Guai morire a Miano, un cimitero all’incuria

IMG_2925Le ultime salme sono state tumulate a terra, così alla rinfusa. I segni di cingolato fanno scempio un po’ dappertutto nel piccolo cimitero sopra il cocuzzolo di Miano, proprio dinanzi ad un baluginante scenario della catena del Gran Sasso a mezzogiorno, a tre svolte del paese. L’entrata principale è sbarrata ormai da dieci anni, solo una tinteggiata di vernice color ghiaccio e niente più al cancello, le crepe s’avviluppano come serpenti in una giungla a destra e sinistra lungo la costruzione di mattoncini rosa. Ci guida Antonio, tra le cappelle private e semplici loculi, attraversarti da fili di corrente che pericolosamente a mo’ di tendine ornano nomi e cognomi di un passato. Mostra con il suo dito grassoccio il quadro elettrico completamento aperto: “Lì c’è la 220” mormora per non risvegliare i sonni eterni. Chiama a se’ un signore che più giù, dopo una fila di cipressi, onora la domenica tra qualcuno di caro che se n’è andato. “Vieni qua, diglielo anche tu”. “Scino”. Cerca di raccapezzarsi. “E’ uno scandalo”. I due secchi di spazzatura traboccano di fiori tagliati e di scatole. “E’ un cimitero del Medioevo” si gira sconsolato Antonio. Ma la situazione degli altri cimiteri frazionali non è che sia granché meglio. “Che fa il nostro sindaco, dorme?”. E a proposito del sonno della ragione e di quello eterno, c’è anche spazio per la dormita della Team a Miano, partecipata che gestisce anche i cimiteri. “La spazzatrice passa solo il 25 Aprile da noi, quando c’è la fiera…e basta, gli altri giorni non la vediamo”. Un porta bare metallico è abbandonato in mezzo all’erba, in attesa di qualche legno lucido da sormontare, e al vento le lapidi sul ventre della terra sono disseminate come in un b-movie americano di horror, “nemmeno un cane si seppellisce così”.

È mezzogiorno. Il sole sfavilla a sud. È incantevole coprirsi il volto con la mano sulla fronte corrucciata. “E’ un paradiso qui”. “Sì ma guai morirci”.

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.