Tra le antiche pietre parlanti di Corvara

Tra le antiche pietre parlanti di Corvara

di Sergio Scacchia 

“Divorano la carne del mio popolo, gli strappano la pelle di dosso, ne rompono le ossa e ne fanno spezzatino, come carne in una pentola, come lesso nel calderone” (Michea 3,3)

Il vecchio ha un fremito: “Qui ormai non viene più nessuno e i ruderi se li sta comprando tutti un romano pieno di soldi. Restaura, poi forse vende le case agli inglesi. Da qui a Farindola gli stranieri stanno prendendo tutto. Arriveranno fino a Brittoli. Ma la mia casa non è cadente e io non gliela vendo”. Il signor Ettore ha l’occhio destro assente, la voce piena di anni e rotta da un moto d’indignazione.

Corvara, discreta, si arrocca tra poche case intatte e molti monconi di mura, a pochi tornanti dal valico di Forca di Penne nell’area vestina del parco Gran Sasso, in provincia di Pescara. Tra incuria e bellezza, tutto è stato spolpato dai vandali, ma le storie di vita rimangono. È il sublime dell’abbandono, la vita che scompare. Un mondo popolato di anime perse, ombre migranti e montanari sfatti.

Corvara, Pescosansonesco, Pietranico, sono paesi bellissimi, il volto sconosciuto della provincia pescarese che rischia spopolamento e che vive in mezzo a frane d’inverno e siccità d’estate. I circa duecento abitanti hanno lasciato da tempo la parte vecchia, quella bella, quella ricca di storia, per vivere nei dintorni, lì dove non si deve tremare per frane o tetti crollanti. Il nuovo centro abitato è più a valle, in sicurezza o quasi.

Mi viene in mente Michea, il profeta che per la sua origine campagnola era poco gettonato e accostato ad Amos, altro provinciale. Eppure i due condividevano un linguaggio spiccio, concreto e anche brutale, ricco di ansie per la giustizia.

Il povero Ettore dovrà farsene una ragione. Corvara di un tempo, presto non esisterà più. Nei miei viaggi ho collezionato un’infinità di ruderi, solitudini e case abitate dal vento. Ma qui è diverso. Ho percorso strade sbarrate a un certo punto da sterpaglie, ruggine, muri sbeccati, roveti, ma qui è di più. Siamo davanti a una casa degli spiriti dagli arcani manoscritti dell’abbandono sotto un cielo e un sole da pergamena. È una linea d’ombre fra silenzi di pietra.

È un gran viaggiare questo mio, alla ricerca delle dimore del vento strappate dal sipario del tempo. Lo sperone di roccia sovrasta, tra boscaglie fitte e intricate, la strada che scende verso il santuario del giovane Beato Nunzio Sulprizio, a Pescosansonesco, meta di numerosi pellegrini e, in fondo alla valle, la splendida abbazia di San Clemente a Casauria.

Il borgo quasi fantasma, a fatica si sta ripopolando. Alcune case nella parte bassa sono state ristrutturate. Il resto del paese si sviluppa tutto in salita fino alla rupe superiore. Da qui, mirabilmente, lo sguardo può spaziare fino all’Adriatico. Le pietre sembrano scrutare la piana, in tempi antichi, portatrice di malaria e morte tra incursioni saracene e l’impaludamento delle acque del fiume Nera. Incanta i visitatori la piccola torre circolare col campanile della chiesa.

Tra questi monti, a torto definiti minori, dell’area protetta del Parco nazionale del Gran Sasso e monti della Laga, ciabatta un’alta concentrazione di vecchi, alcuni quasi centenari perché in mezzo alla natura si vive a lungo.

Da molti anni a Corvara non si nasce e non si muore più. Questa chiocciola di pietra dal cuore antico e silenzioso, medievale resto di un abitato importante, dicono che verrà colonizzato. Qualcuno dice che sono pronti per farne un albergo diffuso sul modello Santo Stefano di Sessanio, nel nome di una nuova giovinezza turistica assolutamente materiale. Altri parlano di contributi in arrivo per ripopolare il borgo vecchio.

Ne ha ben donde chi si appresta a quest’operazione commerciale dato che resiste un tessuto urbano fatto di vicoli, scalinate, portici e anfratti. Il pugno di abitanti che rimangono in inverno, insieme formano un’età che presumibilmente si aggira sui cinquecento anni e non vogliono abdicare a vantaggio del progresso.

Le due donne che lavano i panni nella piccola fonte di pietra mi guardano sorprese. In genere da queste parti le visite si concentrano nella settimana di ferragosto. Tre polli razzolano davanti a quel che resta di una casa con due piccoli portali sovrastati da terribili mascheroni polimorfi.

Su di una cancellata il cartello invita ad acquistare la casa che, senza un adeguato restauro potrebbe caderti addosso. Poco distante un rudere presenta sul muro una vecchia insegna. Era la panetteria dove la mattina si sfornavano pagnottelle e pizzette. Accosto la piccola porta in legno fradicio. Sul muro c’è ancora un corno d’ariete, culto pagano di civiltà pastorale che individuava in questo segno fortuna e sperava così nell’abbondanza. Neanche tutti i buoi del comprensorio, con le loro corna, probabilmente avrebbero salvato Corvara da questa improvvida decadenza.

“Pensare che un tempo qui si sarebbero fatti uccidere piuttosto che vendere”. Il signore che esclama questo è in tuta da lavoro. Mi saluta, poi sale su di un minuscolo muletto con gru e prende a trasportare materiale. Sta lavorando con la sua impresa al restauro della piccola piazza.

C’è anche una vecchia Multipla Fiat verde pisello, che ha il vetro anteriore con più crepe delle rughe nel viso della Montalcini. La carrozzeria interna non esiste più tra pezzi mancanti, ruggine e ammaccature. Unica cosa stranamente integra, il tettuccio di plastica in origine color crema, oggi indefinibile. Dicono sia di proprietà di una famiglia di zingari. Strani popoli questi, simili agli ebrei, sparsi in tutto il mondo che però hanno un fortissimo senso d’identità.

In un piccolo slargo c’è una vecchia capanna utilizzata negli scorsi Natale per una rappresentazione della Natività. Più tardi mi spiegano che da queste parti spesso, dai paesi vicini, vengono ad allestire il teatro all’aperto, perché Corvara, nonostante la distruzione della memoria pastorale, è sicuramente una location degna anche di ospitare riprese cinematografiche.

In cima all’abitato, nella parte più alta, la vista spazia su una larga fetta del pescarese. È fantastico. Il cielo è plumbeo, la vegetazione marmorea, le nuvole incastrate tra loro, eguagliano lo zucchero filato.

C’è un’antica mulattiera con passaggi scavati nella roccia che da qui arriva verso il panoramico dosso del Colle Rotondo. Avendo tempo si giungerebbe al valico di Forca di Penne con il suo torrione medievale, zona di grande interesse per chi ama il “birdwatching”, l’avvistamento degli uccelli che migrano.

Vento, silenzio, solo il sibilo del roteare di una poiana in alto. Tutto è immobile, anche la lucertola che cuoce al sole. In mezzo a menta, rosmarino e un roseto selvatico, c’è anche un piccolo pozzo del tardo medioevo.

Io credo che la gente di montagna che non rimane attaccata alla terra, prima o poi fa la fine delle api impazzite che non trovano più la strada di casa. Sono molti, troppi, gli epicentri della desolazione tra antiche pietre parlanti e monconi di esistenze sfatte. Mi pare di sentire lo scalpiccio d’invisibili abitanti di un tempo. Appaiono quasi come cose vive di fronte al nulla.

Come arrivare a Corvara

Dal Nord e dal Sud Italia: prendere l’autostrada A14 e, una volta arrivati in Abruzzo, imboccare, in prossimità di Pescara, l’autostrada A25 con direzione Roma, uscendo al casello Torre Dè Passeri/Bussi. Proseguire in direzione di Torre Dè Passeri sulla strada provinciale 56 (SP56) e seguire, poi, sempre l’indicazione Corvara sulla strada provinciale 56 (SP53).

Da Pescara: prendere l’autostrada A25 con direzione Roma ed uscire al casello Torre Dè Passeri/Bussi. Proseguire in direzione di Torre Dè Passeri sulla strada provinciale 56 (SP56) e seguire, poi, sempre l’indicazione Corvara sulla strada provinciale 56 (SP53).

www.paesaggioteramano.blogspot.it

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.