Valle del Fino: storie di vita lungo la valle sconosciuta. Itinerario alla scoperta del territorio solcato dal fiume Fino

Valle del Fino: storie di vita lungo la valle sconosciuta. Itinerario alla scoperta del territorio solcato dal fiume Fino

di Sergio Scacchia  –    

Gran Sasso visto dalla valle
Il Gran Sasso visto dalla valle

 Giuseppe lavorava come arrotino. Girava con la sua mola l’Italia per diversi mesi l’anno. Poi in estate tornava nella vallata per dare una mano nel periodo della raccolta. Oggi vive nella campagna tra Montefino e Bisenti.

Il dolore di testa, a novanta primavere, non sa cos’è. Ha soltanto un po’ di tiroide ballerina e la dentiera che fatica a stare al posto suo. Sul muro, incorniciato, c’è un vecchissimo depliant turistico di un’epoca che non c’è più. L’invito è singolare: “visitate l’Aeropoli vallata del Fino attraverso il pianoro della città del silenzio”.

Il vecchio mostra una pubblicazione del Touring di oltre cinquanta anni fa, dove si legge: “Scendendo da Bisenti verso Castiglione, sulla sinistra, come nido feudale, le povere case di Montefino…”.

Il tempo pare essersi fermato in questo borgo immerso nel silenzio quasi sacrale, rustico e compatto con le sue case addossate su di una collina di calanchi, in pietra grigia, molte prive d’intonaco, ma comunque affascinanti a vedersi. Sono aggrappate l’una all’altra e circondate da muraglioni di sostegno. Bella la storia del nome che dal lusinghiero Montefiore, era passato a un orribile Montesecco, in ossequio al fatto che i calanchi rendevano difficili le colture in mezzo a terre argillose e secche. Poi, nel 1865, in barba alla fisionomia aspra dei grossi banconi di roccia arenaria sui quali sorge l’abitato, il nome divenne, definitivamente, Montefino.

Le vecchie abitazioni, si legge ancora: “disegnano contro il cielo, un profilo piuttosto ingrato, ingentilito solo da un campanile quadrato dalla punta assai svelta”.

L’anziano uomo ha un fremito quando mostra la foto della sua Enrichetta. La donna è partita in cielo, quasi in silenzio, un paio di estati fa. La foto la ritrae con l’immancabile gonna lunga a fiori con sopra il golfino color del cielo, i capelli raggruppati dietro la nuca con la forcina. Curava l’orto, rammendava, cucinava manicaretti da Dio e a sera si godeva il tramonto seduta sulla sua amata sedia di vimini. Per anni la donna ha lavorato alla produzione artigianale dei cesti in vimini.

Nella valle del Fino era una risorsa importante, insieme alla lavorazione dell’uncinetto e del ricamo in stoffa. Ancora oggi le anziane del paese non hanno nulla da imparare da altre realtà più pubblicizzate come i tomboli di Pescocostanzo e i ricami di Canzano. Manufatti di alto artigianato ormai introvabili o quasi.

Un’altra attività femminile era l’allevamento del baco da seta. Una pratica questa che richiedeva manodopera esperta e assiduo lavoro di gruppo. Tutti ricordano la figura di donna Rachele che, giunta a Montefino per assistere il fratello parroco, si mise all’opera insegnando i dettami di questa difficile arte a tutto il paese.

Scappo alla scoperta di Bisenti.

il paese di Bisenti nel cuore delle valli dei fiumi Fino e Tavo
Bisenti – nel cuore delle valli dei fiumi Fino e Tavo

Nella Bibbia, amici miei, si legge che fu Noè, quello del Diluvio Universale e dell’arca, a inventare il vino e gli piacque a tal punto, che fu protagonista della prima sbronza nella storia dell’uomo. Vallo a dire agli abitanti di Bisenti. Da queste parti la produzione del vino Montonico è qualcosa di sacro, sin dai tempi più antichi.

Popolato già in età preromana, questo grande borgo alla destra del corso del fiume Fino, apparteneva nel XII secolo all’abbazia di Montecassino e per anni in questo territorio si sono succeduti gli Sforza, i Fallerio, gli Acquaviva, che hanno contribuito a rendere illustre la storia del paese.

C’è da non perdere l’antica torre medioevale, la splendida Casa Badiale dell’anno del Signore 1474, la Fonte Vecchia, il Loggiato di chiaro impianto medioevale, ma, soprattutto, la stupenda Santa Maria degli Angeli, fastosa basilica con il suo campanile di 40 metri, ricca di affreschi artistici, che custodisce una statua della Madonna, definita dagli esperti uno dei capolavori dell’arte sacra in Italia.

Bisenti ha anche il suo spicchio di mistero e leggenda. Superato il ponte sul Fino, prima di giungere al centro, 50 metri dopo il bivio per Arsita, è visibile un’antica casa in pietra. Gli abitanti giurano che quella era l’abitazione di Ponzio Pilato, ricordate il procuratore romano della Giudea, che condannò a morte Gesù e che s’inabissò, per fuggire dagli sgherri dell’imperatore Vespasiano, nel piccolo lago incastonato nei monti Sibillini?

Verità o leggenda? Fatto è che in paese un rione è ancora oggi dedicato a Pilato, che nella casa ci sono antichissime cisterne romane con un pozzo che si dice sia collegato tramite una serie di cunicoli alla Fonte Vecchia e che anni addietro qualcuno ha ritrovato antiche monete molto simili ai sesterzi usati dai romani e, dicono, dal centurione amico di Pilato, che trafisse il cuore di Gesù, proveniente da una ricca famiglia di Lanciano.

Sergio Scacchia
Sergio Scacchia

Resta sempre difficile spiegare perché una valle tra le più affascinanti dell’entroterra teramano come quella solcata dal fiume Fino, sia così trascurata e sconosciuta. Il fiume omonimo attraversa questo tortuoso pezzo d’Abruzzo, prima di unirsi all’abbraccio gorgogliante delle acque del Tavo. La natura incontaminata, gli scorci incantevoli, la storia e tradizioni antichissime, le testimonianze di un passato glorioso, sono i valori aggiunti per una terra di colture e di vita contadina, zona di piccole proprietà e di onesto e quotidiano lavoro.

La valle del Fino è un susseguirsi di dolci colline, boschi, campi coltivati, sempre dominati dalla mole possente e aspra ma in qualche modo rassicurante, della dolomia del Gran Sasso. Ancora oggi questo spicchio di provincia, è un mondo che ispira, spinge a confrontarsi con la grandiosità della natura e a interagire con essa.

Arsita è a pochi chilometri di distanza. Pare vivere in una sorta di dolce arrendevolezza, popolata da gente tranquilla che sembra aver assimilato dentro la quiete dei vicoli. La vita qui ha un diverso valore di esistenze urlate e portate oltre ogni limite. Tutto intorno, le colline sono da quadro impressionista.

Una descrizione del 1889 di Palmiro Premoli, recitava così:“le alture appaiono in tutta la loro maestosa imponenza. A sera, quando l’astro maggiore è sceso dietro agli Abruzzi e sulle cime non isplende più che una fiamma porporina, sembra quasi di vedere i picchi delle rocce fondersi in un mare di fuoco”.

È sera, infatti, ed è ora di intrattenerci piacevolmente in gastronomia: maccheroni alla molinara, mazzarelle, tagliatelle e fave, agnello alla brace, contorni di verdure dell’orto.

Che bella la vita!

Se credete, scrivete a mens2000@gmail.com o cercate il mio profilo su Facebook

http://paesaggioteramano.blogspot.it/

Cermignano sentinella delle valli del Vomano e del Fino
Cermignano – sentinella delle valli del Vomano e del Fino

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.