Chiodi è fra i governatori meno amati d’Italia: 14° su 17

Chiodi è fra i governatori meno amati d’Italia: 14° su 17

classifica_presidenti_di_regione_ governance_poll_2013 - Chiodi 14° su 17di Christian Francia

Gianni Chiodi è in ginocchio: risulta fra i governatori meno amati d’Italia. Gli abruzzesi lo odiano e sono disgustati dai risultati della sua attività di governo.

La Governance Poll 2013, la classifica pubblicata oggi sul quotidiano “Il Sole 24 ore” e redatta dall’Istituto Ipr Marketing, fotografa la situazione nazionale dei Presidenti di tutte le Regioni italiane e misura con il crisma dell’ufficialità quanto i cittadini continuano a pensare da anni: Chiodi e la sua Giunta hanno fallito, non verranno rivotati e andranno a casa.

Chiodi fa segnare il 14° posto su 17 Regioni censite, raccogliendo un misero 40% di consensi, perdendo il 5% rispetto al gradimento dello scorso anno (quando fece segnare un 45% piazzandosi al 13° posto su 14 Regioni) e perdendo l’8,8% rispetto al consenso effettivamente raccolto alle elezioni del dicembre 2008 (più di lui, dal giorni delle elezioni, hanno perso solo i suoi colleghi del PDL Scopelliti e Cappellacci).

Nessuno prima del Governatore aveva assommato su di sé tanti poteri tutti insieme: commissario sulla sanità (esautorando totalmente il consiglio regionale e gestendo 2,3 miliardi di euro l’anno); commissario sulla ricostruzione (stiamo iniziando a capire che i pochi interventi sono stati fatti spesso male e nella maggior parte degli altri casi nulla si è fatto); dominus incontrastato del fondo IPA Adriatico (289 milioni di euro) per il quale l’Abruzzo è Autorità di gestione dei numerosi Paesi europei coinvolti (fondo gestito malissimo e che infatti ci è stato tolto per la prossima programmazione 2014-2020).Chiodi

Chiodi ha gestito miliardi di euro in maniera talmente sbagliata che se solo avesse usato un minimo di acume si sarebbe garantito la rielezione a vita.

E invece, anno dopo anno, Chiodi ha dimostrato di pensare solo agli interessi di bottega (ricordate il minacciato sacrificio personale e dell’intera Giunta regionale nel caso Berlusconi non avesse ricandidato in Parlamento nel 2013 Paolo Tancredi che era fuori dalle liste?); ha dimostrato solo di effettuare nomine imposte da Roma oppure nomine amicali, in barba all’interesse degli Abruzzesi; ha dimostrato di avere intorno collaboratori non all’altezza del ruolo (quando va bene) o addirittura numerosi assessori entrati nell’occhio di cicloni giudiziari.

Chiodi è il nemico pubblico numero uno, l’Abruzzo è stato bombardato dalla sua incapacità politica e da quella di coloro che lo hanno affiancato.

Si vergogni e non si ripresenti agli elettori, se non vuole essere sonoramente fischiato nelle urne. Se invece vuole proprio ripresentarsi, onde evitare conseguenze spiacevoli, si metta almeno in testa un casco…Casco Silvio Berlusconi 2

 

One Response to "Chiodi è fra i governatori meno amati d’Italia: 14° su 17"

  1. Anonimo   14 gennaio 2014 at 22:53

    Vergogna.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.