L’Europa è sempre il posto più bello del mondo

di Christian Francia

ParigiTenetevi forte: Paolo Rumiz, raffinatissimo giornalista e viaggiatore ineguagliabile, ci fa venire la pelle d’oca gridandoci quanto siamo belli (anche se non ce ne accorgiamo più).

Sul quotidiano La Repubblica del 27 ottobre 2014 appare una analisi dell’Organizzazione mondiale del Turismo in base alla quale si prevede che nei prossimi anni e decenni l’Europa è avviata ad un inevitabile declino come principale area turistica del mondo. Il turismo globalizzato si dirotterà sempre di più verso Oriente (dove sono le capitali dello shopping e dell’economia rampante), snobbando l’Europa.

Di lato all’impietosa analisi sullo stato dei fatti, Paolo Rumiz alza un grido che fa tremare sia l’Oriente (giudicato insignificante), sia l’Occidente (strigliato per la propria trascuratezza, pur restando il posto più bello al mondo).

Godetevi lo spettacolo:

“Ma in quelle megalopoli non c’è nulla da esplorare.

Perderemo il primato? Pazienza. Io mi tengo la mia Europa. Se l’industria pesante del turismo preferisce buttarsi in Cina all’assalto di shopping, aeroporti, megalopoli e aria condizionata, si accomodi. Lo dice uno che ha sempre amato e sognato l’Oriente.

Oggi la terra del sol levante è un’altra cosa. Ha perso molto del suo mistero. La Transiberiana è sempre più un’avventura per ricchi, non ha più profumo di samovar e carovane. L’Afghanistan è uno spazio off limits, il Pakistan gli fa concorrenza. Il Kazakistan si è trasformato in una sequenza di pozzi petroliferi. Le strade russe sono governate dalle mafie e percorrerle da soli si rischia la vita, per saperlo basta parlare con un camionista. Buona metà del Caucaso fermenta di rivolte e bande armate. Il Tibet e lo Xinkiang sono schiacciate da un’indecente repressione.

Ma i signori delle statistiche guardano davvero alla realtà? Non vedono che gli spazi di viaggio per i nostri figli si sono drammaticamente ristretti anziché allargarsi? Quarant’anni fa io potevo andare in macchina da Trieste a Kabul senza correre alcun rischio e senza essere un Indiana Jones. Ora tutto questo non è più possibile. Ma i governatori dei flussi mondiali non vedono e non sentono.

Non tengono conto che il mondo è al collasso, che l’instabilità comincia già in Ucraina e che Paesi mediterranei da sempre invasi da turisti, come la Siria e l’Egitto, sono diventati insicuri o proibiti. Non mettono in conto, nelle loro proiezioni matematiche, che Paesi emergenti come la Cina e l’India sono condannati, nel giro di pochi anni, a un disordine sociale sul quale il turismo avrà, ne sono certo, l’effetto della benzina sul fuoco.

Non so che farmene di un Oriente che non ha più una sua via della seta, che non mi permette un approccio graduale. Non me ne frega niente di farmi un Ottomila himalaiano su percorsi già attrezzati da bombole di ossigeno e dopo essere stato portato ad alta quota in elicottero. Non salirò mai su un penitenziario galleggiante di lusso per andare alle Hawaii e non farò mai acquisti nei grattacieli di Dubai. Non esiste.

Voglio viaggiare, non “essere viaggiato”, e non intendo subire pacchetti preconfezionati da altri. Non mi importa un mondo che assomiglia al mio, non voglio volare per dieci fusi orari solo per incontrare una tranquillizzante fotocopia dell’Occidente. Non salirò mai su un battello del Volga se a bordo, anziché delle vecchie canzoni russe, mi obbligheranno ad ascoltare un deprimente karaoke.

Mi diranno che il mio è un discorso di élite, e rispondo di sì. Ma è un’élite dello spirito, non del denaro. Scendere il Po in canoa è di gran lunga più affascinante e meno costoso che andare alle Seychelles. L’Europa offre scelte di una varietà incomparabile. Zigzagare per i Carpazi, valicare le Alpi in bicicletta, discendere il Danubio in battello, andare a piedi in pellegrinaggio a Cestochowa, affacciarsi sulle dune del Baltico, percorrere a vela le isole dalmate, entrare nelle mura federiciane di Castel del Monte, salire sui campanili di Chartres, camminare sulle brughiere delle Ebridi a Nord della Scozia, salire sulle nevi dell’Etna o affacciarsi sui tempestosi faraglioni di Cabo da Roca a Ovest di Lisbona. Non esiste continente capace di condensare così tanto in così poco spazio.

Il problema è che non lo sappiamo dire, comunicare. Come una vecchia signora, Europa dorme sugli allori, certa che corteggiatori non le mancheranno. L’Italia del Grand Tour, non se ne parla. È un magnifico giocattolo governato dall’incuria e da scriteriati che non ne comprendono le bellezze, e che non ha ancora imparato a costruire un’ospitalità moderna, leggera.

Se il continente perderà il suo primato nonostante il sontuoso apparato dell’Unione che lo rappresenta, sarà anche per la sua incapacità di percepire le sue bellezze in modo unitario, anziché in ordine sparso. Forse dobbiamo ancora cominciare a conoscerci. Quanto ci farebbe bene un bel bagno autarchico d’Europa”.

2 Responses to "L’Europa è sempre il posto più bello del mondo"

  1. Tibisay   5 novembre 2014 at 9:20

    come non condividere.
    Io dico sempre che non basterebbe una vita intera per visitare il nostro paese!

    La cosa affascinante di questo articolo è che si ricollega un po’ al discorso che faceva Serge Latouche venerdì scorso a Sant’Omero: la cosa più difficile della descrescita sarà rinunciare a questo tipo di viaggio.
    Ha fatto un meraviglioso elogio della bicicletta.
    E del tempo slow.
    Elite dello spirito. E’ proprio vero!

  2. Marco Moschetta   2 dicembre 2014 at 14:43

    Lo dico sempre – l’Europa è il giardino del mondo.
    E viaggiare alla Rumiz, per chi lo ha fatto anche solo almeno una volta, un’esperienza unica.
    E forse il problema sono i soldi: troppi.
    Quando un consiglio comunale si trova a “investire” su un orrore che stravolge storia, cultura, genius loci ed aspetto estetico come l’ipogeo o la rivisitazione della Villa Comunale di Teramo mi viene da pensare che i soldi messi in mano a sta gente sono stati veramente troppi.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.