Loreto Aprutino: Un “Giudizio” molto particolare

Loreto Aprutino: Un “Giudizio” molto particolare

di Sergio Scacchiapaesaggioteramano.blogspot.it

“Ma il Figlio dell’uomo quando verrà,

troverà la fede sulla terra? (Luca 18)

La domanda conclusiva nel capitolo diciotto del Vangelo di Luca, anche non essendo indice di pessimismo ma esortazione alla vigilanza e alla perseveranza, evoca lo scenario inquietante del Giudizio Universale.

Questo tema è certamente uno dei soggetti più sfruttati nell’arte sacra di tutte le epoche, dagli oscuri maestri delle chiese altomedioevali e dai mosaicisti d’ispirazione bizantina, fino ad arrivare al Vasari e ai famosi Giotto della Cappella degli Scrovegni e Michelangelo della Cappella Sistina.

Moltissimi artisti si sono cimentati nel dare forma e colore alle proprie inquietudini sulla sorte finale e alle paure collettive e quotidiane della società del loro tempo.

Nella campagna pescarese, tra i monti del Gran Sasso e il mare Adriatico, nei tranquilli borghi di Moscufo, Pianella e, soprattutto Loreto Aprutino, ci sono opere tutte da ammirare e tutte da vivere.

A Loreto Aprutino, in particolare, un affresco racconta alle generazioni cosa accadrà nel momento in cui saremo sottoposti al giudizio di Dio.

Il dipinto che campeggia sulla parete in fondo alla chiesa, è il vero capolavoro di Santa Maria in Piano.

Il tempio all’esterno, con la sua facciata quasi anonima anche se con un bel portale rinascimentale, dice poco o niente ma al suo interno custodisce un ciclo di opere che raccontano di santi, beati e poveri peccatori in cammino verso la redenzione.

La chiesa, di origine anteriore al mille, si chiama così perché per alcuni deriva da un tempio della “pia Diana”, dea pagana, per altri, il nome deriverebbe dalla piccola piana dove insiste il manufatto.

Il Giudizio pare sia stato realizzato nel quattrocento, con una tecnica particolare molto simile all’encausto in uso al tempo dei Romani che usavano colori a caldo, sciolti nella cera per ottenere colori brillanti ed effetti cromatici di rara intensità.

In un autentico delirio d’arte, visione estrema dell’oltretomba che si apre sotto i piedi delle anime dannate, c’è il Cristo adorato dalla Vergine e dal Battista, ci sono angeli che recano al Signore, il Giudice finale, dei cartigli con sopra le sentenze per ognuno dei peccatori. Impressionante, in particolare, il ponte del capello su cui le anime devono passare per aspirare a una possibile purificazione.

Tra corpi che precipitano nella pece bollente e anime leggere senza tanti peccati che riescono a superare il fragile ponte e arrivare al cospetto di San Michele, tutta l’allegoria porta a rimeditare la propria vita e a figurarsi il proprio destino.

Peccato per la parte finale del mirabile affresco, quello raffigurante l’Inferno, che è andato irrimediabilmente perduto nel seicento.

Oltre al Giudizio particolare delle anime, se l’osservatore attento volgerà uno sguardo anche alla quinta campata della chiesa, scoprirà affreschi con episodi di vita di San Tommaso, accompagnati da piccole didascalie, scritte in caratteri gotici e piccoli riferimenti a presunti miracoli assicurati da Santa Maria intenta a salvare Loreto Aprutino dalla furia degli Spagnoli nel cinquecento.

Poi programmate una bella visita al borgo. Non è antichissimo, fu fondato dai Longobardi e ampliato dai Normanni. Si chiamava Castrum Laureti e ha ospitato famiglie importanti come i D’Aquino, i D’Avalos, i Caracciolo.

Non perdete, nel cuore del paese, la visita all’inedito Museo dell’olio, aperto all’interno di un antico frantoio e, l’“Acerbo”, con l’imperdibile collezione dei capolavori dei maestri ceramisti di Castelli.

Per arrivare:

Venendo da Pescara, uscita A14 Pescara Nord, seguire le indicazioni per Loreto Aprutino.

Venendo da Roma, uscita A25 Chieti – Pescara. Prendere il raccordo per Pescara e uscire dopo 3Km sulla SS81. Seguire le indicazioni.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.