Ammazza che bolletta! Il Comune spende circa 2 milioni l’anno di corrente elettrica. Soluzioni per il risparmio?

Ammazza che bolletta! Il Comune spende circa 2 milioni l’anno di corrente elettrica. Soluzioni per il risparmio?

Schermata 2014-03-26 a 10.45.14Non sarà stato di certo Brucchi a lasciare l’asciugacapelli accesso tutto l’anno a far salire la bolletta del comune. Proprio in questi giorni il comune ha rinnovato il contratto di fornitura elettrica globale (tutte le utenze!) con una novità di intestazione: la nuova ditta aggiudicataria è la Gala S.P.A, che si porta a casa un bel bottino di oltre 1 milione e ottocentotrentamila euro. Ebbene si: circa 2 milioni l’anno è il totale della bolletta che la casa comunale si vede recapitare. Si sa che le utenze sono molte e l’illuminazione pubblica è necessaria e molto onerosa. Ma siamo proprio sicuri che il comune di Teramo non possa pensare a un piano B, una soluzione alternativa? Schermata 2014-03-26 a 10.45.06Abbiamo grandi talenti ingegneristici in città. Sarebbe opportuno convocare le migliori menti (giovani) della nostra terra, perchè siamo sicuri che il costo potrebbe essere almeno dimezzato con l’utilizzo dell’ingegno e della cooperazione tra tutti i cittadini.

Quali proposte per il risparmio energetico in città?

 

A voi la parola.

 

Scaricate qui la delibera integrale

7 Responses to "Ammazza che bolletta! Il Comune spende circa 2 milioni l’anno di corrente elettrica. Soluzioni per il risparmio?"

  1. io   26 marzo 2014 at 11:17

    ma come non avevano assunto un energy manager??? che doveva farci risparmiare ? complimenti !!!

  2. Pettirosso   26 marzo 2014 at 21:18

    Soluzione alla bolletta troppo alta.
    ASSUMERE UN ENERGY MANAGER .
    Ma che volete ?
    L’unico che faceva la minoranza lo hanno fatto andare via.

  3. Anonimo   26 marzo 2014 at 22:09

    Ammettere di aver sbagliato nella scelta di chi dovrebbe aiutare ad economizzare e magari dare la possibilità’ ad un VERO professionista di poter programmare una sana politica energetica. Ma l’amico non si tocca…..

  4. Io   26 marzo 2014 at 22:23

    Prendere un energy manager no??

  5. enrico   27 marzo 2014 at 9:32

    c’è già l’energy manager….

  6. Enrico   27 marzo 2014 at 9:35

    Esiste già un energy manager….. amico di brucchi

  7. Oggidì   28 marzo 2014 at 11:42

    Ma si potrebbe intervenire anche su “piccole” cose che alla lunga fanno la differenza… L’illuminazione stradale spesso viene accesa quando è ancora giorno. Nella sala espositiva basterebbe una luce all’ingresso; si potrebbe installare un interruttore per illuminare le sale all’arrivo di qualche visitatore. Negli uffici, luci accese anche in pieno giorno… Si potrebbero ridurre le luminarie natalizie, ed eliminare i fastidiosi altoparlanti che per un mese trasmettono musica (anche la loro installazione è parecchio costosa).

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.