La politica da avanspettacolo. Ecco Il video che imbarazza mezzo Pd e indigna una città.

La politica da avanspettacolo. Ecco Il video che imbarazza mezzo Pd e indigna una città.

Qualche giorno fa, su Teleponte (il proprietario della Tv, Aldo Di Francesco, è stato condannato per truffa nel 2010 ad un anno e 6 mesi di reclusione dal Giudice Unico del Tribunale di Giulianova, ndr) è andato in onda uno spettacolo tristissimo degno del peggior avanspettacolo di provincia.

Protagonisti alcuni politici cittadini di destra e di sinistra, tutti insieme appassionatamente: Manola Di Pasquale, candidato sindaco per il Pd, Eva Guardiani del centro-destra e l’assessore regionale Paolo Gatti.

A scatenare il dibattito in studio un articolo pubblicato sul Fatto Teramano.

Baci, abbracci, stima ed un livello culturale nei dialoghi a dir poco imbarazzante. Sono tutti amici tra loro, sono “Cose Nostre”…

ECCO IL VIDEO

 maneva

 

Schermata 2014-01-15 a 13.47.06 Intanto il musicista e compositore teramano, Enrico Melozzi, presidente onorario di Teramo 3.0 posta sulla sua pagina di facebook il video e si scatenano le reazioni e i commenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

17 Responses to "La politica da avanspettacolo. Ecco Il video che imbarazza mezzo Pd e indigna una città."

  1. Anonimo   14 gennaio 2014 at 22:44

    Veramente cacofonici.

  2. Anonimo   14 gennaio 2014 at 22:48

    Ridicoli

  3. Anonimo   14 gennaio 2014 at 22:49

    Che spettacolo! Persone veramente preparate! Immaginatevi per un solo istante se la Di Pasquale e la Guardiani diventassero rispettivamente Sindaco e Vice Sindaco di Teramo. Sarebbe veramente la fine. Non voglio neanche pensarlo.

  4. Anonimo   14 gennaio 2014 at 22:56

    I 3 servi.

  5. Sciamanit   14 gennaio 2014 at 23:18

    ….e pensare che Gatti ha rischiato sul serio di essere il candidato sindaco del PD….. difficilmente la gente comune crederà ,mai a questo, ma dopo Cavallari è stato il candidato più vicino ad essere ufficializzato…se qualcuno che sa e che verrebbe certamente creduto decidesse di parlare….ahhhhh

  6. Anonimo   15 gennaio 2014 at 0:26

    scene da Gialappa’s! ah ah

  7. Carlo   15 gennaio 2014 at 9:20

    Beh quest’anno voglio proprio vedere chi verrà eletto io ci torno da Civitavecchia per votare contro questa gente che mi dà il voltastomaco perchè negli anni ha pensato dolo per se e i suoi amici.

  8. Anonimo   15 gennaio 2014 at 11:02

    Applauso a Carlo!!!!

  9. Anonimo   15 gennaio 2014 at 12:14

    Gente da eliminare, che lo capiscano i teramni coccioni, chiunque tranne Brucchi o quessa, spero in Pomante o 5 stelle senno Teramo è finita

  10. Franco De Angelis   15 gennaio 2014 at 12:57

    E’ la prova provata dell’inciucio, i due partiti di governo fanno le spartizione: Al PD Pescara/Chieti la Regione, il Comune di Teramo al centro destra. Come al solito ci rimetteranno i cittadini teramani…….uffa.. ancora Brucchi. Rinneghiamoli e mandiamoli a casa tutti.

  11. Anonimo   15 gennaio 2014 at 14:37

    Dovete essere più precisi su Aldo Di francesco! Il proprietario di Teleponte, è stato condannato a un anno e sei mesi di reclusione per truffa aggravata ai danni di un uomo di Sant’Egidio dal quale aveva acquistato, nel 2002, un immobile sito a San Benedetto del Tronto, del valore di oltre 500mila euro, senza pagarlo. La pena comminata a Di Francesco è stata sospesa in virtù della legge 241 del 2006, il cosiddetto indulto. Di Francesco, però, beneficiava già della sospensione condizionale di un’altra pena: un anno e cinque mesi che Di Francesco aveva patteggiato nel 2008 per un reato commesso nel luglio 2006. Se il proprietario di TP sarà condannato per truffa negli ulteriori gradi di giudizio e la sentenza diventerà definitiva, dovrà scontare la pena patteggiata due anni fa.

  12. TeramoDomani   15 gennaio 2014 at 15:47

    Tre minuti di grande spettacolo. In studio la Di Pasquale che dovrebbe rappresentare il PD come Sindaco. Poi ecco a voi Paolo Gatti quello che il Sindaco lo avrebbe dovuto fare su ordine di D’Alfonso prima dell’estate da buon democristiano. Ed infine l’Ass.re al Lavoro della Provincia Guardiani che in cinque anni di mandato proprio per il gran lavoro svolto è tornata indietro al Comune.

  13. Lilla   15 gennaio 2014 at 17:58

    La cosa triste sull’editore di Teleponte, Aldo Di Francesco, è che viene sostenuto dalla Banca di Teramo con prestiti senza garanzie (che garanzie avrebbe un truffatore nullatenente?). Famiglie ed imprese bisognose, invece, non riescono ad avere un euro dallo stesso istituto di credito. E’ la politica, baby! E poi, cosa avrà da ridere D’Amore che è stato appena cacciato come un topo dalla sua poltronona proprio dal caro Alduccio?

  14. Una ragazza stanca   15 gennaio 2014 at 18:03

    Caro Alberto, gli inciuci sono idiozie; la corsa alle poltrone è un’idiozia; prendere in giro la gente è un’idiozia; presentare impresentabili è un’idiozia; l’ignoranza è idiozia; le risatine di ‘stà gente costituiscono idiozia.
    Essere liberi di protestare per tutto ciò e cercare soluzioni per provare insieme a salvare questa povera città allo sbando non è un’idiozia, è un merito! Fai un favore a me e a tanti giovani come me che ci credono: torna nella caverna di arraffoni da cui sei uscito e restaci. Ma ti devi portare un sacco di viveri però, perché dovrai restarci un bel po’.
    Almeno cinque anni.

  15. Anonimo   15 gennaio 2014 at 20:51

    Davvero imbarazzanti. Tutti.
    Mi sento male…

  16. Christian   15 gennaio 2014 at 23:45

    Ricapitoliamo:
    1) Manola ed Eva sono come sorelle (quindi amiche per la pelle);
    2) La presumibile candidata sindaco del PD è pappa e ciccia con la presumibile candidata vice sindaco del PDL;
    3) L’una si appresta a denunciare le inadempienze dell’altra nei rispettivi ruoli politici, in una campagna elettorale che non ha precedenti nella storia della città. Ma ce le vedete a dirsele di santa ragione?

    Ci risparmino le ipocrisie e tornino a fare il loro lavoro: qui c’è bisogno di ricostruire quello che loro e i loro danti causa hanno sfasciato…

  17. Anonimo   17 gennaio 2014 at 12:53

    VUOL DIRE CHE NON VA A SANREMO! DOWNGRADE PER MELOZZI

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.