CLAMOROSO: Eva Guardiani e Paolo Gatti politicamente colpevoli dei milioni di euro di danni causati dalla società “Teramo Lavoro Srl”. Catarra accusa la Guardiani davanti al P.M.

picasion.com_b8e4ba1e1dffdb91095f4b3d0aa3b6c9Sosteniamo da sempre che le colpe dello scandalo della società Teramo Lavoro, nata nel 2010 e messa in liquidazione nel 2013, siano soprattutto dell’Assessore regionale al Lavoro Paolo Gatti e dell’Assessore provinciale al Lavoro Eva Guardiani, anch’essa da sempre un’adepta di Gatti. La famosa filiera politica.

Lo abbiamo detto e lo abbiamo scritto, denunciando in ogni sede le responsabilità politiche di Gatti. Ma l’Assessore regionale al Lavoro è maestro di fuga dalle responsabilità: quando c’è un risultato da vantare lui rivendica i meriti, quando c’è un disastro da stigmatizzare lui scarica la colpa su altri politici o sulla burocrazia. Troppo comodo.

Gatti e la Guardiani non devono e non possono scaricare le loro colpe sugli altri, e in questo caso le colpe ammontano a 3,3 milioni di euro di fondi europei non riconosciuti dalla Regione Abruzzo alla Provincia per i servizi resi da Teramo Lavoro (poiché gestiti in contrasto con le cogenti norme di utilizzo di quei fondi), oltre ad imprecisati ulteriori milioni di euro di danni per risarcimenti chiesti dagli ex dipendenti, senza contare i danni umani e professionali di 110 famiglie di ex dipendenti rimaste senza lavoro, e senza contare i danni sociali delle disfunzioni dei servizi all’impiego e delle politiche del lavoro che la Provincia di Teramo dovrebbe garantire alla cittadinanza.

Questi sono i risultati dei due Assessori al Lavoro, risultati che fanno accapponare la pelle e che avrebbero indotto chiunque a nascondersi e a non farsi più vedere sulla scena politica teramana. Invece Gatti va tranquillamente in giro a dire quanto è stato bravo (chiedendo di essere rivotato alla Regione Abruzzo) e la Guardiani pure (chiedendo di essere votata al Comune di Teramo nella lista di Gatti).

Per paradosso nella lista di Gatti c’è pure una candidata a consigliere comunale che è una dei 110 ex dipendenti di Teramo Lavoro che hanno perso il posto nella disfatta della società (una vera e propria sindrome della vittima che ama il proprio carnefice).

Comprendiamo che la vergogna è un sentimento fuori moda, ma quando è troppo è troppo. Abbiamo pure più volte contestato a Gatti il fatto di non volersi assumere le responsabilità del disastro Teramo Lavoro, ma lui ha ribadito pubblicamente la sua totale estraneità nella scelta dell’ex Amministratore unico della società Venanzio Cretarola, attualmente sotto processo per truffa, falso, peculato e abuso d’ufficio.

eva-guardiani3
Eva Guardiani, la presentatrice di Venanzio Cretarola

A parte i formalismi, è oggettivamente scandaloso che chi gestisce le deleghe provinciali e regionali del Lavoro si chiami fuori dalle responsabilità politiche relative alle questioni direttamente connesse alle politiche del Lavoro.

Ma c’è una clamorosa smentita delle parole di Gatti, una smentita che proviene direttamente dalle dichiarazioni rese a verbale dal Presidente della Provincia Catarra in occasione delle indagini penali relative ai misfatti della società Teramo Lavoro.

Nell’aprile del 2013 Valter Catarra risponde formalmente alle domande che gli rivolge il Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Teramo, il quale chiederà successivamente il rinvio a giudizio sia per Catarra che per Cretarola, rinvio accolto dal Giudice e conseguente processo penale in corso di svolgimento. Leggete cosa risponde.

“PUBBLICO MINISTERO: Come emerge questa figura di questo signore, questo Cretarola, chi è che lo propone, come si presenta?

CATARRA V.: Beh, a me si è presentato insieme al mio Assessore al Lavoro, Eva Guardiani, è stata la Eva Guardiani a presentarmelo.

PUBBLICO MINISTERO: Che le ha detto… l’Assessore Eva Guardiani le ha detto?

CATARRA V.: Sì.

PUBBLICO MINISTERO: E come glielo ha presentato questo signore?

CATARRA V.: Me lo ha presentato come un esperto di Fondo Sociale Europeo”.

La questione è definitivamente chiarita: se oggi contiamo milioni di euro di danni prodotti da Teramo Lavoro, danni occorsi per mano di chi la gestiva e, cioè, Valter Catarra in qualità di socio unico della Teramo Lavoro Srl e Venanzio Cretarola in qualità di Amministratore unico nominato fiduciariamente dal Presidente della Provincia Catarra, dobbiamo obbligatoriamente attribuire le responsabilità politiche del disastro a Eva Guardiani che ha patrocinato il Cretarola e a Paolo Gatti in qualità di dante causa politico di Eva Guardiani.

Adesso i cittadini conoscono la verità. Tutti i residenti della provincia di Teramo stanno pagando le inefficienze e le colpe di coloro che ci hanno amministrato, i quali pretenderebbero pure di essere rieletti per continuare a compiere ulteriori scempi sia alla Regione che al Comune.

33 Responses to "CLAMOROSO: Eva Guardiani e Paolo Gatti politicamente colpevoli dei milioni di euro di danni causati dalla società “Teramo Lavoro Srl”. Catarra accusa la Guardiani davanti al P.M."

  1. Domenico Attanasii   15 aprile 2014 at 8:22

    Dichiarazioni pubbliche di Gianni Chiodi su una vicenda simile a quella di “Teramo Lavoro”:

    (…) Il pensiero del Presidente dopo l’incontro non cambia: «Abruzzo Engineering è un carrozzone clientelare, costruito in sfregio ai finaziamenti pubblici di tutti gli abruzzesi e non possiamo più permettercelo – dice ai nostri microfoni il Presidente – la vicenda è complessa e il mio impegno sociale verso questi lavoratori sarà massimo come in ogni vertenza lavorativa, ma dal 31 dicembre del 2013 le società in-house non esisteranno più e noi già da adesso non possiamo sostenerne il costo e soprattutto le vertenze create anche con altre società». (i 39 milioni di euro chiesti da Selex ndr.) (http://www.abruzzo24ore.tv/news/Abruzzo-Engineering-Chiodi-Carrozzone-clientelare-l-Abruzzo-non-puo-piu-permetterselo/105578.htm)

    Attualmente, in barba all’istituto della rotazione del personale, in AE lavorano – ovviamente per puro caso – sempre le stesse persone.

    Un politico, di cui non faccio il nome, che se ne va in giro a raccattare voti come un gatto di quartiere, ha detto a un lavoratore in CIG da 30 mesi assunto tramite il collocamento nel 1998, che in AE non c’è clientelismo…

  2. Anonimo   15 aprile 2014 at 8:23

    Questa sig.ra guardiani dicono che se rivince brucchi gatti la vorrà vice sindaco. Magari gli darà pure la delega al lavoro! Teramani occhio……….

  3. Indagini   15 aprile 2014 at 9:13

    C’è chi dice che ci siano indagini dalla Procura di Teramo e Perugia su politici teramani, dopo le elezioni, in cui probabilmente non saranno rieletti, ne vedremo delle belle!

  4. anonimo   15 aprile 2014 at 10:09

    Se la candidata è quella che penso, ha un cognome portafortuna. E lei è stata l’unica fortunata che nel 2009 ha avuto un contratto a tempo determinato con la Provincia di 36 mesi a 36 ore, mentre gli altri precari hanno avuto rinnovi di 6 mesi e pochi altri di 18. Non ricordo esattamente se qualche giorno prima o qualche giorno dopo le votazioni.

  5. Scandalo!   15 aprile 2014 at 10:49

    Bravi ad occuparvi di Teramo Lavoro e dei suoi sprechi. Ma che ci dite dell’ignobile consorzio MoTe, pronto a dissipare 2 milioni di euro stanziati dalla Regione (Di Dalmazio) per un progetto improbabile come il Centro Teramo Riciclo?

  6. Tibisay   15 aprile 2014 at 11:36

    Vabbè ora mi pare esagerato.
    Si da per scontato che la Guardiani sapesse della incapacità del soggetto. Lo ha presentato.
    Magari è stata imbrogliata anche lei.
    Non mi pare che la signora abbia commesso illeciti.
    Io non so come funzionano le procedure, ma immagino che dopo una presentazione e prima di dare un incarico si dovrebbero valutare le competenze dalla persona. Se questo non è stato fatto, la colpa è di chi ha affidato l’incarico al signore.

    E’ come se io avessi un amico che cerca lavoro, mi da il suo curriculum e lo porto qui in ufficio.
    Lo prendono e poi scoprono che ha fatto solo danni. La colpa sarebbe la mia che l’ho presentato?????
    No daiiii
    è troppo ragazzi!!!!

  7. WYATT EARP   15 aprile 2014 at 12:13

    Tibisay- Se porti un amico, dici amico, vuol dire che altre al curriculun, ove esista, conosci bene anche le sua capacità.
    Se il tuo amico farà dei danni sei corresponsabile; specialmente in polica dove i curriculum non hanno nessun valore.

  8. xyz   15 aprile 2014 at 13:24

    La veridicità di questo articolo è certificata dalla codardia di chi lo ha scritto, che non ha avuto il coraggio di firmarsi….
    Codardi!!!

  9. io   15 aprile 2014 at 13:29

    cioè tu ti presenti, spavalda, vestita di un incarico pubblico ufficiale, presenti un tizio, garantisci per lui, lo consigli per un ruolo particolare, pubblico, delicato, stipendiato e da cui dipendono diversi soggetti, economicamente e psicologicamente e non vuoi responsabilità su quanto fai?
    oh tibisay… ma dove cazzo vivi tu?
    ma ti rendi conto di quello che dici?

  10. anonimo   15 aprile 2014 at 13:53

    Tibisay, puoi evitare di parlare di cose che non conosci o non capisci?
    A volte presentare non significa dire “Questo è tizio”. E se un “uomo” di Gatti ti presenta una persona forse non è solo per fartela conoscere o fartene conoscere il curriculum (al quale poi manca un titolo fondamentale).
    Aprire la bocca non significa essere intelligente.

  11. Zitt   15 aprile 2014 at 14:03

    @Tibisay
    Ora ti faccio un disegnino: secondo te, perché il PM chiede a Catarra, durante gli interrogatori, da chi è stato presentato e come è arrivato a Teramo Cretarola? Non lo chiede forse perché è un elemento molto importante dell’indagine? Non lo chiede forse perché il curriculum del signore non giustifica l’incarico ricevuto? Non lo chiede forse per capire perché questa persona non è stata mai rimossa malgrado le tante segnalazioni arrivate da più parti?
    Quindi, secondo te, Tibisay, il PM è un imbecille e tu un genio, giusto?

  12. Ivo giulivo   15 aprile 2014 at 15:28

    MANDATELI A LAVORARE NON LI VOTATE !!

  13. Carlo che nin vota più   15 aprile 2014 at 16:40

    Se Eva presenta Adamo perderemo il paradiso, sulla terra ormai saccheggiata continuerete ancora ad accettare mele da Eva?

  14. WYATT EARP   15 aprile 2014 at 19:28

    @xyz – Dai del codardo a che ha scritto l’articolo?
    Se qualcuno si sente diffamato i mezzi per intevenire ci sono.
    Ma tu? persona coraggiosa e piena di attributi?
    Vedi, non ti do del codardo perchè so benissimo che sai di esserlo.

  15. Anonimo   16 aprile 2014 at 0:04

    @xyz A codardo………….! Perché te la prendi con l’articolista? Scotta la verità vero? Per me non ha importanza chi ha scritto il pezzo, ha importanza se quanto raccontato corrisponde a verità. Quindi, se puoi smentire smentisci, altrimenti taci e continua a rimanere uno schiavo. Se la guardiani è culo e camicia con gatti e questi accredita una persona come esperta a catarra, che poi sappiamo i guai che ha combinato, secondo te gatti non centra nulla? Prima di farlo conoscere a Catarra (Cretola) aveva preso accordi con gatti, o no?
    Ora perché dovrebbe essere codardo chi ha scritto l’articolo solo perché non si è firmato? La redazione del blog è composta da più persone, magari chi ha ricercato la notizia non era abilitato a sottoscriversi. Ma hai la testa per ragionare, prima di metterti ad insultare? Collega la testa, metti la spina nella presa prima di parlare, altrimenti non parlare perché si scopre che sei un codardo per non aver avuto il coraggio di firmarti.

  16. anonimo   16 aprile 2014 at 0:49

    Tibsay politicamente parlando, presentare una persona, significa proprio sponsorizzarla,soprattutto se la presentazione viene fatta su uno specifico argomento. Se un manager presenta un giovane calciatore ad un Presidente di una Società, è chiaramente per fargli presente che è un ottimo giocatore che rientrerebbe utile alla società. Se io vado da un mio amico ristoratore e gli presento giovane disoccupato esperto in ristorazione, è chiaro che gli sto proponendo di assumerlo. Infatti a catarra viene presentato sottolineando che si tratta di un esperto di fondi sociali europei, è sottointeso che la presentazione funge da ” nel caso avessi bisogno qualcosa che riguarda i fondi europei c’è lui, persona fidabile” Non facciamo gli ingenui!

  17. #nonfacciailsematicoconme   16 aprile 2014 at 0:56

    #Gattistaisereno
    I cittadini non dimenticano la perdita del lavoro e i disoccupati non bevono più le fandonie.

  18. Anonimouse   16 aprile 2014 at 7:33

    Tibisay ha ragione da vendere.y
    Le accuse vanno dimostrate con fatti accertati, non con sillogismi.
    Per ora ci vedo una chiara responsabilità politica.
    Chi accerterà i fatti verificherà responsabilità di altro tipo.

  19. #Gatti-vai-a-lavorare   16 aprile 2014 at 8:52

    5 anni fa era una promessa, ora solo un bluff! sta promettendo posti di lavoro a tutti, ha paura di non essere eletto e quindi di dover andare a lavorare!

  20. Anonimo   16 aprile 2014 at 9:12

    Dicono che è avvocato. Lo voglio vedere dietro una scrivania, ma soprattutto voglio vedere i clienti che bussano allo studio. E poi vedremo i 15.000 € al mese! Qualcuno ha detto: ma farà il consigliere di minoranza. Cari ingenui, lui se ne frega di fare il consigliere di minoranza, l’obiettivo è quello di continuare a riportare a casa 15.000 € al mese, fino ad arrivare alla pensione, una lauta pensione, alla faccia di quelli che lo votano.
    Continuate a votarlo. Viva gatti.

  21. Tibisay   16 aprile 2014 at 9:38

    A chi mi si è rivolto con toni poco gentili rispondo che imbecille lo può andare a dire a qualcun altro!
    E poco intelligente sarà la gentile sorella!
    Probabilmente non saprò come funziona in politica.
    Ma se io dovessi prendere delle decisioni, non mi basterebbe che un amico, anche carissimo, mi presentasse un amico disoccupato.
    Se io ho un amico disoccupato e lo presento ad un ristoratore per me non è chiaro che gli sto dicendo di assumerlo ma di provarlo e valutarlo.
    Purtroppo di magistrati imbecilli ne esistono, e qualcuno lo ho incontrato anche sulla mia strada.

  22. xyz   16 aprile 2014 at 9:46

    La firma è importante perchè le fonti nel giornalismo sono fondamentali!
    E sinceramente mi dispiace vedere gente che beve ciò che l’ultimo dei blog teramani offre alla platea, senza nemmeno verificare l’attendibilità delle notizie.
    Poi noto che secondo la ‘redazione’, in politica vale la proprietà transitiva secondo la quale X=Y e quindi Y=Z e cioè Gatti=Guardiani e allora Guardiani=Cretarola e quindi Gatti=Cretarola.
    A questo punto allora tutti gli elettori di Gatti sono uguali a lui, alla Guardiani e a Cretarola.
    Mi sembra un modo superficiale di vedere le cose…
    Buona informazione a tutti!!!

  23. Sarete in pochi   16 aprile 2014 at 9:50

    Mannaggia alla miseria Teramani, ma ci vogliamo svegliare!? Ma veramente vogliamo sprecare altri 5 anni? Dobbiamo per forza arrivare alla morte per capire che quelli che hanno governato fino ad oggi a Teramo non vanno più bene?
    Proviamoli a mettere in passerella:
    1. chiodi
    2. tancredi
    3. gatti
    4. brucchi
    5. venturoni
    6. di dalmazio
    7. ginoble
    Fateci caso tutti di centro destra.
    Secondo me un’alternativa c’è.
    Si presenta per fare il SINDACO a Teramo un certo avv. Gianluca POMANTE.
    Avendo saputo che tiene riunioni in tutte le frazioni, tutte le sere, mi sono fatto invitare da un amico ed ho partecipato ad una di queste riunioni, più specificatamente ieri sera a Cavuccio. Vi posso garantire che chi lo sente se ne innamora. E’ concreto, non chiede voti, parla in italiano, è modesto, preparato, serio, conosce le problematiche di Teramo, non è né troppo giovane né vecchio, ha idee da vendere.
    Mi ha colpito quando ha detto che chi si vuole candidarsi nelle sue due liste, che sta approntando, deve munirsi di certificato penale e quello dei carichi pendenti.
    Amici miei questo fa sul serio, io ci sto facendo un pensierino, per una volta non voglio rivotare i soliti tromboni.

  24. anonimo   16 aprile 2014 at 10:12

    Allora se Guardiani non significa Gatti, qualcuno mi spiega quale percorso ha consentito alla Guardiani di ricoprire il posto di Assessore provinciale al lavoro? Qualcuno mi illustra la sua carriera professionale e politica? Aspetto con ansia.

  25. Anonimo   16 aprile 2014 at 10:34

    Questo Pomante comincia a far paura. Appena lo nomino ai miei conoscenti, di rimando, ho subito riscontri positivi.
    Vuoi vedere che questo arriva al ballottaggio con brucchi!?
    Di Manola, invece, tutti parlano male, pare che molti PD facciano il voto disgiunto.
    Se farà il Sindaco Pomante posso rientrare in Comune una volta prima che mi avvio per cartecchio, ho una certa età.
    Non sono entrato più in Comune da 10 anni a questa parte, questi sigg.ri non mi piacciono, fanno un lavoro e ne sanno fare un altro. Andassero a fare il lavoro a loro più congeniale.

  26. Tibisay   16 aprile 2014 at 10:39

    Ha ragione Sarete in pochi. Sono stata anche io ad ascoltare Pomante. Mi è piaciuto!
    Io voterò per lui.

  27. Quasi Anonimo   16 aprile 2014 at 15:15

    è bellissimo parlare con quest’uomo, non ti guarda in faccia e gioca con il suo Iphone o Ipad, parla sempre lui, ama essere adorato, io mi domando c’è ancora gente che gli crede?

    UDC, PDL, FdI, FI, CASA

  28. @Quasi Anonimo   16 aprile 2014 at 19:56

    concordo in pieno, non è una bella persona!

  29. Anonimo   17 aprile 2014 at 9:55

    @Quasi Anonimo
    Allora a chi dovremmo credere a chiodi-tancredi-brucchi-gatti? Tu continua a credergli. Forse sei uno dei 14 assunti in comune con i soldi di tutti noi Teramani? Voglio dire che quelle 14 persone non servivano e sono invece state assunte lo stesso perché vi erano a monte delle promesse elettorali da onorare.
    Faccio notare, basta informarsi, che il comune di Montesilvano, che ha una popolazione più o meno quella di Teramo, ha la metà dei dipendenti del comune di Teramo.
    Che rispondi…?
    E penso ancora, che i politici che hanno esercitato il potere per 5-10-15-20 anni, i voti ce li hanno comprati con le prebende elargite.
    POMANTE, finora, non ha esercitato nessun potere e, di conseguenza, non ha elargito prebende.
    Chi lo voterà dovrà sapere che è persona pulita, ed a sentirlo parlare pare veramente preparato. Allora perché non provarlo? Meglio di come ha amministrato brucchi sicuramente farà. Dobbiamo solo credergli e crederci. Da dentro il segreto dell’urna questi 4 sunnominati non ci vedranno dove apporremo la croce, ma la nostra coscienza sì. Se saremo ancora protagonisti della rielezione di persone non capaci del governo della cosa pubblica, con chi dovremmo prendercela se non con la nostra coscienza?
    Detto quanto sopra, anche tu, se non sei uno dei 14 graziati, devi e devi far votare POMANTE a prossimo sindaco della Città di Teramo.

  30. WYATT EARP   17 aprile 2014 at 14:39

    @xyz- parli di proprietà transitiva, dottamente avresti potuto definire il tutto una “relazione transitiva” e per la precisione un “sottoinsieme improprio”. Ti saresti convinto.
    Ah sta scole….studia ragazzo studia…..

  31. Anonimo   17 aprile 2014 at 16:37

    @Anonimo 10:09 La signora con il nome portafortuna adesso ha un contratto con la giunta regionale fino al 30 giugno, di quelli a chiamata diretta. ma guarda un pò che caso!!!

  32. Anonimo   18 aprile 2014 at 14:09

    Fortunatamente le elezioni offrono ai governati l’occasione di liberarsi di governanti bugiardi o incapaci.

  33. ahahahaha   18 aprile 2014 at 15:42

    come mai secondo voi, Gatti non pubblica più foto dei suoi incontri elettorali? ad eccezione di due foto…prima non perdeva occasione! non ci sono foto degli incontri, forse perché da incontri con 200 persone è passato a incontri con 20 persone? cosa vorrà mai dire?

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.