Alfredo Giovannozzi prossimo direttore di TV6?

Alfredo Giovannozzi prossimo direttore di TV6?

Alfredo Giovannozzi sarà il prossimo direttore di Tv6. La notizia che già da qualche tempo circola nelle redazioni dei giornali e negli ambienti politici cittadini sarà presto confermata ufficialmente dalla propietà dell’emittente televisiva teramana.

Secondo indiscrezioni sarebbe stato proprio l’onorevole Paolo Tancredi a chiedere all’editore di Tv6 Campitelli di inserire l’ex direttore di Teleponte al posto dello storico responsabile dell’informazione Ferruccio Benvenuti, fatto fuori in malo modo poco più di un mese fa. Il 7 dicembre scorso, infatti, fu lo stesso Benvenuti ad annunciare, con amarezza, il suo defenestramento da parte dell’azienda, in diretta durante la conduzione del Tg. Una notizia che generò molte reazioni indignate da parte di giornalisti di altre testate, artisti e uomini di cultura. Benvenuti, oggi in cassa integrazione dopo vent’anni di straordinario lavoro nell’azienda, è considerato unanimemente un professionista serio e capace.

Nel frattempo, all’interno di Tv6, emittente in forte crisi economica e di ascolti, i malumori e lo sconcerto tra i dipendenti non mancano. In molti si chiedono se quella di Alfredo Giovannozzi possa essere davvero una scelta oculata.

Rivolgiamo, dunque, pubblicamente alcune domande all’editore di Tv6 Luciano Campitelli con la speranza che ci risponda, altrettanto pubblicamente, anche nel rispetto della cittadinanza e del pubblico televisivo.

Sarà davvero Alfredo Giovannozzi il prossimo direttore di Tv6? Se si perché?

Ha realmente ricevuto pressioni da parte dell’onorevole Tancredi?

A quanto ammontano i debiti e le perdite dell’azienda Tv6?

Che tipo di finanziamento, pubblico e privato, riceve l’emittente o lei direttamente?

Quali sono i suoi rapporti con la Banca di Teramo?

7 Responses to "Alfredo Giovannozzi prossimo direttore di TV6?"

  1. Marta   12 gennaio 2014 at 21:58

    Non siete sulla notizia! Le trattative per il nuovo direttore di Tv6 non riguardano Giovannozzi. Lui, povero in canna ci spera ma non sarà’ così’. Il prossimo direttore di Tv6 sarà’ Walter Cori. A giorni la conferma.
    Ma non siete proprio sul pezzo! A fine mese anche Teleponte cambierà’ direttore. D’Amore e il suo gruppetto e’ stato messo alla porta da Di Francesco. Un rapporto che finirà’ in tribunale con strascichi spaventosi fatti di denunce e rivelazioni sensazionali.
    Poveri noi, poveri loro

  2. marco   12 gennaio 2014 at 22:26

    Nel frattempo a Teramo si è tenuta una conferenza nella quale l’avvocato Felice Carlo Besostri, il professore Enzo Di Salvatore, la senatrice Enza Blundo, il senatore Mario Michele Giarrusso hanno informato della situzione di deficit democratico esistente oggi in Italia ed in Europa derivante dal disconoscimento di quella sovranità popolare, che tutte le Costituzioni europee e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Tranne teleponte gli organi di “informazione” ovviamente si sono ben guardati di darne alcun cenno

  3. Angelo   13 gennaio 2014 at 10:35

    Piccola correzione all’articolo. Benvenuti, così come i colleghi Lupacchini e Primante, non è in cassa integrazione ma in ferie forzate e a breve scatterà il licenziamento.

  4. TeramoDomani   13 gennaio 2014 at 12:53

    Ma quello stesso Walter Cori al quale Campitelli ha regalato un canale per fargli ritirare la denuncia o sbaglio ???

  5. Giancarlo Puritani   13 gennaio 2014 at 17:37

    Aria, aria!!!!

  6. Ginetto   13 gennaio 2014 at 17:55

    Le emittenti locali sono messe malissimo. Rete8 avrebbe annunciato 40 licenziamenti per la gioia del Governatore Chiodi che alla fine troverà’ il sistema per dare soldi solo a Teleponte. Ma noi controlleremo ogni bando ed ogni progetto regionale e riferiremo all’opinione pubblica
    FREEDOM

  7. Marcello   13 gennaio 2014 at 20:56

    Pure Puritani commenta…

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.