L’Agorà di Piazza del Popolo di Roma

unnamedIl 18 mercoledì c.m. dopo una settimana di informazione/blocco con volantini e dialoghi fatti con i cittadini nei pressi di ponte San Ferdinando, aiutato da una trentina di giovani di varie idee politiche di destra e sinistra, ho partecipato insieme al gruppo di Teramo e Val Vibrata del Movimento 9dicembre2013, non dei forconi, come spesso viene erroneamente riportato, a quello che amo definire un incontro nell’Agorà capitolina di Piazza del Popolo, con tutti i veri italiani che hanno avuto il coraggio di metterci la faccia. Ci siamo confrontati con vari gruppi ed in diversi capannelli spontanei, ascoltando e raccontando i problemi legati ai propri territori. Un dato fondamentale è emerso, la mancanza di fiducia verso i propri politici e l’ incapacità dell’attuale governo di rispondere ai bisogni reali del popolo italiano.  Niente disordini ed un grado di dignità e civiltà certamente non riscontrabili nella casta politica. Chi ha avuto la parola dal palco, non negata a nessuno, tra cui in rappresentanza del territorio teramano, Stefano Flajani, ha raccontato con sofferenza e dignità le proprie difficoltà aziendali e personali con momenti toccanti quando si sono ricordati, con un minuto di silenzio molto partecipato, i “suicidi sociali” di tutte quelle persone che hanno perso la speranza. La partecipazione anche se inferiore alle attese ha occupato il 20% della piena capienza della piazza e stimata prudentemente in 12-13.000 presenze, non 3.000 come riportato da alcuni giornali. Ho osservato con attenzione e partecipazione le persone intervenute e posso dire con assoluta certezza che esse rappresentavano l’intero spaccato sociale della nostra realtà lavorativa; dal lavoratore occupato al disoccupato, dall’imprenditore al libero professionista, dall’impiegato aziendale a quello pubblico, dall’insegnante allo studente, dal commerciante all’artigiano, con idee politiche diverse ma sotto un solo simbolo, “LA BANDIERA ITALIA”. Il popolo dell’Agorà di Piazza del Popolo accomunato da un profondo disamore verso la politica ed i politicanti, verso una casta sempre più autoreferenziale ed antidemocratica che in questo momento non rappresenta il popolo sovrano e la dignità della nostra nazione, hanno sentenziato con una sola voce:

MANDIAMOLI TUTTI A CASA.

N.B. – Alla fine della manifestazione, ore 20,30 circa, la piazza era pulita.

Franco De Angelis

Movimento 9DICEMBRE2013unnamed

Leave a Reply

Il Fatto Teramano è l'unico sito che ti permette di commentare senza registrazione ed in forma totalmente anonima. Sta a te decidere se includere le tue generalità o meno. Nel momento in cui pubblichi il tuo commento dichiari di aver preso visione del nostro disclaimer e di accettarne le regole. Per inviare il tuo commento aiuta il sito a verificare la tua esistenza trascinando un'icona secondo le indicazioni e clicca su Commento all'articolo.

 

Your email address will not be published.