Castellalto: L’antica Castrum Veteris

Castellalto: L’antica Castrum Veteris

di Sergio Scacchia – paesaggioteramano.blogspot.it

Castrum Veteris Trasmundi non è solo un nome dal suono antico che rimanda ad echi lontani: è un viaggio alla ricerca del tempo perduto. Un itinerario dai contorni a volte sfumati. Eppure in questo caso ben definiti sul piano geografico. Dal belvedere la vista si apre, infatti, sull’immensa pianura solcata dal fiume Tordino, spaziando dal Gran Sasso all’Adriatico, in un incredibile reportage visivo dell’amena provincia teramana.

Arrivo a Castellalto in una giornata smagliante di tardo autunno, con il sole che scolpisce in lontananza le montagne. Il borgo antico è immerso in un silenzio quasi sacrale. L’abitato rustico e compatto, scolpito su di un costone roccioso come minuta opera d’arte, conserva sprazzi della sua antica struttura architettonica.

Ricordo che, qualche anno, fa il professor Valerio Casadio dell’università di Roma, autentica enciclopedia vivente del paese, mi parlò delle origini, raccontandomi storie affascinanti di feudatari che cinsero il borgo di fortificazioni. Parlò di un ritrovamento eccezionale, un “bronzetto italico” di Ercole rivestito di pelle di leone, fattura ellenistica databile III, II secolo a.C.

Nei suoi racconti, lo storico citò vecchie case nel cui interno esisterebbero dei depositi-magazzini sotterranei, con delle capaci cisterne che un tempo raccoglievano l’acqua piovana da utilizzare per gli usi quotidiani.

Castellalto ancora oggi rende l’idea, osservando i resti dei bastioni perimetrali di difesa e il severo portale d’accesso, di quale incredibile baluardo dovesse essere per i suoi pendii a picco che rendevano quasi impossibile entrarvi.

L’anima dei Castellaltesi è rimasta intatta nei secoli. Un tempo era abitato da vecchi proprietari terrieri, pochi contadini, una manciata di valenti artigiani, sarti e calzolai che passavano di casa in casa, rimettendo in sesto il guardaroba di chi poteva permetterselo, ricevendo pagamenti in natura.

Oggi il vecchio e il nuovo convivono, anche se a fatica, in una complessa e armonica struttura, con edifici addossati l’uno all’altro senza soluzione di continuità, comunicanti tra loro con loggiati e androni, cunicoli e corti interne, retaggio evidente di un passato più importante della realtà odierna.

Il borgo è ricco di particolari caratteristici, reperti architettonici di una certa importanza e suggestive testimonianze lungo i suoi viottoli silenziosi.

L’antica casa del Barone Patrizi, dimora degli Acquaviva, ne è un esempio. Molti decori di nicchie e foglie di acanto sono scomparsi, ma il palazzo mostra ancora un passato glorioso. Nei primi anni del 900 il ricco signorotto possedeva gran parte del paese. Poi per alterne vicende cadde in disgrazia, povero, accudito prima della morte dal suo “fattore”.

Nella piazzetta del vecchio municipio i ragazzi vocianti stanno tirando calci ad un pallone. Uno di essi, il più sveglio, occhi vivaci e gesti da personaggio dei fumetti, mostra orgoglioso un piccolo sottoscala. Ai lati ci sono delle minuscole feritoie per aria e luce. Qui un tempo, racconta il ragazzo che da grande farà sicuramente la guida turistica, venivano rinchiusi i bambini restii allo studio.

È piccino il paese, circa duemila famiglie, minime prospettive di lavoro. Molti sono emigrati verso il vicino Eden industriale di Castelnuovo Vomano, creando – negli anni ’50 in una zona costituita da case coloniche e masserizie dei Cerulli Irelli e Guerrieri Marcozzi – un centro moderno di oltre quattromila anime, nato dalla fusione di vecchi agglomerati come Villa Gobbi, Villa S. Cipriano e Villa Parente. Erano proprietà, un tempo, di famiglie agiate.

Castellalto è legato in una sorta di osmosi anche con lo splendido borgo medioevale di Castelbasso.

Non è solo la sede comunale, è un autentica impollinazione imprenditoriale che trova compimento nelle fabbriche della vallata del Vomano. I paesani qui sono diffidenti fin quando non capiscono che hanno davanti un tipo semplice e acquistano fiducia nel loro interlocutore. “Lavora e taci”, questo motto che sembra uscito da qualche popoloso villaggio del nord est dell’Italia, calza a pennello per Castellalto.

Il barista mesce, con discrezione, un buon bicchiere di trebbiano e lo accompagna con stuzzichini di prosciutto e pecorino. Un vecchio abitante con il quale ho preso confidenza, snocciola una teoria di numeri che parlano da soli.

Le aziende agricole dei dintorni, mi dice, hanno le bestie contate. Poche mucche da latte, mancano tori per coprirle. Poche capre, pochi maiali. Un tempo da queste parti l’agricoltura e l’allevamento erano risorse insostituibili.

Di colpo si copre il sole. Si alza un vento freddo.

Varco il portale d’ingresso cinquecentesco della parrocchiale di San Giovanni. Lo stile barocco riempie gli occhi. Affreschi, statue, stucchi, fregi e capitelli. L’attuale chiesa è stata ampliata nel 1589. Precedentemente era una cappella sita nel mezzo delle mura di cinta che, partendo dall’arco di ingresso, cingevano tutto l’abitato.

Secoli prima il luogo era adibito all’“otium” delle terme. Qui, stando ai ritrovamenti di antichi pavimenti e tubazioni, gli antichi Romani dedicavano una parte del loro tempo all’arte del vivere, alla cura di sé, lo spazio dell’anima e il piacere del corpo.

All’interno numerosi inginocchiatoi, panche, un confessionale che dimostra l’usura del tempo. Una donna enorme, inginocchiata di schiena, pare svanire nel buio dell’unica navata. È in attesa di una sicura assoluzione dei suoi piccoli misfatti.

La chiesa della Madonna degli Angeli del 1580, alle porte del paese, vicino a quello che resta di un caratteristico cimitero, è suggestiva. Anni fa vennero trafugati dei teschi forse da studenti di medicina, secondo alcuni da gente dedita a riti di stregoneria.

Un luogo speciale. Si dice che sia stato costruito in pochi giorni dal popolo, in omaggio alla Vergine che avrebbe salvaguardato il luogo dalla tremenda carestia che fece morire di fame migliaia di persone, soprattutto nelle campagne.

Le gerarchie ecclesiastiche avrebbero sempre evitato di legittimare questo autentico miracolo. Ma in fondo chi se ne importa, dicono da queste parti. Il miracolo, la Madonna l’ha fatto davvero!

Mi piacerebbe poter rendere meglio le meraviglie di un silenzio rotto qui e là dal pianto di un neonato o dalle note discrete di una radio accesa.

Arrivare a Castellalto: Da Nord e da Sud

Dall’autostrada Adriatica A14 (da nord: direzione Ancona; da sud: direzione Pescara), uscire a Teramo/Giulianova/Mosciano Sant’Angelo, prendere la SS80 Strada Statale del Gran Sasso in direzione Teramo, uscire in direzione Castellalto/Bellante, seguire la direzione per Castellalto.

Da Pescara

Percorrere la SS16 in direzione di Chieti, continuare in direzione dell’autostrada A14, uscire a Teramo/Giulianova/Mosciano Sant’Angelo, prendere la SS80 Strada Statale del Gran Sasso in direzione Teramo, uscire in direzione Castellalto/Bellante, seguire la direzione per Castellalto. 

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.