciolito sconfitto anche in appello da Melozzi & Baiocco. E’ la fine per lui e la Riccitelli?"

  1. Leda Santosuosso   7 dicembre 2016 at 16:02

    Sono contenta per i ragazzi!
    🙂

  2. ragazzi o istituzioni?   8 dicembre 2016 at 12:49

    ma continuate ancora a chiamarli RAGAZZI? Questi sono due ISTITUZIONI CULTURALI CITTADINE EMERITE che hanno dimostrato correttezza, lealtà, legalità e sibilline capacità di previsione. Fatti non parole.Diamo a questi MAESTRI l’onore che meritano…

  3. Blade Runner   8 dicembre 2016 at 16:33

    Non conosco la storia oggetto della notizia quindi non mi esprimo in merito.

    Approfitto dell’occasione solo per ritornare sulla questione dell’occupazione dei locali ex Oviesse.

    Molti a tessere le lodi di questo nutrito gruppo di (pseudo) artisti.
    Ribadisco quanto già espresso tempo addietro: a me, bravura e competenza tecnica ed artistica di Melozzi e Baiocco a parte, che riconosco, la storia dell’occupazione di quei locali non è piaciuta affatto.
    Sarà stata una provocazione o il mezzo per cercare di evitare speculazioni edilizie ma di un’azione illegale si è trattato.
    E la legalità va difesa SEMPRE, non solo quando fa comodo. E in quella storia di legale c’è sempre stato ben poco.
    Christian, stimo la drittura morale celata dietro le tue sempre colorite provocazioni.
    Tuttavia converrai con me che un abuso non va mai giustificato o tollerato.
    O sei della scuola de “il fine giustifica i mezzi”?
    Ieri tutti a difendere la Costituzione.
    In qualche altra occasione no.
    A me le rivoluzioni con il sangue non piacciono.
    Né l’altro ieri, né ieri, oggi, domani.

    Con immutata stima per la tua azione.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.