Odore di bimbo: Menzione d’onore a Giovanna Albi

Odore di bimbo: Menzione d’onore a Giovanna Albi

Con il romanzo Odore di bimbo  la scrittrice teramana Giovanna Albi, collaboratrice, tra gli altri, del fattoteramano.com, si è aggiudicata la Menzione d’Onore con Medaglia dell’Accademia Arte e Cultura “M. Angrisani” del Premio Letterario Nazionale “Un libro amico per l’inverno” 2013/2014. Il premio è organizzato dall’Associazione culturale GueCi e ha il patrocinio dell’UNESCO, del Comune di Rende e dell’Accademia di Belle Arti, Lettere e Scienze “M. Angrisani”. albi libri

C’è troppa passione nel cuore di alcuni uomini; c’è troppa generosità, troppa vita. Anche l’anima di Chiara, la protagonista del romanzo “Odore di bimbo. La storia di Chiara” (Robin Edizioni), è tutt’altro che lineare. In geometria si direbbe un prisma, perché una sola faccia non è sufficiente a renderne la complessità.

La storia di Chiara è quella di una donna realizzata: avvocato in un prestigioso studio, è mossa dagli ideali della giustizia e del rispetto. Prova interesse per tutto, uomini, donne, cani, libri, senza però atteggiarsi a intellettuale, al contrario sorseggiando la vita a piccole dosi, con la serena esultanza di chi l’ha esplorata e ora sente di poterla affrontare con più ostinazione. Chiara vive una doppia realtà, quella presente e viva e quella della sua immaginazione. Federico è il suo amore, è lui che odora di bimbo, di borotalco e di buono. È l’odore dell’appartenenza, come se fosse stato protetto a lungo dal ventre di Chiara.

Chiara ripercorre la propria vita dall’infanzia alla maturità senza restare però invischiata nel passato, perché rimane l’orgoglio della sua autentica libertà di spirito, che pulsa in lei come un veleno ereditario. La psicoanalisi le ha smontato l’anima e ha spezzato il suo “Io”. Allora per ricomporlo si affiderà solo a se stessa, mandando a fanculo, come Zeno Cosini, il proprio psicanalista.

Il libro è diviso in capitoli, ognuno con un titolo esemplificativo. Essi sembrano in realtà brevi racconti, indipendenti e dispettosi, come se i pezzi dell’anima di Chiara si fossero disintegrati nelle giovanna albiparole.  È sempre lei però a costituirne il filo conduttore e a ricompattare la storia.

 La scrittura di Giovanna Albi è composita e mostra una passione lontana nel tempo. Ricche e articolate le citazioni letterarie, molte delle quali legate alla cultura classica, derivante dalla formazione universitaria e dal lavoro della scrittrice.

 Giovanna è insegnante nell’anima e dell’anima. Si ripetono spesso nel libro riflessioni sulla scuola e sui giovani: “Oggi gli adolescenti non sanno riflettere, non sanno fermarsi a pensare, non stanno fermi un attimo sulla panchina, sul sedile dell’autobus a osservare, ma si muovono compulsivamente e sonnecchiano nell’anima”. Per fortuna in ogni classe c’è una Luisa “che ascolta, aggrotta la fronte, sì, è concentrata dentro il pensiero”. Allora l’insegnante torna viva “sotto la pelle fin sopra i capelli” e sa che aiuterà a maturare “una testa pensante e addirittura libera”. Come Chiara, che dimostra ampiamente di amare la cultura.

Difficile definire “Odore di bimbo” semplicemente un romanzo, in realtà comprende diversi generi letterari, come il saggio e il diario-filosofico. L’opera ha un finale aperto, perché la scrittrice è convinta che il suo discorso con Chiara non sia concluso.

Ciò che ha a che fare con il mondo onirico e con la fantasia non trova compimento. Solo la verità è certezza. Ma chi può conoscerla? Solo chi la indaga costantemente. Chi entra in contatto con Chiara diventa altro, perché la compagnia di una donna complessa non lascia indifferenti. I nomi non sono casuali, Chiara ha del proprio nome la trasparenza e il candore.

A volte Giovanna sembra identificarsi con Chiara fino a succhiarne l’anima come un vampiro. Chiara è forse quella donna che Giovanna avrebbe voluto essere. Forse è la donna che, in fondo, è.

Maria Cristina Marroni

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.