Sul tetto d’Abruzzo. La rocca di Calascio

Sul tetto d’Abruzzo. La rocca di Calascio

di Sergio Scacchia  –

I corvi dominano sulle mura, assediano quasi la torre cilindrica e i monconi di pietra bianca. Un gheppio plana dolcemente su di un arbusto.

Il luogo evoca cruenti duelli all’arma bianca, un tempo teatro di battaglie, oggi luogo silente. Per secoli la zona è stata di transito per monaci in viaggio verso la Baronia di Carapelle, imperatori padroni della vita e della morte del popolo, poveri pastori confusi tra le bestie. Oggi é un luogo straordinario, immerso nel silenzio profondo.

Non c’è momento migliore dell’anno che la tarda primavera per visitare la misteriosa Rocca di Calascio, una delle fortezze più alte d’Italia, a picco sulle valli del Tirino e della piana di Navelli, ai margini di Campo Imperatore, piccolo Tibet d’Abruzzo. Le torme di turisti estivi sono lontane.

È il castello per eccellenza, nelle forme classiche del Quattrocento, quello che ogni bambino immagina nel suo mondo di fiabe.

Qui sono nate infinite pellicole medioevali tra le quali “Lady Hawke” con Michelle Pfeiffer e Rutger Hauer, bellissima storia di due innamorati divisi per sempre da una terribile maledizione che trasformava di notte l’uomo in lupo e di giorno la donna in falco, impedendo ai due di vivere insieme.

Costruito intorno all’anno Mille, il castello ha i suoi momenti storici più importanti, negli anni dal 1480 al 1530, quando la famiglia Piccolomini realizzò quattro torri ricostruendo l’abitato distrutto da un furioso terremoto nel 1461.

Il nobile non era certo un mecenate, infatti proprio sotto il borgo fortificato passava un’arteria importantissima per l’economia locale: il tratturo Magno che collegava l’Abruzzo con tutto il Centro- Italia da Firenze a Napoli, determinando un flusso considerevole di commercio.

Fu così che il Duca Antonio, nipote di Papa Pio II, genero di Ferdinando Primo di Aragona, signore di Napoli, si stabilì in questo posto, lo stesso dove più tardi giunsero anche i Medici, Granduchi di Toscana.

Questa notevole opera militare, che ha ospitato condottieri come Riccardo d’Acquaviva e Carlo D’Angiò, vanta una torre centrale larga dieci metri, costruita impiegando una tecnica muraria particolare, dove i primi tre metri sono in muratura regolare, gli altri in pietra appena sbozzata.

La torre fu integrata più tardi dalla cortina muraria e da altre quattro torri cilindriche sorrette agli angoli da basamenti ancorati sulla nuda roccia.

C’è anche una chiesa che non ti aspetti, singolare e rinascimentale, in pianta ottagonale, fondata alla fine del ‘500 che, a una vista sommaria, sembrerebbe stonare con l’insieme ma che invece riesce a formare il classico valore aggiunto di pregevole fattura.

Tutto il territorio con i suoi aridi altipiani ha conservato il fascino di una landa antica in cui il tempo pare essersi fermato.

DIARIO DI VIAGGIO

Per raggiungere questo posto incredibile, prendete l’autostrada per Roma, uscita Aquila Est, strada statale 17 direzione Pescara e poi, dopo diciotto chilometri girate a sinistra per Barisciano, strada provinciale per Calascio, tre chilometri tortuosi e in bilico su di una piana incredibile fin su la rocca. Per chi ha piedi buoni, consiglio di salire scarpinando, così da gustare fino in fondo il panorama.

A Rocca Calascio, sotto l’antica torre, c’è il Rifugio della Rocca, con il caratteristico ristorante e bar, le camere e gli appartamenti dell’albergo diffuso restaurati in diverse case del borgo. Il Rifugio ha anche una camerata da 16 posti per gruppi. Telefono: 338.8059430 – 340.4696928

Nel vicino borgo medievale fortificato di Santo Stefano di Sessanio, sono molte le sistemazioni tra alberghi e affittacamere . Telefono: 0862.899112

www.paesaggioteramano.blogspot.it

One Response to "Sul tetto d’Abruzzo. La rocca di Calascio"

  1. Nunzio   10 novembre 2015 at 21:24

    Mai stato a Calascio.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.