I cantanti cambiano. Cambiare è una colpa?

I cantanti cambiano. Cambiare è una colpa?

di Enrico Romagnoli  –

Vasco Rossi - Sono innocente 2
Vasco Rossi è innocente

Cambiamento. Una parola che piace a molti, tanti ne praticano un buon uso, altri cercano di evitare, ma comunque durante la vita si cambia. Nel percorso personale, volendo o nolendo, si è portati a cambiare, anche piccole cose, ma niente resta come è iniziato.

Avendo detto questo, e credo che ne siamo più o meno tutti d’accordo, c’è bisogno di dire che però ai musicisti non è permesso cambiare. No, loro devono basare un’intera carriera sullo stesso suono, stesse tematiche, pratiche, stili e così via, qualsiasi cosa. Sì, se prendete un fan di un qualsiasi artista, il buon 80% vi dirà: “Eh però, era meglio prima”.

Questa tipica espressione è accompagnata da un’altra, che dice: “Tizio/Caio è cambiato troppo”. Per esempio, un fan di Vasco dirà: “Eh Vasco, meglio prima, era più rock, è cambiato troppo”.

Certo, perchè secondo tantissime persone un artista ha il dovere di rimanere sempre lo stesso, di fare ciò da cui è partito, perchè scostarsi e cambiare è una colpa gravissima.

Chi usa certi stereotipi, la maggior parte dei quali giusto per parlare, non si rende conto che sotto la maschera dell’artista c’è un essere umano e in quanto tale ha bisogno di cambiare?

Poi è una qualità di moltissimi artisti essere curiosi e questo porta ad interessarsi, sperimentare e quindi cambiare. C’è da considerare anche l’elemento fondamentale della crescita anagrafica, la quale porta per forza, e per fortuna aggiungerei, a cambiare.

Tenendo l’esempio di prima, è normale che Vasco sia cambiato, ma per quello che si è detto sopra, non è un qualcosa di negativo. Se a 30 anni faceva musica per ribellione, per denuncia e per ostentare quella libertà che in Italia si diffondeva in quegli anni, ora, con più di 60 anni sulle spalle, è normale che scriva d’altro, in un’altra maniera e con uno stile differente. Questo lo porta a cambiare la musica, il lessico e l’interpretazione. Un uomo cresce e matura, nel farlo cambia, così anche come l’artista che ha dentro.

Enrico Romagnoli con microfono
Enrico Romagnoli

Io ho parlato di Vasco perchè è il primo nome che mi è venuto in testa e perchè in molti lo ascoltano, ma lo stesso discorso può essere fatto per tutti gli artisti accusati ingiustamente di cambiamento.

2 Responses to "I cantanti cambiano. Cambiare è una colpa?"

  1. Mauro   12 dicembre 2015 at 10:34

    Giustissima osservazione. La ragione di certe affermazioni che i fan dicono è legata alla loro visione della realtà che si è cristallizzata e che costituisce per loro una rassicurazione interiore.

  2. Luca D.G.   12 dicembre 2015 at 17:38

    Bravo, bellissimo articolo, hai colto appieno quello che penso da anni. Li leggo sempre i tuoi pezzi, mi piacciono davvero tanto, dici sempre cose giuste che mirano a commentare la realtà. Ottima capacità di contestualizzazione oltre che di sintesi.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.