Una generazione spiegata in musica

Una generazione spiegata in musica

di Enrico Romagnoli  –

Romagnoli canta 2
Enrico Romagnoli mentre canta “le bionde trecce…”

L’anno scorso in quinto superiore ho fatto un gran bel viaggio a Firenze con la scuola, in occasione dei colloqui fiorentini, un concorso letterario che in quell’anno trattava Gabriele D’Annunzio. Ci siamo divertiti, abbiamo visto Firenze e come al solito abbiamo esasperato i professori, ma questa è un’altra storia.

Quello che voglio dire è come ci siano canzoni che in ogni occasione accompagnano studenti in viaggio, amici in vacanza e chiunque con una chitarra in mano suggella momenti indimenticabili, perché bastano pochi accordi per scordarsi dei problemi del mondo.

Quando non hai neanche vent’anni e sei nel limbo dell’adolescenza ogni cosa può essere un problema, ma basta una canzone e quei problemi diventano cose su cui cantare.

Ci sono canzoni che però non tramontano mai e sono sempre nelle scalette dei viaggi, basta iniziare la prima strofa o dire una parola e tutti quanti iniziano a cantare, come se fossero ad un vero e proprio concerto.

Per stilare questa “classifica”, che non è tale poiché certi pezzi non possono essere classificati ma solo cantati, mi sono fatto aiutare, chiedendo qui e là a dei miei coetanei quali fossero per loro le canzoni più cantate nei viaggi.

Le risposte sono state tantissime, ma ci sono alcuni pezzi più votati, che almeno una persona ha detto e allora ecco che si genera da sola una lista, che non ha un vincitore, ma ha la voce di tutti i ragazzi che ogni anno cantano a squarciagola.

Le canzoni più votate sono cinque e sono:

5) Come Mai – 883

4) Wonderwall – Oasis

3) Albachiara – Vasco Rossi

2) Certe Notti – Ligabue

1) La Canzone Del Sole – Lucio Battisti

Immagino che tanti di voi non si riconoscano in queste cinque canzoni, sia per differenze generazionali che di gusti musicali, ma è un modo per farvi capire come siamo noi ragazzi che ci avviciniamo impetuosamente ai 20 anni, nati nei ’90 e cresciuti con questi pezzi che ormai fanno parte della nostra storia.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.