Brucchi cuore di pietra: cinismo e disprezzo per i bisognosi

Brucchi cuore di pietra: cinismo e disprezzo per i bisognosi

di Christian Francia  –

Brucchi - ho il cuore di pietra
Il sensibile sindaco di Teramo Maurizio Brucchi

Questa storia è davvero disdicevole e invoca – al cospetto della cittadinanza teramana – le dimissioni del sindaco Maurizio Brucchi per vergognosa insensibilità alle necessità primarie degli ammalati anziani e bisognosi di cure e assistenza continue.

Si dà il caso che il nostro amato sindaco sia stato nominato dall’ottobre 2013 “Amministratore di sostegno” di una anziana novantaduenne affetta da morbo di Alzheimer (cioè una gravissima patologia degenerativa) e in tale qualità gestisce anche l’assegno pensionistico del marito della malata.

L’8 settembre 2015 la figlia dell’anziana signora, dopo accorati appelli rimasti inascoltati, tramite il suo avvocato ha formulato una “istanza urgente” al Giudice Tutelare affinché provvedesse a nominare una badante di sua fiducia per accudire al meglio la malata.

Il Giudice Tutelare, con la massima solerzia, già due giorni dopo (10 settembre) emetteva decreto motivato nel quale ordinava “l’immediata trasmissione al signor sindaco del Comune di Teramo affinché possa disporre quale Amministratore di sostegno l’adozione dei provvedimenti immediati”.

In particolare, il Giudice consentiva al Sindaco “di disporre delle entrate ordinarie dell’interessata anche ai fini dell’assunzione di un’operatrice di assistenza, in specie per l’alimentazione quotidiana, presso la Casa di riposo”.

Con altrettanta solerzia Maurizio Brucchi se ne è fregato altamente delle prescrizioni del Giudice Tutelare ed è rimasto muto e insensibile alle ripetute insistenze della figlia per ben due mesi.

Poi, con lettera comodamente protocollata il 10 novembre 2015, ha risposto a tutti che non intende affatto assumere nessuna badante per assistere l’anziana, in quanto il personale della casa di riposo gli avrebbe comunicato che la paziente già riceve assistenza globale dal personale della struttura e inoltre “viene nutrita personalmente dalla figlia”, cioè la stessa che – a causa del proprio lavoro e delle proprie esigenze di vita – ha chiesto appunto che si assumesse la badante di fiducia.

Se ne deduce che il Giudice abbia ordinato di assumere immediatamente la badante per accudire al meglio l’anziana, ma il sindaco – pur disponendo delle entrate della paziente e della pensione del marito della paziente – se ne frega del Giudice e non assume la badante.

E ciò nonostante sia stata già favorevolmente effettuata la valutazione sulla necessità di una persona dedicata all’assistenza quotidiana e all’alimentazione dell’anziana signora.

Non credo ci sia bisogno di ulteriori commenti.

Auguro al sindaco di trovarsi nelle medesime condizioni di salute della malata di Alzheimer e di avere un “Amministratore di sostegno” sensibile come Maurizio Brucchi. 

6 Responses to "Brucchi cuore di pietra: cinismo e disprezzo per i bisognosi"

  1. Paolo Valle   4 marzo 2016 at 16:59

    Grande Franciaaaa

  2. Giampiero Cordoni   4 marzo 2016 at 18:04

    Ma credete che ancora che ci sia bisogno di misfatti del genere per esplicitare che tipo di amministratori (?) hanno votato i diligenti teramani ? Con i soliti buffoni che continuano a curare i loro orticelli privati, terranno , purtroppo, banco per altro tempo.

  3. Vincenzo   4 marzo 2016 at 22:52

    Prima o poi qualcuno stufo di questi personaggi gli darà due paccaroni !

  4. Vincenzo   4 marzo 2016 at 22:53

    Vedrete che prima o poi qualcuno gli darà due paccaroni

  5. A.M.   5 marzo 2016 at 11:49

    Francia,
    ti segnalo l’articolo
    “Comune di Teramo: Inchiesta interna sulle opere del museo…prima puntata.” di Giancarlo Falconi

    In particolare il passo:
    “Che cosa contiene la relazione sull’inventario delle opere, sul patrimonio culturale dei cittadini teramani?
    Perchè la politica e i capi bastioni sono così preoccupati?
    Mancano delle opere d’arte?”

    Un giorno parlasti male del suo modo di scrivere…
    … hai rivisto il tuo giudizio?
    Nel qual caso….. peste ti…..
    Secondo solo alla Di Carlo… anche se qui il doppio carpiato del plurale vale la medaglia d’oro sulla singola gara…
    Sigh!

  6. anonimo serena   10 marzo 2016 at 18:49

    al bruco interessa solo filippo sua fotocopia

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.