Da “Modello Teramo” a “Bordello Teramo”

di Christian Francia 

Screenshot Huffington Post 29.01.2014 - Una Giunta di Mandrilli
L’apertura de L’Huffington Post del 29 gennaio 2014

Non mi fido di Gianni Chiodi. L’ho detto e ripetuto in tutte le salse dal 2004 ad oggi compreso, perché uno che mente a sua moglie e ai suoi figli non può avere scrupolo alcuno a mentire (come ha sempre fatto del resto) ai cittadini e ai suoi elettori. È una questione di credibilità.

Chiodi ha avuto tanto culo nella sua carriera politica (proprio culo, non semplice fortuna), intanto perché – dopo aver perso sonoramente nel 1999 di fronte ad uno Sperandio che oggi appare un gigante – nel 2004 fu miracolato dal centrosinistra che decise scientemente di perdere al Comune di Teramo ritirando in corsa la candidatura di Carlo Antonetti e lanciando troppo tardi un Befacchia che avrebbe pure vinto se alti dirigenti del PD non avessero fatto campagna elettorale a favore di Chiodi (avete capito bene). Infine, il miracolo dell’arresto di Del Turco e la scelta estetica di Chiodi ad opera del più grande mandrillo dell’era moderna: Berlusconi. Dal nulla al comando di una Regione con prospettive di alti incarichi ministeriali. Ma poi il destino presenta il conto, e se non hai le carte in regola paghi tutta la repentina (e immeritatissima) ascesa nello schianto della discesa.

Chiodi si è confessato al Corriere della Sera, ammettendo la scappatella, ma più che il peccato è l’uomo che ci rappresenta che ci fa vergognare per la sua miseria. Leggetelo: “in Abruzzo si vota ed è chiaro che qualcuno mi vuole far fuori”. No Gianni, ti sei fatto fuori da solo, e non per questioni di sesso, bensì per il tuo contegno da amministratore pubblico.

Uno che è e resta sotto ricatto per aver compiuto una scappatella (una?), avrebbe dovuto usare il buon senso di evitare di nominare, con delibera della giunta da lui stesso presieduta, una donna con la quale si intrattengono rapporti di intima amicizia in un ruolo istituzionale di rilievo e di vasta rappresentanza, anche se quella professionista se lo fosse meritato all’esito di una analisi oggettiva di esperienze e curriculum, per evidenti ragioni di opportunità.

Uno che è e resta sotto ricatto per aver compiuto una scappatella (una?), dovrebbe sapere che chi commette errori così preoccupanti, addirittura mettendo a repentaglio l’integrità della sua famiglia che – lo dice lo stesso Chiodi – il governatore vorrebbe a tutti i costi tenere ancora unita, dovrebbe usare il raziocinio ed evitare di imbarcarsi in una competizione elettorale che lo vede partire zoppo per il prolasso di credibilità che questa storia (ed eventuali altre che dovessero venire fuori) gli ha procurato.

Ma Chiodi insiste e si fa ancora più male: “la donna che ha dormito con me nella stanza 114 non mi ha mai chiesto niente, mai un aiuto, una protezione”. Presidente, ma lei è così ingenuo da credere che le frotte di donne che si affollano davanti alla sua porta lo facciano per il suo irresistibile fascino? Non ha mai pensato che anche la signora della camera 114 potrebbe avere finto un sentimento che molto probabilmente non provava o magari non avrebbe mai provato se lei fosse stato un cittadino qualunque e non il governatore?

Poi Chiodi tenta una reazione: “Una relazione personale, di tre anni fa, sottolineo, che diventa pura macelleria”. Di nuovo no, Chiodi, la macelleria l’hai fatta tu con tua moglie e con i tuoi figli, non sapevi forse che in tutto il mondo chi comanda ha gli occhi di tutti puntati addosso? Non potevi tutelarti prendendo due camere separate e pagando di tasca tua? Ti credevi intoccabile?

Ma quello che mi fa incazzare e mi indigna è la litania del buon amministratore: “Ho costruito tutta la mia vita politica sulla base della correttezza, del rigore, dell’attenzione ai conti Ho dovuto combattere con lobby potentissime… Uno stress tremendo. Una responsabilità enorme e un’assoluta solitudine nelle scelte che sicuramente pesò in quei giorni. Ma non mi posso fermare, ho un ruolo da svolgere. E, come Gandhi, ora provo a ballare sotto la pioggia”.

Non ci provare. Non provare neanche per scherzo a giustificare le tue leggerezze con la fatica e le responsabilità del ruolo. Tolta la questione sessuale e tolta pure quella della serietà e credibilità del personaggio (ormai irrimediabilmente compromesso), la verità è che tu sei stato politicamente un incapace, al pari della tua Giunta e di chi ti ha coadiuvato, e questo si evince senza tema di smentita da tutti i dati economici abruzzesi (disoccupazione alle stelle, fallimenti record, fondi inutilizzati, sprechi enormi, ammortizzatori sociali a valanga, industria abbandonata, ambiente e turismo disintegrati, tasse esplose, servizi scadenti, mobilità passiva enorme, tutte le associazioni di categoria inviperite contro la tua gestione, ecc., ecc.).

Pur tuttavia, Chiodi ha quantomeno chiarito che il “Modello Teramo” non è mai esistito, quello che si era creato era solo il “Bordello Teramo” (perché non è certo l’unico a trascorrere notti brave fra i componenti della sua maggioranza). Ora comprendo come mai il governatore e i suoi amichetti siano rientrati in Forza Italia: per la condivisione profonda con il leader del partito dell’importanza di una vita sessuale extraconiugale.

Chiodi ci ha già procurato tanti guai in 15 anni, guai ai quali si aggiunge la figuraccia interplanetaria che ci ha fatto fare adesso sui media nazionali e internazionali (mai i quotidiani ci avevano umiliato come in questi giorni), faccia un gesto di amore per Teramo e per l’Abruzzo: si ritiri dalla vita pubblica.

48 Responses to "Da “Modello Teramo” a “Bordello Teramo”"

  1. Anonimo   29 gennaio 2014 at 14:10

    Ieri Chiodi sul suo profilo facebook scriveva: “Bene, ora cominciamo con le querele e le denunce per diffamazione.” E tutti i suoi fedelissimi lo incoraggiavano.

    Si si, come no. Poi ha ammesso. Ora querela chi?? Sto buffone.

    BUFFONE LUI E TUTTI I SUOI SOSTENITORI

  2. Anonimo   29 gennaio 2014 at 14:17

    Ma chi e’ l’amante di chiodi?

    deve essere una della commissione delle pari opportunità’:

    La Commissione ha eletto l’Ufficio di Presidenza nelle persone di:
    Presidente della Commissione: Gemma Andreini

    Vice Presidente: Rosaria Nelli

    Componenti Commissione: Mariangela Amiconi, Paola Bellisari, Francesca Cermignani, Monica Di Pillo, Patrizia Di Primio, Giancarla Galli, Valentina Mancini, Sabrina Saccomandi, Olga Salvatore, Laura Tinari.

    Componente di diritto: Consigliera regionale di parità – Prof.ssa Letizia Marinelli

  3. marco   29 gennaio 2014 at 14:54

    Se in Chiodi resta un pizzico di dignità si dimetterà, non solo perchè si renderà conto di aver tradito oltre sua moglie coloro che lo hanno votato come rappresentante di certi valori morali, ma sopratutto perche’ NESSUNO potrà piu crederlo limpido e imparziale nella sua azione di governo, si ricorderà del detto romano “La moglie di Cesare deve non solo essere onesta, ma anche sembrare onesta”, in questo caso parliamo di Cesare in persona. Sinceramente mi dispiace che sia finita cosi

  4. Anonimo   29 gennaio 2014 at 14:58

    l’unica cosa bella in questa storia è la ragazza….

  5. Ste   29 gennaio 2014 at 14:59

    l’unica cosa bella in questa storia è la ragazza…..

  6. Domenico Attanasii   29 gennaio 2014 at 15:27

    «Una debolezza quella ragazza in hotel, ma non l’ho aiutata al concorso»
    Il governatore Chiodi: ho spiegato tutto a moglie e figlie

    LA FATTURA PER IL RIMBORSO – Chiodi è anche pronto a documentare il suo racconto, dice che la stanza d’albergo la pagò lui stesso in contanti (340 euro) e che poi presentò – come sempre – al suo ufficio in Regione la fattura per il rimborso, «ma il foglietto era chiaro – puntualizza il Governatore – indicava che la camera era stata occupata da due persone, perciò non so se la cosa sia sfuggita all’ufficio regionale o alla Ragioneria, stiamo ricostruendo, TOCCAVA A LORO DECURTARE DAL RIMBORSO LA SPESA SOSTENUTA PER L’OSPITE» (29 gennaio 2014 – Fabrizio Caccia – http://www.corriere.it/cronache/14_gennaio_29/debolezza-quella-ragazza-hotel-ma-non-l-ho-aiutata-concorso-0f741112-88af-11e3-9f25-fc2a5b09a302.shtml).

    LO STIPENDIO DA PRESIDENTE DI REGIONE FORSE NON BASTA PER PAGARSI UNA “DEBOLEZZA”, ECCO PERCHE’ E’ STATO RICHIESTO IL RIMBORSO ALMENO PER UNA PERSONA

  7. Santacruz   29 gennaio 2014 at 15:39

    Preliminarmente voglio evidenziare quanto sia folkloristico questo sito e quanto lo sia qualche suo frequentatore/titolare/responsabile.
    E’ bastato assentarmi per un paio di giorni affinchè venissi evocato da qualcuno (“Santacruz dove sei?”) e per essere sostituito da qualcun altro (lo stesso che mi ha evocato?) che ha postato un intervento firmandosi col mio pseudonimo, nel tentativo di innalzare lo scarso audience del blog, ancora più scarso quando non ci sono.
    Vabbè…
    Scrivo non per parlare di Chiodi, certamente non perché non ho argomenti in sua difesa.
    Per me persino questo passa in subordine ora.
    Scrivo al Dott. Francia al quale già in altre occasioni mi sono rivolto, a volte ricevendo sue repliche, molto più spesso ricevendo il silenzio di chi non sa cosa dire.
    Dott. Francia, non sono stupito di questo articolo perché il suo lato caratteriale è chiaro persino ad un conoscente virtuale come me.
    Per chi non la conosce può apparire stupefacente per quanto è ridicola, la sua presunzione costituita dalla certezza di essere un uomo con qualità che nessuno al mondo ha, come quella di poter parlare come moralizzatore delle folle, come un cavaliere senza macchia, come una specie di superman che nella sua vita mai ha sbagliato e mai sbaglierà.
    Possono apparire sbalorditive per quanto sono meschine, le sue teorie da santa inquisizione propedeutiche all’applicazione di un giustizialismo sommario non a caso, infatti, tipico della medesima santa inquisizione.
    Per chi la conosce si tratta, invece, di una triste (ma se vogliamo al contempo anche divertente) conferma.
    Fosse solo questo.
    Questo suo articolo consegna al lettore un’unica certezza che percepisce come un colpo di pala in faccia: la sua goduria per il dolore dell’animo che gli esseri umani a lei sgraditi provano.
    Non sarà certo qualche vaga disamina politica a salvarla da questo verdetto, Dott. Francia, incastrata nello scientificamente sadico coinvolgimento vergognoso nei suoi scritti delle mogli e dei figli (doverosamente da lasciar fuori da queste storie, ma evidentemente lei gode anche della loro sofferenza).
    Non farò il suo stesso errore, Dott. Francia, dissertando su quale misera vita possano vivere i suoi cari avendo una persona come lei accanto.
    Sua moglie ed i suoi figli rispettosamente li tengo alla larga da questa mia disamina.
    Non farò l’errore di augurarle che le capiti fra capo e collo, inaspettatamente come a tutti potrebbe accadere, qualche vicenda che le procuri lo stesso strazio interiore – non politico – che starà provando in questo momento Gianni Chiodi.
    Mi basta essere convinto, convintissimo, della saggezza, dell’intelligenza e dell’enorme cuore di tutti i teramani, che, per questo, mai e poi mai potranno ipotizzare, neanche lontanamente, di venire dietro ad un soggetto con la sua “statura” morale.

  8. christian francia   29 gennaio 2014 at 15:53

    Caro Santacruz, io la adoro.
    Si conservi sempre così.

  9. Santacruz   29 gennaio 2014 at 16:03

    Caro Dott. Francia, secondo me lei adora il fatto di odiarmi.
    Io invece, nonostante tutto, non riesco ad odiare lei.
    Che ci vuol fare, ognuno ha i suoi difetti.
    Mi devo riassentare per un po’, mi scusi se la lascio orfano dell’audience che lei auspica per questo suo sito.

  10. federica   29 gennaio 2014 at 16:24

    Un articolo degno di Novella 2000, complimenti al “giornalista”.

  11. Ste   29 gennaio 2014 at 16:39

    Un articolo degno di un vero Giornalista……da cui dovrebbero prendere esempio……non come chi evita di parlarne evidentemente asservito al loro sistema

  12. federica   29 gennaio 2014 at 17:04

    Il titolone scandaloso e i riferimenti morali alla questione corna li lascerei ad Alfonso Signorini, poi non so quali giornalisti siano i suoi modelli di riferimento!

  13. Ste   29 gennaio 2014 at 17:21

    Qui si parla di uomini che parlano bene ma razzolano male, qui si parla di uomini che predicano i valori della famiglia e poi ecco qua…..qui se la scappatella fosse stata una sua debolezza personale e fosse stata pagata cn i suoi soldi dal mio punto di vista erano caxxi suoi personali dove poi se la sarebbe vista cn la sua famiglia…semmai gliel’avesse detta……invece qui si parla di una ragazza ke guarda caso dopo quella nottata qlke mese dopo viene assunta in Regione tramite decisione della Giunta non di qualsivoglia Commissione si parli…..

  14. sommario   29 gennaio 2014 at 17:29

    leggendo questo articolo e successivamente i commenti e dopo avere analizzato altre fonti giornalistiche pubbliche veritiere, vedo ancora con piacere persone che innescano giochini labili e labiali, senza sostanza ma con tante paroline da talk show,,,,

  15. federica   29 gennaio 2014 at 17:31

    Qui si parla di fatti che vanno ancora chiariti, e non da articoli che contengono il termine “mandrilli” nel loro titolo…l’unica cosa certa a quanto pere sono le corna e là ci penserà “lu stennemass’ ” della moglie, solo lei!

  16. CHIODI e GATTI   29 gennaio 2014 at 18:01

    dimettetevi e andate a lavorare…

  17. Giorgio di corso San Giorgio   29 gennaio 2014 at 18:09

    oggi il silenzio del sito Emmelle su Chiodi è allucinante

  18. Teramano Medio   29 gennaio 2014 at 18:43

    Leggo, tra le righe di questo articolo, una bassezza che frega persino la mia medietà …

  19. Giacomina   29 gennaio 2014 at 19:14

    Che brutta cosa la gogna per fatti privati, delicati….. Per chiunque…. Quanto livore, che cattivo gusto…. Potrebbe capitare a tutti noi, un fratello, un figlio , al nostro marito, ognuna di noi potrebbe essere quella moglie. Questo pubblico ludibrio fa schifo…. Per chiunque ne sia oggetto. Anche l’avversario politico e’ un uomo

  20. marco   29 gennaio 2014 at 19:48

    mi dispiace per la gogna a cui e’ sottoposto, si dimetta Presidente, ha sbagliato abbastanza, chieda scusa a chi le ha dato il voto, io ad esempio, e si penta anche per tutta le squadra in regione, uno peggio dell altro, l’unica eccezione Morra. Grazie

  21. Anonimo   29 gennaio 2014 at 19:51

    CHIODI FAI RIDERE, BLATERAVA DI DENUNCIARE SUL SUO FACEBOOK IERI. MO SI STA ZITTO PERO’.

    Non mi stupisce niente, dopo quello che ha fatto Berlusca c’e’ ancora gente che gli crede. Con Chiodi sarà’ la stessa cosa. Italiani facciamo ridere

  22. Cesare   29 gennaio 2014 at 19:56

    A me di chi va a letto con Chiodi NON INTERESSA NULLA per me Chiodi può andare non con una ma anche con 3,4, anche 20 donne di fila il punto non è questo. A ME PERÒ, CONVERRÀ, INTERESSA SE LA SCOPATA (perdoni la brutalità) gliela ABBIAMO PAGATA NOI, CON SOLDI DELLE NOSTRE TASSE come dimostrano le ricevute come anche riconosciuto da Chiodi e se permette a ME INTERESSA se una signorina per essere andata a letto con il Presidente, 2 mesi dopo guarda caso sbaraglia 22 candidati e guarda un po’ ottiene un incarico dalla Regione che guarda sempre un pò il caso al vertice ha proprio Chiodi che PAGHIAMO SEMPRE NOI. Questo è il punto poi per me Chiodi politicamente parlando (moralmente soprassiedo) può anda con donne, uomini, trans con chi meglio crede a sue spese e senza piazzarli poi in Regione a nostre spese. Ricordo per onor di cronaca che il Presidente della Regione Lazio Marrazzo (persona agli antipodi della mia convinzione politica) nonostante non fosse indagato ma vittima di un complotto ordito ai suoi danni da 4 carabinieri infedeli che lo avevano filmato con dei trans in atteggiamenti intimi per spillargli dei soldi e ricattarlo politicamente DIEDE LE DIMISSIONI perché ormai era politicamente e pubblicamente screditato nella sua immagine e si è ritirato dalla vita politica inoltre le dimissioni di Marrazzo le chiese in primis GIUSTAMENTE il centrodestra ricordiamolo per dovere. Aggiungo che in Piemonte, Liguria e Lombardia i consiglieri regionali si sono rovinati la carriera per aver messo a nostre spese vasetti di Nutella da 4 euro, tosaerba, mutande verdi e intimo da donna quindi non sia sicura.

  23. giornali locali   29 gennaio 2014 at 20:40

    fatta eccezione del Centro e blog come questo, vedi i due punti e pochi altri, è ridicolo come la stampa locale ha trattato questo scandalo. Hanno pubblicato poco e con toni difensivi….che sandalo…sono SERVI

  24. Santacruz   29 gennaio 2014 at 21:15

    Purtroppo gli articoli confezionati ad arte come questo del Dott. Francia, attecchiscono solo sulle persone stupide e su quelle ignoranti che per fortuna sono la minoranza.
    La gente sparla senza sapere/capire che non c’è stato alcun danno alla collettività.
    La stanza dove ha soggiornato Chiodi per fini istituzionali, sarebbe costata sempre quanto è costata anche se ci avesse dormito da solo.
    Al limite i soldi pubblici distratti ammonterebbero ad una ventina di euro, pari al “supplemento doppia”.
    In tanti a dire “Chiodi può fare quello che vuole ma non con soldi pubblici”, senza sapere minimamente di cosa stanno sbraitando.
    In realtà quello che eventualmente – e sottolineo eventualmente perché è una circostanza che non è oggetto dell’inchiesta – dovrà spiegare Chiodi, è come mai quella stessa donna ha poi ottenuto l’incarico dalla Regione.
    Chiodi dice che sono due cose distinte e separate, ognuno è libero di credere che ciò possa essere vero o meno ma intanto Chiodi dice così.
    E siccome i Giudici non riusciranno a provare il nesso di causalità fra quella notte nella 114 e l’incarico ottenuto dalla signora, tutto si risolverà in una bolla di sapone in termini giudiziari.
    Quindi, niente danno alla collettività, niente reato… di cosa stiamo parlando?
    Ma certo, stiamo parlando sadicamente della condanna all’uomo – prima ancora di sapere se ci sarà condanna da parte della Magistratura (bleah!) – pur di riuscire in qualche maniera a condannare il politico.
    Un sentito “bravo” a tutti quelli che abboccano al vomitevole assioma del Dott. Francia “chi mente alla moglie ed ai figli non può avere scrupolo alcuno a mentire ai cittadini ed ai suoi elettori”.
    Nemmeno un santo si sarebbe permesso di affermare una cosa del genere, con la stessa semplicità con la quale si dice che uno più uno fa due.
    Ma il Dott. Francia si.
    Non mi meraviglierò se presto dovessi vederlo con la camicia di forza davanti al Vescovado, gridando e minacciando vendetta se non gli verrà intitolata immediatamente una Chiesa nel centro di Teramo.
    San Christian Francia, le va bene il Duomo?
    Di meglio non abbiamo.
    Senò si rivolga al Vaticano, fosse mai che le venga intitolata la basilica col cupolone, defenestrando San Pietro a beneficio dell’onnipotente ed onnisciente santo teramano…

  25. Anonimo   29 gennaio 2014 at 22:26

    In effetti la camera sarebbe costata lo stesso prezzo in ogni caso, non c’è dubbio. Il problema è quale tipo di camera si prenota. Il primo dovere di chi amministra la cosa pubblica è tendere all’economicità ovvero far risparmiare l’amministrazione di appartenenza per non gravare sui cittadini. Esiste un regolamento per tutto questo, che non consente ai consiglieri e agli assessori di soggiornare, ad es., in Hotel di lusso. In questo caso l’hotel del Sole è un hotel a 4 stelle. La domanda è: come mai una notte è costata 340 euro, quando il prezzo medio della camera si aggira intorno alle 120 euro? Il prezzo più alto è quello della Royal suite (223 euro), con vasca idromassaggio, ecc. La seconda domanda è: come si arriva a 340 euro?

  26. gengiskan   29 gennaio 2014 at 22:35

    @teramanomedio: è normale il silenzio di emmelle lo cura la cykel di gianmaria de paulis…….

  27. Anonimo   29 gennaio 2014 at 22:39

    Santacruz,

    il punto e’, come si fa a credere a un uomo che mente su un fatto e dice la ferita’ su un altro?

    Prima diceva che querelava che era tutto falso, etc Ora ha ammesso che ha avuto una scappatella ma quello non c’entra niente con il lavoro dato alla signorina.

    Mah, mi domando come fa ad essere così ingenuo. Vi ostinate ad essere “in buona fede”, sono 20 anni che la classe politica ci inc@#@ a dovere e ancora a parlare con civiltà’. A calci letteralmente bisogna cacciarli i ladroni.

    Quando c’era il duce almeno nessuno rubava.

  28. anelli al naso   29 gennaio 2014 at 22:50

    E ancora oggi caro Francia sei riuscito a non mettere un articolo sulla figura di merda del tuo amico Costantini…. pizzicato con le dita sulla marmellata…. ma noi abbiamo pazienza, sappiamo aspettarti al varco….

  29. huffington post   29 gennaio 2014 at 23:07

    Questo signore , famoso in tutto il mondo perchè il suo stipendio supera quello del Presidente USA , dichiara di essere afflitto per quanto successo .Immagino quante volte nella sua carriera politica avrà detto alle alunne abruzzesi : studiate ragazze
    se volete farvi una posizione nella vita . Naturalmente gli crediamo sulla parola per quanto riguarda l’assunzione della ragazza . Il sesso non c’entra , era solo la più brava…………..

  30. Cesare   29 gennaio 2014 at 23:10

    Chiodi ha soggiornato all’albergo del Sole presso Pantheon per 340 euro chiedendo un rimborso alla Regione di 357 (perche poi?) dopo aver soggiornato con un’ospite . Lo stesso CHIODI dice alle agenzie di stampa: “… il foglietto era chiaro – afferma il presidente nell’intervista – indicava che la camera era occupata da due persone, perciò non so se la cosa sia sfuggita all’ufficio regionale o alla Ragioneria. Stiamo ricostruendo, toccava a loro decurtare la spesa sostenuta per l’ospite” (quindi Chiodi stesso la smentisce signor Santacruz….. inoltre le garantisco per esperienza che in quel Hotel a 5 stelle il surplus non è di 20 euro si fidi inoltre scusi, uno che, SEMPRE SE PROVATO, ruba anche 10 euro, uno che gestisce la cosa pubblica per giunta, sempre ladro è o no?? Poi perdoni, non posso credere che ci possano essere persone con una intelligenza minimamente umana che possano credere ad un signore che va a letto con una signorina, dice che mai l’ha aiutata e questa,per magia, guarda caso dopo 2 mesi sbaraglia 22 candidate e ottiene un incarico nello stesso ente di cui Chiodi è governatore (incarico retribuito da noi per giunta con soldi nostri per una persona dai meriti,bmi permetterà, assai dubbi) .E lasci perdere i reati che non mi interessano e spero non ci siamo ma come minimo dove va a finire la meritocrazia che tanto decantiamo e che farebbe tanto bene a questo Paese se poi si vedono certe cose.Signor Santacruz, mi risponda poi su MARRAZZO che si è dovuto dimettere da Governatore SENZA ESSERE INDAGATO MA VITTIMA di un ricatto compiuto da 4 carabinieri che facendo leva su private debolezza (ricordi!) lo ricattavano chiedendogli soldi e fu proprio il centrodestra a chiedere GIUSTAMENTE le dimissioni di Marrazzo perché ormai era POLITICAMENTE E PERSONALMENTE SCREDITATO, un politico dimezzato nonostante innocente e vittima, che non poteva più svolgere le sue funzioni. Da elettore di centrodestra e persona che conosce anche personalmente Chiodi spero possa chiarire la sua posizione giudiziaria confermando di essere una persona perbene come credo ed esprimendo vicinanza dal punto di vista umano a lui e ai suoi cari per la difficile situazione ma ormai nei fatti, non per le indagine, è screditato politicamente come Marazzo e a volte sarebbe bello sentire da un politico: HO SBAGLIATO E NE PRENDO LE CONSEGUENZE.

  31. Santacruz   29 gennaio 2014 at 23:13

    Per Anonimo delle 22.26.
    Mi creda, a Roma è possibile trovare stanze di hotel a 4 stelle anche ad 800 euro a notte.
    Non scherzo, si faccia un giro su un motore di ricerca per hotel e vedrà che è così.
    Dipende dal periodo, dalla zona…
    Io non so se lei si è informato sul prezzo massimo di quell’hotel, forse l’ha fatto visitando il sito di riferimento ma provi a rivedere quei prezzi per esempio fra giugno ed agosto…
    Comunque lei mi diceva che obbligo di un amministratore è quello di svolgere il proprio ruolo senza esagerare con le spese di trasferta.
    Guardi, mi sta bene come discorso.
    Effettivamente per il solo pernottamento (e per la prima colazione immagino) 340 euro sono tanti, specialmente a Roma dove di hotel anche molto buoni a prezzo molto inferiori si trovano a iosa.
    Ma ammetterà che allora questo è tutt’altro discorso.
    Vogliamo criticare Chiodi per aver scelto un hotel molto più caro avendo a disposizione un’enormità di altri hotel dove soggiornare a prezzi più bassi?
    Mi sta bene.
    Anzi, sono persino d’accordo.
    Ma da qui a dire che i suoi fatti personalissimi se li è fatti a spese della comunità ce ne passa.
    Per non parlare di quanto ce ne passa dicendo che siccome si è fatto i fatti suoi, vuol dire che non è credibile come uomo, come politico, come niente… mettendo in mezzo mogli e figli.
    E’ quest’estremizzazione gratuita che mi disgusta.

    Per Anonimo delle 22.39.
    Scusi, lei che ne sa se Chiodi qualche querela l’ha effettivamente già sporta o meno?
    Ovviamente io non posso saperlo, ma secondo me si.
    E probabilmente ne vedremo delle belle, con situazioni che si capovolgono dove gli inquisitori diventeranno gli inquisiti.
    Mie sensazioni, vedremo…

  32. Furbi   29 gennaio 2014 at 23:17

    E’ vero caro Francia…. di Costantini perché non parli…. Paura a dire che sei prezzolato anche tu dal consigliere indagato? Ha ragione santacruz…. Tu si che sei in odore di santità …Però non dici a nessuno quanto tu e tua moglie ex
    Segretaria di Salini poi passata a fli siate impregnati di politica ….ah già …. Ma tu parli solo delle mogli degli altri…. Fatto un bagno di umiltà nei tuoi conflitti di interesse

  33. Anonimo   30 gennaio 2014 at 0:54

    Santacruz,

    che querela deve sporgere Chiodi? a chi? alla polizia che ha indagato?? per cosa? diffamazione?

    Ci manca chiodi che fa pure l’offeso….ma per piacere

  34. Anonimo   30 gennaio 2014 at 7:13

    Se Chiodi querelerà si coprirà di ridicolo…Immaginate in aula il nome suo e della sua “povera” amante. Ulteriore onta per la sua, questa volta sì, povera famigklia.Stia zitto e lasci passare la tempesta, che la figura di merda l’ha già fatta.

  35. Teramano Medio   30 gennaio 2014 at 7:17

    @gengiskan

    Perché, Emmelle si legge? Voi lo leggete? Lo ritenete leggibile.
    Io no.

  36. marcodd   30 gennaio 2014 at 8:55

    Popolo di allocchi, lasciate Santacruz nella pace dei suo servire il padrone e informatevi. Ieri quella manica di porci, ladri, immorali, falsi, schifosi che avete eletto al parlamento in uno slancio di generosita verso le banche ha deciso che il popolo italiano, notoriamente senza palle, dovesse regalare 7.5 miliardi alle banche, forse per ringraziarle per aver fattivamente contribuito alla distruzione di tante aziende e indotto al suicidio tanti poveretti. In cambio di tale regalo hanno eliminato l’imu, la tassa introdotta per dare alla banca mps 3.5 miliardi, vi ricordate? Sicuramente no, comunque tranquilli, l’imu verra sostituita da una nuova tassa a sorpresa (quella che ogni settimana cambia nome). Buona giornata fessi, alle prossime elezioni votate ancora PD NCD Forza Italia o (questi so i piu fessi di tutti) SEL

  37. Gabriele   30 gennaio 2014 at 11:26

    Santacruz,
    visto il suo linguaggio forbito, distinto, educato e “intelligente” volevo solo dirle, naturalmente con molta eleganza, “”MA VAFFANCULO””.
    Lo so, lo so, sono un signore….

  38. I Gatti del vicolo miracoli   30 gennaio 2014 at 14:41

    Per i signori TROLL:
    adesso ci mettiamo a difendere anche i rei confessi!
    Ma se ha confessato!
    Mi permetto, sommessamente, di ricordare ai tanti “so tutto io” che in questa vicenda la parte morale è più incisiva di quella “tecnica”.
    Inoltre dall’alto della Vostra moralità di parte (prezzolata?) vi siete erti a giudici di chi esprime il suo sdegno. Vergogna! Se veramente “sapete tutto voi” e se veramente siete così “democratici” verso chi non la pensa come voi portateci le prove che sconfessano la confessione di Chiodi.

  39. Furbi   30 gennaio 2014 at 14:59

    Francia scopriamo anche che hai preso la tessera del PD con cui hai litigato perché ambivi alla dirigenza…. Tra te e tua moglie ne avete girati di partiti…..ma perché non ti rilassi? Lavorate in provincia tutti e due……

  40. Santacruz   30 gennaio 2014 at 15:48

    Senti Gabriele, anzi, Capriè, intanto un tuo vaffanculo sappi che lo gradisco di più di un “ti adoro” del Dott. Francia.
    Detto questo, sei mica lo stesso Gabriele che scrisse quel post dicendo che si risolve tutto ammazzando i politici oggi al vertice?
    Quel post dal quale nessuno di questo sito si è mai dissociato, nemmeno il moralizzatore delle folle San Christian Francia?
    Ma si, dai… sei tu…
    Non mi hai mai detto come li ammazzeresti sti politici.
    Sedia elettrica? Ghigliottina? Colpo di pistola alla nuca?
    O Capriè… fatti vedere da uno bravo.

  41. Mariano   30 gennaio 2014 at 15:57

    Qualcuno ha scritto che l’unica cosa bella di questa storia è la ragazza… oh MANCO QUELLA!
    Proprio un cellacieca..
    http://www.ilmessaggero.it/ABRUZZO/regione_abruzzo_inchiesta_spese_pazze_rimborsi_indagati_hard/notizie/486081.shtml

  42. Hotel del Sole   30 gennaio 2014 at 16:47

    oppure

    http://www.solealpantheonrome.com/italiano/camere.php
    niente male ora ci sono anche le promozioni!!!

    L’Albergo dell Sole al Pantheon ha una posizione unica nella città di Roma: di fronte al Pantheon nell’affascinante Piazza della Rotonda, giusto a metà strada tra Piazza Navona e Fontana di Trevi nello stesso luogo dove nel 1467 sorgeva la “Locanda del Montone”. Nel Rinascimento fu rinominato Albergo del Sole; nacque così l’Albergo del Sole al Pantheon, uno dei più antichi alberghi in tutto il mondo. Un prezioso pezzo dell’antichità che esperti restauratori hanno riportato al suo splendore originale. Un hotel esclusivo ed intimo, lontano dal caos della città. Qualità, cortesia, efficienza e disponibilità sono le punti di forza del nostro albergo.

    UNA TRADIZIONE DI OSPITALITA’

    Immutata nel tempo e rafforzata nei servizi e nelle offerte, la nostra ben conosciuta ospitalità ha reso possibile a personaggi come Ariosto di lasciare una traccia indelebile del passaggio della sua poesia. Così come Sarte assiduo frequentatore con Simone de Beauvoir.

    OSPITI SPECIALI

    Il punto d’incontro della ritirata per l’imperatore e le sue truppe (visitando la Junior Suites di Federico III d’Asburgo e Cagliostro). Un testimone di momenti importani (Mascagni celebrò la prima della Cavalleria Rusticana) L’Hotel Sole al Pantheon è sempre rimasto fedele alla sua vocazione di inno grazioso. Esclusiva, intima, lontana dalla frenesia della città, eppure così ricca del suo fascino, così vicina al suo cuore. Con la seduzione di una ambientazione suggestiva, unica e irripetibile in ogni sua manifestazione. Con l’orgoglio di un passato che il presente ha saputo avvicinare a molti.Anzi a pochi.

  43. Hotel del Sole   30 gennaio 2014 at 17:09

    Ancora:

    http://vimeo.com/43670329

  44. Anonimo   30 gennaio 2014 at 20:08

    nell’intervista lei dice che E” UN MEMBRO DI DIRITTO……hahahhahha e certo! S’e’ dovuta passa’ Chiodi, je spetta de diritto!

  45. liberale89   31 gennaio 2014 at 12:38

    Mi chiedo come facciate a chiedere ai vostri lettori di astenersi dal pubblicare commenti dal contenuto offensivo, diffamatorio, osceno, incitamenti alla violenza, alla rivolta, all’eversione, alla trasgressione o all’elusione. Voi che infarcite i vostri articoli di insulti, bugie, diffamazioni, notizie inesatte e illazioni. Questo articolo ne è un esempio lampante. “Chiodi ha avuto tanto culo nella sua carriera politica (proprio culo, non semplice fortuna)”, “ci fa vergognare per la sua miseria”, “politicamente un incapace…e ciò si evince da tutti i dati economici abruzzesi”(e qui Francia evita di sciorinare i suddetti dati, sapendo che le sue infamie sarebbero state facilmente smentite), “ora comprendo come mai il governatore e i suoi amichetti siano rientrati in Forza Italia: per la condivisione profonda con il leader del partito dell’importanza di una vita sessuale extraconiugale”, “Chiodi ci ha già procurato tanti guai in 15 anni”(quali, di cortesia?). La volontà del sig. Francia di intromettersi nella vita privata del Presidente Chiodi (di cui ovviamente no sa nulla), dall’alto della sua integerrima integrità morale, è un atto di vile meschinità, che denota come le finalità dell’articolo siano quelle di demolire non un avversario politico, ma un uomo considerato un nemico. D’altronde non avendo i mezzi e le capacità di fare altro bisogna per forza puntare su queste infami bassezze. Quale commento, dunque, potrà mai essere offensivo quanto questo tipo di articoli? E perché tanti commenti che contengono diffazioni e offese nei confronti di Chiodi, in quanto contrari al vostro regolamento, non sono stati rimossi? Sarà mica che il dovere di astenersi dall’ingiuria, in questo sito, sia a senso unico?

  46. liberale89   31 gennaio 2014 at 13:55

    Visto che il sig. Francia non dà alcuna precisazione sui presunti disastrosi dati economici abruzzesi, per completezza di informazione cerco di farlo io.
    Riguardo la disoccupazione L’Abruzzo (2 trimestre 2013) è l’unica regione, insieme alla Basilicata, che ha diminuito il numero di disoccupati rispetto al 2 trimestre 2012 (quindi in piena crisi economica mondiale).
    Per quanto riguarda i fondi Ue, la regione Abruzzo ha raggiunto tutti gli obiettivi di spesa assegnati dall’Unione Europea.
    Riguardo le tasse, quelle di competenza regionale (ovviamente Chiodi nulla può su quelle nazionali, come ogni persona con un minimo di preparazione dovrebbe sapere e come ogni buon giornalista dovrebbe evitare di omettere) sono scese del 30%, per via della diminuzione, votata dalla giunta Chiodi, di IRPEF e IRAP.
    Riguardo gli sprechi l’Abruzzo fu nominata, dal precedente governo Monti, regione target riguardo le spese politiche, a cui tutte le altre regioni dovevano fare riferimento. Inoltre è stata la prima a eliminare i vitalizi e a diminuire il numero dei consiglieri.
    Sull’industria l’Abruzzo, per la prima volta nella sua storia, fa segnare dati migliori rispetto a quelli delle Marche.
    Il rapporto tra mobilità passiva e attiva nel 2012 si è finalmente stabilizzato dopo anni di forti aumenti (precedenti alla gestione Chiodi).
    Riguardo la sanità l’Abruzzo si ritrova tra le pochissime regioni ad avere i conti in equilibrio, con efficienza dei servizi passata da “critica” a “buona, con qualche criticità” (definizioni non mie, ovviamente). Ritengo inutile soffermarmi sulla situazione sanitaria nel 2008, anno in cui la regione fu commissariata proprio per la scellerata gestione della sanità.
    Le categorie, anche se io le definirei meglio lobbies, hanno cominciato a lamentarsi in quanto hanno trovato una regione che ha detto basta agli sprechi e ha chiuso i carrozzoni inutili in cui i politici trombati trovano ripiego a spese nostre.
    Ritengo altresì inutile un appello alla vostra onestà intellettuale affinché i vostri lettori sappiano quanto di buono sia stato fatto in questi cinque anni, ma propongo quantomeno al sig. Francia di autocensurarsi in ossequio al vostro regolamento.

  47. Santacruz   31 gennaio 2014 at 14:12

    Gentile “liberale89”, mò chi lo spiega ai lettori pretestuosi e in malafede che io e lei non siamo la stessa persona?
    Comunque complimenti per le sue disamine precise, coerenti, dettagliate, civili ed intelligenti.
    Buona giornata.

  48. Santacruz (l'unico, il vero)   31 gennaio 2014 at 14:26

    Gentile “liberale 89”, mò chi lo spiega ai lettori pretestuosi e in malafede che io e lei non siamo la stessa persona?
    Comunque complimenti per le sue disamine precise, coerenti, dettagliate, civili ed intelligenti.
    Buona giornata.

    P.S. – se invio un post inserendo come nome “Santacruz” il commento non viene visualizzato.
    Se lo invio inserendo il mio pseudonimo integrato da qualcos’altro, per esempio “Santacruz (l’unico, il vero)”, il commento appare.
    Non voglio pensare niente, sarà un caso.
    Comunque si sappia che quello che ho sopra descritto accade veramente.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.