“Teramo che lavora”: gli artisti abruzzesi Enrico Melozzi e Walter Nanni premiati a Tortoreto.

Un folto pubblico di imprenditori e professionisti ha celebrato, lo scorso sabato sera presso il Sayonara di

Enrico Melozzi riceve il premio "Teramo che lavora"
Enrico Melozzi riceve il premio “Teramo che lavora”

Tortoreto, la dodicesima edizione del premio Teramo che lavora che anche quest’anno ha preso vita dall’impegno e dalla forte volontà del patron Patrizio Panichi. La serata, presentata da Amedeo Goria e Veronica Maya, ha avuto come madrina l’attrice ed ex Miss Italia Francesca Chillemi ed ha visto alternarsi testimonianze e momenti di spettacolo, oltre naturalmente agli spazi dedicati ai premiati. Tra architetti, politici, imprenditori e medici, hanno ricevuto il riconoscimento anche il musicista teramano Enrico Melozzi ed il regista – teramano d’adozione – Walter Nanni.

Enrico Melozzi sul palco con Francesca Chillemi e Veronica Maya
Enrico Melozzi sul palco con Francesca Chillemi e Veronica Maya

Enrico Melozzi ha avuto il premio per la sua poliedrica attività artistica: violoncellista, compositore, direttore d’orchestra e produttore discografico, il Maestro Melozzi ha risposto con grande entusiasmo alle domande di una Veronica Maya particolarmente curiosa ed ha parlato dei suoi ultimi successi – dalla direzione dell’orchestra di Noemi a Sanremo al trionfo della sua opera Pinocchio in Francia – ricordando pure l’impegno costante per Teramo, portato avanti grazie al movimento di cittadinanza attiva Teramo 3.0 di cui è co-fondatore e che, da pochi mesi, ha visto la nascita de “Il Fatto Teramano”, il blog d’informazione il cui successo è andato oltre ogni previsione. Ascoltando la voce fuori campo che elencava le note biografiche e tutti i riconoscimenti avuti sino ad oggi da Melozzi nel corso della sua carriera, le stesse presentatrici si sono dichiarate assolutamente stupefatte, tanto da chiedere al maestro Melozzi come possa riuscire a dedicarsi a musica, cinema, imprenditoria e politica contemporamente. «Lo faccio perché altrimenti mi annoio!» ha dichiarato il Maestro, conquistando definitivamente la divertita platea.

Walter Nanni sul palco con Francesca Chillemi e Veronica Maya
Walter Nanni sul palco con Francesca Chillemi e Veronica Maya

Un altro momento particolarmente sentito ed apprezzato dal pubblico presente in sala è stato quello che ha visto come protagonista il regista, attore ed autore abruzzese Walter Nanni, di origini pescaresi ma particolarmente legato alla città di Teramo: «I pescaresi mi chiamano teramano; a Teramo mi dicono che sono pescarese: penso che risolverò il problema solo prendendo casa a Pineto!» ha scherzato Nanni, strappando più d’una risata ai presenti. Walter Nanni ha ricevuto il premio “Teramo che lavora” soprattutto per il film documentario Colpa Nostra, realizzato con il giornalista di Repubblica Giuseppe Caporale, che pone l’accento sui due grandi scandali che hanno colpito l’Abruzzo: quello legato alla ricostruzione dell’Aquila nel post-terremoto e quello relativo alle tangenti nella sanità. Il trailer del film, proiettato in sala proprio alla mezzanotte tra il 5 ed il 6 Aprile, è arrivato come un commovente omaggio alle vittime del terremoto ma anche come un monito a non dimenticare L’Aquila.

Walter Nanni riceve il premio "Teramo che lavora"
Walter Nanni riceve il premio “Teramo che lavora”

Nanni ha ricordato inoltre Teranga, il film sull’integrazione che sta girando tra Pescara, Roma e Dakar, in Senegal, e ha dedicato il premio a tutti gli artisti abruzzesi che vivono fuori dall’Abruzzo, con la speranza che essi possano un giorno tornare stabilmente a lavorare in questa terra meravigliosa. In conclusione, ha rivolto un invito speciale alla classe dirigente abruzzese: quello a formare un tavolo di lavoro ed ascolto dedicato alla cultura, perché ci si concentri, in questo come in altri campi, solo sul merito e sull’onestà.

One Response to "“Teramo che lavora”: gli artisti abruzzesi Enrico Melozzi e Walter Nanni premiati a Tortoreto."

  1. Angela   1 maggio 2014 at 21:47

    Non solo il lavoro deve essere premiato, ma anche l’onestà di questi ragazzi.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.