Il Comune di Teramo regala gli Asili nido ai privati (amici di Paolo Gatti)

Il Comune di Teramo regala gli Asili nido ai privati (amici di Paolo Gatti)

di Christian Francia  –

Piero Romanelli - Assessore alla Pubblica Distruzione
Piero Romanelli: assessore al servizio di Paolo Gatti

C’era una volta un servizio pubblico, quello che il Comune di Teramo svolgeva con sei asili nido (per bambini dai 3 ai 36 mesi) e un micronido (del quale usufruiscono ben 48 bambini). Da ieri non c’è più. Ci saranno dei privati (rigorosamente amici di Paolo Gatti), per volontà della squallida maggioranza che governa questa città con la deliberata volontà di condurla sul lastrico.

Il servizio continuerà ad essere erogato alle famiglie che ne hanno bisogno, ma naturalmente i costi saranno molto più elevati.

Il Comune, con una deliberazione pavida e da infami, ha deciso ieri che si procederà all’esternalizzazione dell’intero servizio di assistenza alla prima infanzia, restando irremovibile anche nei confronti dell’Ordine del Giorno presentato dalla consigliera di Teramo 3.0 Maria Cristina Marroni, nel quale si chiedeva un ragionevolissimo rinvio di ogni decisione all’esito dei necessari supplementi istruttori e delle possibilità di cercare altre fonti di finanziamento.

Ma niente da fare, l’assessore alla Pubblica Distruzione Piero Romanelli aveva una missione da compiere e tutte le pecore della maggioranza, che fingono davanti alle telecamere di fare la voce grossa, hanno belato il loro assenso alla distruzione dell’ennesimo servizio pubblico.

Romanelli, in modo davvero esecrabile, ha accampato delle scuse che fanno letteralmente vomitare: il problema sarebbe quello delle educatrici che sono dipendenti comunali e che sono in procinto di andare in pensione, ma che purtroppo non possono essere sostituite perché la legge crudele non permette di assumere altro personale nemmeno a copertura dei pensionamenti.

Romanelli è bugiardo come Giuda Iscariota, perché lui è assessore da quando io portavo i calzoni corti e non può non sapere che la data di pensionamento dei dipendenti è nota da sempre all’ufficio del personale, per cui la programmazione del turn over dei dipendenti (con le necessarie assunzioni delle educatrici da sostituire a quelle che sono a fine carriera) avrebbe dovuto essere messa in campo anni fa, specie alla luce del fatto che la normativa che rallenta le assunzioni risale anch’essa a molti anni or sono.

E Romanelli non dice, né alcun “reggimicrofono” glielo domanda, come mai il Comune appena tre anni fa ha deciso di svolgere un concorso del tutto illegittimo – che ho pubblicamente denunciato in ogni sede – per assumere ben 14 dipendenti amministrativi del tutto inutili invece di assumere le necessarie maestre d’asilo.

Romanelli e Brucchi non dicono che fra quei 14 assunti dell’altroieri c’erano le mogli dei segretari di Gianni Chiodi, le mogli dei collaboratori di Mauro Di Dalmazio, le fidanzate di stretti congiunti di alcuni assessori comunali, le amanti di importanti consiglieri di amministrazione di società partecipate dal Comune, amici e amiche degli amici che oggi scaldano le comode sedie dei loro comodi uffici pubblici a nostre spese e del tutto inutilmente per gli interessi reali dei cittadini teramani.

E così da domani gli Asili nido verranno esternalizzati a piacimento, regalandoli ai privati (scommetto il mio regno che finiranno in mano a cooperative amiche di Paolo Gatti, della cui scuderia Romanelli è membro effettivo), privati che si dimostreranno gentili nel favorire le assunzioni di coloro che sapranno ripagare nelle urne il posto di lavoro.

I cittadini continueranno a poter accedere al servizio, ma ovviamente a costi molto differenti da quelli attuali. L’assessore alla Pubblica Distruzione ha portato a termine la sua missione. Che schifo.

2 Responses to "Il Comune di Teramo regala gli Asili nido ai privati (amici di Paolo Gatti)"

  1. Alberto Granado   1 aprile 2015 at 13:53

    Che ci vuoi fare?!?
    Romanelli…la faccia pulita del partito più sporco d’Italia.
    Lasci la politica Dott, non fa per lei.

  2. Ernesto   1 aprile 2015 at 20:41

    Ma Paolo Gatti che lavoro fa? cioè ha mai lavorato nella vita?

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.