Giovani talenti abruzzesi al Teatro comunale di Atri

Giovani talenti abruzzesi al Teatro comunale di Atri
Fabio Di Stefano
Fabio Di Stefano

Grande partecipazione di pubblico al Teatro Comunale di Atri in occasione del Concerto per pianoforte eseguito dal M° Fabio Di Stefano e dal M° Leonardo Pierdomenico. La performance dei due brillanti talenti pianistici di origine Abruzzese ha emozionato il pubblico presente attraverso l’esecuzione di un programma raffinato e di altissima qualità, tra cui il Mephisto Valse n. 1 di Liszt (Fabio Di Stefano) e le Variazioni sopra un tema di Paganini II vol.  di Brahms (Leonardo Pierdomenico).

Leonardo Pierdomenico
Leonardo Pierdomenico

Fabio, nato il 23 marzo 1990 ad Ascoli Piceno, ha iniziato lo studio del Pianoforte all’età di sei anni, sotto la guida del M° Alessandra Lucantoni e si è diplomato con il massimo dei voti e la lode all’età di 20 anni con il M° A. Cappella; Leonardo, nato il 27 marzo 1992, ha suonato per la prima volta a cinque anni e si è diplomato con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore al Conservatorio Luisa D’Annunzio di Pescara. Scriveva Platone: “La musica è una luce morale. Essa dona un’anima ai nostri cuori, ali ai pensieri, uno sviluppo all’immaginazione, essa è un carme alla tristezza, alla gaiezza, alla vita, a tutte le cose. Essa è un’essenza del tempo e si eleva a tutte quelle forme invisibili, abbagliante e appassionatamente eterna.” Una magia, questa luce morale,  che il sorriso dei due giovani ha donato anche al pubblico.

Daniela Di Giacomo
Daniela Di Giacomo

La manifestazione inoltre ha permesso la condivisione di esperienze di altri talenti: quelli della ricerca scientifica e medica rappresentati dalla Dott.ssa Daniela Di Giacomo, vincitrice della Borsa di ricerca della Fondazione Veronesi della Delegazione di Teramo (ieri presente in sala) per l’anno 2014, la quale ha affrontato il tema del suo studio mirato alla individuazione di fattori genetici predisponenti al tumore del seno e a quello delle ovaie. La Borsa di studio è stata assegnata attraverso Bando pubblico per giovani ricercatori Abruzzesi, messa a disposizione grazie all’attività di tutte le persone che condividono l’obiettivo del sostegno alla ricerca.

Questo è l’Abruzzo “forte e gentile” orgoglio dei nostri Padri e speranza per il futuro dei nostri figli.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.