Abbattute le palme dell’Ospedale: si potevano salvare!

Abbattute le palme dell’Ospedale: si potevano salvare!

palme ospedale 1L’Associazione Robin Hood denuncia l’ennesimo atto di cattiva gestione perpretata dalla Giunta Brucchi. Sono state recentemente abbattute le palme che si trovavano nei pressi dell’Ospedale Civile di Teramo, perchè contaminate dal coleottero killer Punteruolo Rosso, micidiale parassita di molte specie di palme. Nonostante l’ordinanza di Brucchi n. 179 del 16/4/2013, nella quale si denunciava la presenza nel territorio del Comune di Teramo del pericoloso batterio, nulla è stato fatto per prevenire il contagio delle palme dell’Ospedale. All’inizio del 2013 la nostra associazione – dichiara in una nota l’Associazione Robin Hoodaveva lanciato il grido di allarme sul contagio di una palma dell’ex Ospedale Sanatoriale Alessandrini- Romualdi. La palma malata fu lasciata lì dalla ASL ed il Punteruolo Rosso libero di attaccare altre piante, contaminando l’area e le palme che vi insistono.


palme ospedale 2L’abbattimento immediato della pianta malata e la combustione del busto avrebbero determinano l’interruzione del ciclo produttivo dell’insetto e quindi si sarebbero potute salvare le altre piante. Aver trascurato la prima palma malata, seppur segnalata
– chiude la nota – ha determinato l’attacco delle altre e anche di quelle nelle foto, posizionate all’ingresso del nosocomio Mazzini.
La superficialità con la quale è stata gestita questa situazione, come molte altre trattate da questa fallimentare Amministrazione, ha determinato il conseguente abbattimento delle palme.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.